Categorie

Terry Pratchett, Neil Gaiman

Traduttore: L. Fusari
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
Pagine: 381 p. , Brossura

57 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Fantasy

  • EAN: 9788804579915

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Musashi1978

    07/10/2016 13.22.57

    Libro davvero ben scritto e scorrevole; sinceramente non l'ho trovato per nulla esilarante, anzi, si e no avrò sorriso su due o tre pagine; sembra quasi ci sia più la mano di Gaiman che di Pratchett. Rimane un libro gradevole, con personaggi sono caratterizzati benissimo e con una storia che alla fine ti lascia pensare sull'andazzo, non tanto idilliaco, del nostro mondo.

  • User Icon

    Raffaele

    13/09/2016 12.12.21

    Il libro è molto carino, pieno di situazioni simpatiche e personaggi divertenti. La trama genrerale ti cattura da subito ma peccato per il finale, un po' debole, che ti lascia un senso di delusione (troppe aspettative).

  • User Icon

    Christian Capriello

    06/12/2015 18.01.35

    Ho iniziato a leggere il volume e dopo poche pagine mi è cascato un paio di volte il libro dalle mani tant'era il ridere, visto che alcune battute e freddure riescono a esser così taglienti e immediate che quasi ti prendono in contropiede. Il bene e il male simbioticamente a braccetto come metafora di quell'equilibrio che mai riesce a trovarsi tanto negli umori dei protagonisti quanto nel quotidiano di chiunque. Del resto, qui di metafore ne troverete a iosa. Il "vedo non vedo", "sento non sento", "parlo non parlo" delle tre celebri scimmiette, si attaglia alla maggior parte dei personaggi di questo riuscitissimo romanzo; nella cui ironia, a seconda della chiave di lettura che si vuole dare all'intera trama, si cela probabilmente anche tanta sincera amarezza nell'esser consapevoli di quanta realtà ivi si trova diffusa nei singoli capitoli, come rivoli di quella quotidiana vigliaccheria e/o perfidia di cui tante persone si ammantano pur nel voler mostrare quel volto pulito e integerrimo di cui materialmente non dispongono. Consigliatissimo!

  • User Icon

    Rosa Elena

    14/04/2015 12.16.35

    Romanzo molto divertente, che sfugge alle definizioni di genere. Ciò si deve senza dubbio all'influsso di Neil Gaiman, sempre abile a calare nella nostra realtà il magico e il divino, amalgamandoli con il tessuto delle cose comuni. E' molto piacevole riuscire a cogliere elementi tipici dello stile dei due autori, ognuno geniale a modo suo: pur lavorando insieme, sono riusciti a mantenere vivi entrambi gli stili. Alcune trovate sono tipiche di Terry Pratchett, altre di Neil Gaiman: il risultato finale è raffinato e geniale. Leggo che qualcuno non ha apprezzato il finale, al contrario io l'ho trovato dolce e poetico. Uniche note negative vanno alla stampa (zeppa di errori) ed al traduttore, che spesso non ha reso bene il congiuntivo e addirittura ha frainteso un gioco di parole tra 'peach' e 'peace', rendendolo in italiano in una maniera piuttosto difficoltosa da capire.

  • User Icon

    Marta

    13/03/2015 14.30.58

    L'ho iniziato perché consigliato.. purtroppo non è il mio genere e sono arrivata a stento alla fine. Deve piacere molto questo genere letterario.

  • User Icon

    elisabeth

    12/12/2014 13.46.03

    Davvero esilarante! Finalmente un po' di umorismo intelligiente! Peccato che il finale perda leggermente.

  • User Icon

    Gondrano

    02/06/2013 14.58.54

    Romanzo spassosissimo. Un'esplosione di fantasia e di personaggi tutti azzeccatissimi, ed intuizioni e situazioni davvero geniali. E' il primo romanzo di Pratchett che leggo, e a questo punto ho la smania di leggere tutto il resto.

  • User Icon

    Sara Jain

    07/01/2013 03.44.01

    A mio parere un libro grandioso, geniale fino. O geniale, fino. Piuttosto fitto di personaggi per sole meno di 400 pagine, ma soprattutto perché ognuno è una creazione originale, non una sagoma piatta, non ritagliato lungo i bordi sulla pagina; ognuno con un suo spessore, o profondità, a seconda. Gli eventi sono abilmente orchestrati, così non fosse, il romanzo avrebbe potuto cadere nel caos più totale e risultare in una lettura difficoltosa e poco stuzzicante. Invece, è come il primo morso a un kebab (o qualsiasi leccornia casualmente riempita): un morso è carne e pomodoro, l'altro più cipolla ed insalata, il prossimo non sai mai. Forse ancora carne. Forse patatine fritte. E' il tipo di libro che ti rende così entusiasta da fartelo comparare a cose assurde tipo i kebab. Potrei tessere le lodi all'infinito, ma il punto di questo libro è che è PIENO di errori di stampa: lettere in più, spazi mancanti, punteggiatura assortita in offerta 2 x 1, addirittura un "Pece" anziché "Pace" - che è piuttosto grave destabilizzante nella lettura perché crea davvero un problema nel comprendere la trama, se non lo si sospetta-, et cetera. Lo stesso problema l'ho riscontrato in "American Gods" di Neil Gaiman, della stessa collana, ristampa, Piccola Biblioteca Mondadori. Totalmente, raccomandato, se avete pazienza con tutte le brutture ortografiche.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione