Categorie

Antonio Pennacchi

Editore: Mondadori
Edizione: 1
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
Pagine: 462 p.
  • EAN: 9788804660200
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Nicola

    23/09/2016 13.12.01

    Se vi aspettate un romanzo, rimarrete delusi. Canale Mussolini è in realtà un saggio storico con a margine una saga familiare. Nonostante ciò è ben scritto e appassionante, anche se in faticoso in taluni passaggi a causa di salti spazio-temporali. Meglio leggerlo su un divano che a letto...

  • User Icon

    aledifra

    29/06/2016 10.00.06

    Mi spiace dissociarmi dai precedenti commenti positivi ma, purtroppo, questo libro non mi ha conquistata. Le troppe descrizioni e le numerose divagazioni non mi hanno fatto apprezzare fino in fondo il racconto che ho trovato, a tratti, noioso.

  • User Icon

    Rory

    26/05/2016 11.02.33

    Poichè mi hanno regalato "Canale Mussolini parte seconda", ho deciso di cominciare dal primo, che finora non avevo letto. Bel romanzo, un vero affresco, ricco di sentimenti e di verità. Non c'è un linguaggio ricercato, tantomeno letterario, ma ne vale comunque la pena.

  • User Icon

    roberta valeria

    07/05/2016 17.46.49

    Questo romanzo è un affresco storico dell'Italia nei primi cinquant'anni del Novecento. Il linguaggio è semplice, lineare, un italiano parlato (con intercalari di dialetto veneto-pontino) e per questo non ha, a mio giudizio, sotto certi aspetti, un enorme valore letterario; tuttavia è davvero un gioiello, in quanto, in primo luogo, l'autore ha forgiato un lessico particolarissimo, tutto suo, mai pacchiano, né ridondante e, in secondo luogo, perché egli espone la situazione politica e sociale di un importante periodo della storia d'Italia, così come fu vissuta da una porzione della popolazione peninsulare: la storia "vista" (romanzata) dagli stessi protagonisti, dalla gente comune (emiliani, romagnoli e veneti emigrati nell'Agro Pontino, durante la dittatura fascista). Interessante è la presentazione della figura di Mussolini e di altri personaggi di rilievo del periodo. Non voglio svelare di più, ne consiglio vivamente la lettura.

  • User Icon

    ezio

    25/04/2016 09.01.58

    stile scorrevole, ma per niente banale. talmente ben strutturato che le lunghe digressioni non fanno mai perdere il filo del discroso. per quanto riguarda i contenuti, le vicende della famiglia peruzzi si intrecciano magistralmente con quelle storiche e cio' consente all'autore di esprimere li proprio punto di vista senza trasformare il romanzo in un saggio.

  • User Icon

    Claudio De Liberato

    12/04/2016 14.12.27

    Non esito a definire questo libro geniale, un libro che tutti, ma proprio tutti, dovrebbero leggere, geniale sia per i contenuti che per lo stile. Pennacchi si è veramente inventato un capolavoro, originale, senza precedenti, è riuscito, con una narrazione divertente, intelligente ed avvincente, a narrare 40 anni della storia italiana, rendendola mille volte più interessante che in un libro di storia. Mille fatti ed aneddoti che hanno fatto la storia e che rimangono impressi. Altro grande pregio del libro, visto il periodo storico narrato, è il mantenersi distante dal giudizio ideologico, che avrebbe banalizzato tutto. La condanna delle atrocità cui ci ha portato il fascismo c'è tutta, ma c'è anche in sottofondo la spiegazione di come si è potuto arrivare a tutto ciò, di come la gente comune si sia trovata invischiata ed irretita da un meccanismo che ha portato poi alla catastrofe, ma che al momento è venuto quasi naturale. Un libro che andrebbe adottato nelle scuole.

  • User Icon

    Gianfranco

    11/01/2016 16.33.52

    Ho letto con grande coinvolgimento questo bel romanzo storico. Esso è ambientato in parte nel Polesine e sopratutto in Agro Pontino. La scrittura è piuttosto scorrevole e Pennacchi riesce a miscelare con molta abilità le vicende familiari dei Peruzzi, con un pezzo di storia dell'Italia. Mette in luce alcuni aspetti del periodo fascista che personalmente non conoscevo, e mi ha anche stimolato ad approfondire il periodo relativo alla guerra di Abissinia e alla nefasta alleanza con il fuhrer.

  • User Icon

    Michele

    03/01/2016 11.22.25

    Grande romanzo, ricco e straripante, in grado di raccontare con grande facilità un capitolo importante/angosciante della nostra storia. Opera ponderosa che scorre come un fiume(o canale) e travolge tutto e tutti. Bei personaggi, bello stile, bella storia...da leggere!

  • User Icon

    francesco

    11/05/2015 13.26.11

    Sono del bassopolesine, di madre ferrarese; i miei avi paterni furono mezzadri, mentre mio nonno e mio padre(che hanno combattutto la prima e la seconda guerra mondiale)finalmente divennero proprietari del loro podere: CHE EMOZIONI nel leggere il libro e rivivere i vecchi racconti di mio nonno e di mia madre. Il valore del contenuto storico è innegabile. La vicenda dei personaggi è molto verosimile, mentre il finale volutamente di fantasia è vera poesia. Gran bel libro. PS: ho anche un cugino prete!

  • User Icon

    Marco76

    27/04/2014 10.19.14

    Che bello! un vero capolavoro, ben scritto e di facile lettura erano anni he non leggvo un romanzo storico di questa caratura. BEN FATTO!!!

