Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Recensioni La buia discesa di Elizabeth Frankenstein

  • User Icon
    31/10/2020 13:24:19

    Questo retelling di Frankenstein mi ha spaventato più dell'originale. Quest'ultimo non mi aveva fatto provare paura, ma solo compassione per la creatura, soprattutto durante il racconto della sua vita che faceva al suo creatore. Il romanzo della White invece mi ha fatto provare inquietudine durante tutta la lettura, fino a farmi arrivare al terrore negli ultimi capitoli. Nessun mostro può essere più spaventoso della follia umana.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    Amu
    12/03/2020 11:21:02

    Letto in due soli giorni e mi sono meravigliata di quanto sia un libro scritto bene ma soprattutto della protagonista. Ambiziosa, manipolatrice, anche vendicativa volendo, una protagonista straordinaria che cerca di sopravvivere facendo il possibile. Consiglio vivamente di leggerlo, vi innamorerete in breve tempo di Elizabeth, la donna che creò il dottor Frankenstein che tutti noi conosciamo per sopravvivere in un mondo che non la vuole.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    26/10/2018 06:53:16

    Mary Shelley ha creato Frankenstein, la White ha dato via a Elizabeth Frankenstein con questo suo retelling del famoso romanzo e la sua capacità di tenere fede all'originale, ma al tempo stesso creare qualcosa di nuovo e straordinariamente unico. La protagonista e voce narrante è Elizabeth, una bambina la cui infanzia è segnata da povertà e maltrattamenti, che si ritroverà ad essere "comprata" dalla famiglia Frankenstein non tanto per affetto, quanto per la necessità di trovare "un amico" al loro figlio Victor, così solitario e dall'atteggiamento ambiguo. Elizabeth in questo vede la possibilità di una nuova vita, del riscatto e per non rischiare di perdere questa nuova esistenza è disposta a tutto, anche a alterare gli eventi e diventare ciò che gli altri desiderano, crescendo in una sorta di menzogna continua che non la rende libera di essere sé stessa e condurrà verso il buio. Riga dopo riga si rivive la storia di Frankenstein, o la si scopre in qualche modo per quei pochi che non la conoscessero, da un'angolazione diversa e al tempo stesso affascinante. Tutti i personaggi sono descritti nelle loro complessità, approfonditi; anche se li si può conoscere solo attraverso gli occhi della protagonista e il ruolo che ricoprono nella sua vita ci si ritrova coinvolti nelle loro storie, nelle loro emozioni, a volte provando empatia altre spaventandosi delle loro azioni. È senza dubbio l'atmosfera tenebrosa che si respira durante la lettura uno degli aspetti che più colpisce nello stile dell'autrice, che è riuscita a descrivere i luoghi come se avessero un'anima, in grado di trasmetterne l'agghiacciante freddezza e un senso di profonda inquietudine. Lo stile dell'autrice è perfetto per riportare in vita una storia di questo tipo. Una lettura che ammalia e sorprende, dove tutti in qualche modo fanno emergere la loro oscurità, dove il genio e la follia corrono su un filo sottile che suscitano sensazioni forti.

    Leggi di più Riduci