Bulli e pupe

Guys and Dolls

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Guys and Dolls
Paese: Stati Uniti
Anno: 1955
Supporto: DVD
Salvato in 15 liste dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 10,99 €)

Considerati i migliori giocatori d'azzardo di New York, Sky Masterson e Nathan Detroit, non sanno resistere alla tentazione di fare o accettare scommesse su qualsiasi cosa. Così, quando una bella ragazza, appartenente all'Esercito della Salvezza, mette su bottega nel quartiere, Nathan scommette che Sky non riuscirà a sedurla. Ma tutte la posta in palio perdono di valore quando Sky si innamora perdutamente.
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    n.d.

    01/11/2017 15:19:17

    dopo anni di ricerche infruttifuose, sono riuscito a ottenere questo film anche con il sonoro dell'epoca che è originalissimo con lo slang newyorkese dell'epoca molto interessante; e poi strepitosa la canzone base del film a woman in love cantata sia da Brando che dalla Simmons: bellissima. Ricordo a chi non lo sapesse che questa è ancora adesso l'unica canzone americana (e straniera)che Celentano canta sempre nei suoi concerti, poi in inglese: non vorrei che lui si fosse innamorato di Claudia Mori proprio guardando questo film e innamorandosi anche della bellissima canzone. Grazie a voi veramente per questo regalo.

  • Produzione: A & R Productions, 2016
  • Distribuzione: A & R Productions
  • Durata: 143 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo);Inglese (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 2,55/1
  • Area0
  • Contenuti: speciale: doppiaggio originale d'epoca; foto; manifesto originale; colonna sonora: canzoni sottotitolate in italiano
  • Marlon Brando Cover

    Attore statunitense. Espulso da diverse scuole, inclusa un'accademia militare, e invitato dal padre a scegliersi un mestiere, decide di diventare attore (la madre gestiva una piccola compagnia teatrale). Trasferitosi a New York, studia alla New School e all'Actor's Studio dove, sotto la guida di S. Adler e L. Strasberg, si dedica in maniera maniacale al metodo di Stanislavskij, che porterà il suo stile recitativo a profondità inedite. Nel 1947 E. Kazan mette in scena a New York Un tram che si chiama desiderio di T. Williams, con B. nella parte di Stanley Kowalski: la sua interpretazione è così intensa e coinvolgente da impressionare le platee e i produttori di Hollywood, che cominciano a corteggiarlo. Il debutto sullo schermo avviene nel 1950, con Uomini di F. Zinnemann, nel quale impersona... Approfondisci
  • Jean Simmons Cover

    Attrice inglese. Dopo aver calcato il palcoscenico giovanissima, debutta sul grande schermo a soli quindici anni: bruna, intensa, bellezza delicata e quasi fragile, lavora con i maggiori registi inglesi, fino alla conquista di Hollywood. Dopo aver interpretato eroine quali l’Estella adolescente del dickensiano Grandi speranze (1946) di D. Lean e la giovane peccatrice indigena del melodrammatico Narciso nero (1947) di M. Powell, viene scelta da L. Olivier per il ruolo di Ofelia nello shakespeariano Amleto (1948), con cui conquista il premio per la migliore interpretazione a Venezia. Nelle pellicole successive è la crudele e inquieta protagonista del giallo Seduzione mortale (1952) di O. Preminger, moderna e combattiva giovane in cerca del proprio destino nell’intimista L’attrice (1953) di G.... Approfondisci
  • Frank Sinatra Cover

    Cantante e attore statunitense. Dopo aver vinto un concorso canoro radiofonico si impone in breve tempo come uno dei più popolari solisti statunitensi, meritandosi il soprannome di «The voice», agli inizi degli anni '40. Di lì a poco esordisce sul grande schermo esibendosi prima come cantante, per poi guadagnarsi ruoli attoriali di tutto rispetto. I primi successi li ottiene in coppia con il ballerino G. Kelly in musical come Due marinai e una ragazza (1945) di G. Sidney e Un giorno a New York (1949) di S. Donen, in cui dà prova di notevole disinvoltura ed eclettismo. Agli inizi degli anni '50, colpito da gravi disturbi alle corde vocali, abbandona momentaneamente la canzone per dedicarsi al cinema: la sua recitazione istintiva e il serio impegno interpretativo, uniti a un talento eterogeneo... Approfondisci
Note legali