  • User Icon

    Simone

    21/02/2014 12.54.53

    Bellissimo, da leggere. Una storia davvero ben scritta, che si svolge lungo tutti gli eventi della prima metà del '900 italiano. I personaggi sono carismatici e ben delineati: Pericle, L'Armida, Temistocle, La Nonna, Paride. Quello che più mi ha colpito è il linguaggio volutamente basso e semplice con il quale la voce narrante racconta gli eventi storici che via via avvengono. Finale a sorpresa. Gran libro!

  • User Icon

    Carla

    24/01/2014 10.25.02

    Davvero un buon libro. Un pezzo di storia italiana raccontata con intelligenza, ironia, arguzia. Godibilissimo, non annoia mai. I personaggi bucano le pagine, sono reali, te li senti accanto e ti fanno venire voglia di non arrenderti mai, davanti a nulla ...

  • User Icon

    Patrizia

    13/12/2013 22.50.58

    Ma perchè mette in bocca ai protagonisti un dialetto veneto, facendoli originare da terre ferraresi? Il voto è relativo quasi esclusivamente al grandissimo contributo storico. Però tutto l'insieme è TROPPO, è ESAGERATO, secondo me; per cui mi sono ritrovata in parecchi passaggi a sbuffare, in sostanza mi ha stufata varie volte, ho faticato a procedere. Infatti l'avevo comprato diverso tempo fa, l'avevo iniziato e l'avevo abbandonato. Ora l'ho voluto riprendere, ma è stato faticoso arrivare alla fine. L'autore avrebbe potuto distribuire lo stesso materiale in tre libri! Ma forse fondamentalmente il problema sta nel fatto che non c'è mai un picco, un'ascesa, una discesa. Mi permetto di precisare che i cappelletti ferraresi non si fanno come li fa la nonna della storia. Non c'è davvero alcun personaggio di rilievo, anche i maggiori si uniformano fra loro. Ciò che mi è piaciuto sono i sentimenti di unità familiare.

  • User Icon

    Paola

    01/09/2013 14.57.05

    Superate le prime 100 pagine diventa decisamente più scorrevole. Bella saga familiare ricca di retroscena e con importanti aneddoti storici.

  • User Icon

    Mico Imperiali

    19/08/2013 18.20.37

    Capolavoro ! Aiuta a capire la nascita e la diffusione del fascismo meglio di cento libri di storia. Epopea familiare, romanzo estremamente avvincente.

  • User Icon

    Medicus48

    02/06/2013 16.54.33

    Finalmente uno strega che vale! Molto bello, una storia di una famiglia in un racconto d'una parte di storia d' Italia . Non do 5 perché' riservato ai capolavori. Da leggere sicuramente.

  • User Icon

    michele

    11/02/2013 20.53.58

    Mi aspettavo di più. A tratti la lettura è appesantita da troppi ghirigori e dal compiacimento dell'autore per la sua bravura. Alcuni personaggi lasciano il segno, altri sono più tiepidi. Nel complesso una lettura gradevole. in dubbio tra il 3 e il 4, scelgo il 3 per quel pizzico di delusione delle aspettative, avendo vinto lo Strega

  • User Icon

    Diego

    25/10/2012 20.24.13

    Storia di una famiglia contadina del Polesine che a mio avviso non lascia di certo un ricordo indelebile. Ho trovato però un importante lato positivo nel racconto, in quanto tratta una parte della Storia Patria dimenticata dai più: la bonifica e successiva colonizzazione dell'Agro Pontino. Preso in prestito in biblioteca: ottima idea.

  • User Icon

    virginio

    15/09/2012 14.13.14

    Se si è appassionati di storia allora Canale Mussolini è un ottimo romanzo proprio perché al termine della lettura si avranno tutta una serie di nuove conoscenze, ma al di là dello storico mi è apparso un romanzo pieno di umanità e vita vissuta. Alle volte pesante nella lettura, ma indubbiamente da leggere.

  • User Icon

    beniaminoz.

    30/08/2012 15.46.02

    Per fame. Lo abbiamo fatto solo per fare. In queste parole di Pennacchi vi è il senso, il contenuto, la morale e lo scopo di questa storica avventura italiana che viene narrata nel libro. Sotto il dogma allora imperante del 'Credere, Obbedire, Combattere'. Per me che vivo in quelle zone non è difficile, attraverso la lettura, riconoscere luoghi, vicende, città e soprattutto, con i 'ringraziamenti finali' attraverso i 'cognomi' l'amico, il padre, gli zii o altri parenti di lontani compagni di scuola. Un libro che coinvolge anche per questo. Leggerlo oltre che un viaggio nella storia è anche la narrazione di una vita di un padre o di un parente prossimo. I valori di cui, pur nella immensa ingenuità dei protagonisti, testimonia di una integratà morale dei protagonisti oggi sconosciuta. Peccato minimo che gli può essere perdonata.Mai, però, un cattivo insegnamento, ma un 'tirare a campare' in mezzo a mille sofferenze e difficoltà (la guerra,la malaria, la fame, la povertà, il bisogno, i sacrifici, il lavoro, l'ignoranza, ecc.). La saga della famiglia Peruzzi, con tutti i suoi protagonisti, giunge fino ai nostri giorni. Per trovare un Paese radicalmente cambiato. Il 'Paese dei marocchi' come usa dire anche l'autore dove il dogma imperante è un altro, al quale tutti controvoglia cercano di adeguarsi: Soldi, Sesso e Potere. Ma dove oltre non esiste alcun valore condivisibile. Ottima lettura. Da completare, però, con la conoscenza personale dell'autore.

Vedi tutte le 144 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione