Categorie

Carla Del Ponte, Chuck Sudetic

Editore: Feltrinelli
Collana: Serie bianca
Anno edizione: 2008
Pagine: 412 p. , Brossura
  • EAN: 9788807171444

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Francesco

    07/04/2009 10.25.15

    Un libro che ha fatto molto discutere, un testo del quale ne è stato chiesto il blocco della pubblicazione da parte della Serbia, con vivaci proteste.Leggete quanto pubblica Feltrinelli (editore) a proposito. E non potrebbe essere diversamente per un libro che rappresenta un pugno nello stomaco sulla vicenda più cruenta, sanguinosa e vergognosa degli ultimi cinquant'anni. Non si parlava dal '45 di campi di concentramento, sterminio, deportazioni, genocidio, e la nuova arma di "distruzione di massa" sperimentata efficacemente dai macellai serbo-bosniaci rappresentata dallo strupro-etnico a danno delle popolazioni musulmane dell'area. L'autrice del libro, "madame il Procuratore" capo della Procura del Tribunale internazionale dell'Ex Jugoslavia con tutto l'ufficio di Procura conduce una caccia spietata, senza risparmiare nessuno, in modi e termini, al fine di catturare tutti i complici e correi dei crimini contro l'umanità e crimini di guerra commessi da tutti i soggetti coinvolti nella vicenda dei Balcani(dal lato serbo-bosniaco, dal lato kossovaro(uck), dal lato montenegrino). Con tono serrato,senza lasciare respiro al lettore, il Procuratore ci racconto giorno dopo giorno l'attività del Tribunale coinvolto su doppio fronte: quello dei Balcani e quello del Ruanda, con un parallelo continuo che rende efficace la narrazione. La storia dei Balcani è quella che si protrae fino alla fine del testo, ed è la più avvincente, ma non meno cruenta di quella ruandese. Ciò che fa male nel leggere il libro, ciò che rende l'animo inquieto del lettore, è che si poteva fare forse dippiù. Il Procuratore, a costo di pagare il prezzo della sua stessa posizione, ha fatto l'impossibile per superare il "muro di gomma" innalzato dalla Comunità internazionale (=leggi in primis il Segretario Generale...i capi di Stato, gli stessi Paesi implicati nei crimini che sono ostruzionisti verso le indagini..fino all'inverosimile).Fa male sapere che nemmeno dinanzi ai 7500 morti di Srebrenica,c'è chi voglia conoscere la verità

Scrivi una recensione