Editore: Einaudi
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 19 maggio 2014
Pagine: 132 p.
  • EAN: 9788806221997
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,86

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Carlo

    19/04/2018 14:01:52

    Romanzo estremamente interessante, capace oggi più che mai di far riflettere sui limiti della modernità e sull’ingenuità/presunzione di chi parla del “Migliore dei mondi possibili”, affermazione a dir poco azzardata. Per quanto concerne lo stile, Montanelli ricordava come “di Voltaire si possano discutere tesi e opinioni, nessuno scrittore al mondo è però riuscito ad esporle con altrettanta tersità, vigore polemico e sfavillio di immagini, a distanza di due secoli si può rileggere ogni suo scritto senza trovarvi un solo aggettivo superfluo o un grammo di adipe”. Direi che non è male come biglietto da visita, ci sono motivi a sufficienza per continuare a leggere “Candido” ed in generale ogni opera partorita dalla mente scintillante di Francois-Marie Arouet in arte Voltaire.

  • User Icon

    sandro landonio

    10/06/2017 06:23:06

    La satira contro l'idea del mondo come migliore delle combinazioni possibili é presente in tanti punti del libro, le azioni fantastiche che si succedono velocemente ci distraggono solo in parte da questo continuo leitmotiv, che risulta un po' fastidioso. Azioni che però non ci preparano alla soluzione finale per la quale “lavorare é il solo modo per rendere la vita sopportabile”. Mi piace notare l'apertura “geografica” del Candido dove Cadice, Paraguay, Suriname, Inghilterra e Venezia sono sfondi di un unica città globale, interconnessi e limitrofi. Leggendolo mi sono tornate alla mente le sensazion iprovate nella Galleria delle Carte Geografiche ai Musei Vaticani o nella sala del Mappamondo del palazzo di Caprarola.

Scrivi una recensione