Il cane che andava per mare e altri eccentrici siciliani - Stefano Malatesta - copertina

Il cane che andava per mare e altri eccentrici siciliani

Stefano Malatesta

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Neri Pozza
Collana: Tascabili
Edizione: 3
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
In commercio dal: 10 maggio 2002
Pagine: 204 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788873058656
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 4,32

€ 8,00

Punti Premium: 8

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gli italiani, nel corso dei secoli, sono stati definiti attraverso una moltitudine di luoghi comuni: geniali, cinici, estroversi, superstiziosi e così via. A nessuno è mai venuto in mente di definirli eccentrici. Gli unici eccentrici italiani, sostiene Stefano Malatesta, sono i siciliani. Le storie narrate in questo libro toccano, appunto, la "corda pazza", come diceva Luigi Pirandello, dei siciliani. Sono ventinove storie di varia natura e lunghezza che riguardano gli umani, tutti siciliani, con le eccezioni di tre forestieri: uno psicologo-mulattiere tedesco, un famoso scrittore inglese dell'Ottocento e un arciduca d'Asburgo, che si sono meritati la corda pazza ad honorem.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3
di 5
Totale 5
5
0
4
2
3
2
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Luis

    12/03/2005 00:50:52

    "Il cane che andava per mare e altri eccentrici siciliani" è un libro che vaga tra la storia e la narrativa, a volte immaginativa, di un grande scrittore di viaggi. In questo piccolo quadro sull'eccentricità siciliana, si vedono scorrere, piacevolmente, 27 storie che sottolineano questa capacità intrinseca che ogni siciliano ha, ma che solo pochi riescono a esprimere, anzi, oserei dire, non sopprimere. Il risultato di quest'opera è una gradevole lettura per gli appassionati di quella terra, tanto vicina quanto lontana, e tanto desiderata quanto apprezzata, che è la SICILIA. Particolare è il fatto che questo leggero ritratto della pazza sicilianità, venga fatto, non da un siciliano DOC, ma da "un uomo del continente". Paradosso comprensibile, considerando il fatto che, un tipico siciliano, essendo all'interno di questa "pazzia" ed essendone in qualche maniera "assuefatto", non sarebbe mai riuscito a scorgere tutte quelle sfumature che ha colto Stefano Malatesta, dimostrando al pubblico la sua essenza di viaggiatore. Non resta altro che complimentarsi con l'autore, per averci regalato questa piacevole summa di quella che lui definisce l'"eccentricità" di (noi) siciliani.

  • User Icon

    fazz

    26/08/2004 13:29:40

    effettivamente si sente il profumo di Sicilia; in certi racconti però sembra che l'autore tiri un po' in lungo per avere un pezzo più "corposo" nel complesso buono

  • User Icon

    Ernesto

    10/07/2004 15:31:52

    Deludente. Malatesta tenta a tutti i costi di cavar sangue dalle rape e di rendero bozzettistico ogni cosa. E nello strafare i racconti diventano caricature di se stessi. Così la Sicilia prde quell'equilibrio instabile che le è proprio e diventa materia per esercizi di stile poco riusciti.

  • User Icon

    Francesco

    25/12/2002 21:58:51

    Ho letto da siciliano un libro su i siciliani ed ho scoperto di desiderare, ancor più di prima, di diventare sempre più siciliano. Così son salito in macchina e mi sono diretto a Tusa, per conoscere Antonino Presti. Oggi sono ancora in viaggio, vi scrivo queste poche righe da un autogrill, sto mangiando un panino e sto leggendo per la settima volta "I fratelli Piccolo".

  • User Icon

    Valeria

    06/09/2002 13:02:54

    Ho avuto la fortuna di leggere questo libro durante le vacanze appena trascorse. Inizialmente lo avevo scelto per il mio amore per la terra di Sicilia e di tutte le sue curiosità.Poi leggendolo mi sono accorta di quante cose ancora non sapevo,e quante ancora dovrò scoprire su questa regione ricca di mistero. Malatesta è stato capace di cogliere gli aspetti più divertenti,ma allo stesso tempo talvolta tragici di avventure di uomini e donne più o meno semplici,talvolta nascosti dietro il profumo delle zagare scaldate dal sole. La facile lettura è aiutata dal fatto che le storie raccontate sono brevi e chiare e appena ne finisci una vuoi andare avanti per vedere quale altra cuiosità si nasconde nelle prossime righe.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente

Gli italiani non hanno mai avuto fama di essere stravaganti. Nel corso dei secoli sono stati definiti attraverso una moltitudine di luoghi comuni: geniali, cinici, opportunisti, estroversi, superstiziosi e così via. A nessuno è mai venuto in mente di definirli eccentrici. Gli unici eccentrici italiani, sostiene Stefano Malatesta, sono i siciliani. Le storie narrate in questo libro toccano, appunto, la "corda pazza", come diceva Luigi Pirandello, dei siciliani. Sono ventinove storie di varia natura e lunghezza e la prima parla di un cane marinaio e viaggiatore. Le altre riguardano gli umani, tutti siciliani, con le eccezioni di tre forestieri: uno psicologo-mulattiere tedesco, un famoso scrittore inglese dell'Ottocento e un arciduca d'Asburgo, che si sono meritati la corda pazza ad honorem. Tra baroni veri e falsi, poeti-pecorai, principesse, duchi gastronomi, maghi neri e sciamani, il risultato è uno straordinario, assolutamente anomalo ritratto della Sicilia, che Malatesta ha scritto nella sua casa siciliana, fortunosamente arrivatagli da un eccentrico.

  • Stefano Malatesta Cover

    Si è laureato in scienze politiche a Roma, città nella quale è nato. Ha cominciato a viaggiare ancora molto giovane, e da allora non ha mai smesso. È stato, nel corso di una vita ricchissima di avvenimenti, viceamministratore di una piantagione di tè alle Seychelles (quando ancora queste isole erano una colonia inglese), documentarista di animali, cronista di nera, inviato di guerra. Per «La Repubblica» scrive da oltre venticinque anni critiche d’arte, recensioni di libri e commenti e soprattutto racconti di viaggio sempre sulle tracce di qualcosa o di qualcuno, riprendendo una certa tradizione del recit de voyage quasi scomparsa nei giornali italiani e oggi fin troppo praticata. Oltre alle prime guide alla natura in Italia, ha scritto L’armata... Approfondisci
Note legali