Canti orfici e altre poesie

Dino Campana

Curatore: N. Bonifazi
Editore: Garzanti Libri
Collana: I grandi libri
Edizione: 7
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
Pagine: XXXIII-177 p., Brossura
  • EAN: 9788811363712

100° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Classici, poesia, teatro e critica - Poesia - Raccolte di poesia di singoli poeti

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luca Aquadro

    07/11/2017 17:24:34

    1 : Nascere in un paesino sperduto da un padre debole e remissivo e da una madre severa, bigotta e che vi preferisce il secondogenito. 2 : Iniziare la scuola a Faenza e finirla a Carmagnola. 3 : Voler frequentare la facoltà di Lettere e ritrovarsi in quella di Chimica. 4 : Sognare di fare il militare e vedersi riformato. 5 : Avere tratti somatici germanici alla vigilia della Prima Guerra Mondiale. 6 : Finire in carcere e in manicomio diverse volte ancor prima di laurearsi. 7 : Fare un viaggio in Argentina e finire col fare il suonatore di triangolo. 8 : Avere come primo vero amore Sibilla Aleramo. 9 : Dedicare il proprio primo (ed unico) libro "A Guglielmo II imperatore dei Germani" nel 1914. 10 : Consegnare prima della stampa l'unica copia manoscritta del proprio capolavoro a un grande intellettuale e scoprire che il grande intellettuale la smarrisce, costringendovi a riscriverla a memoria. Ovvero, dieci semplici consigli per ritrovarsi in manicomio in un men che non si dica. E. già che ci siamo, morire di setticemia in manicomio dopo quattordici anni di reclusione. Come Nietzsche, più di Nietzsche. Avendo, come autore preferito, indovinate un po' chi? Nietzsche. "Rivedo un fanciullo, lo stesso fanciullo, laggiù steso sull'erba. Sembra dormire. Ripenso alla mia fanciullezza: quanto tempo è trascorso da quando i bagliori magnetici delle stelle mi dissero per la prima volta dell'infinità delle morti!" (pp. 45-46) "Vi amai nella città dove per sole / strade si posa il passo illanguidito / dove una pace tenera che piove / a sera il cuor non sazio e non pentito / volge a un'ambigua primavera in viole / lontane sopra il cielo impallidito." (p. 124) "O quando o quando in un mattino ardente / l'anima mia si sveglierà nel sole / nel sole eterno, libera e fremente." (p. 100) Dino Campana (Marradi 1885 - Scandicci 1932)

  • User Icon

    Paolo

    31/08/2012 08:39:11

    Il grande Dino Campana, magnificamente consacrato dal suo delirio e dalla sua tormentata prigionia, dettata non solo dal manicomio, bensì dallo Stato stesso, dalla vita. Opera monumentale, che non ha nulla da invidiare ai grandi del '900 italiano. Eppure la scuola preferisce dedicare capitoli interi a D'Annunzio, ignorando questo meraviglioso personaggio. Paolo

  • User Icon

    fede80

    07/05/2008 12:22:32

    ...e in più c'è una bellissima introduzione.

  • User Icon

    Giuliano

    18/10/2007 12:54:20

    Mi viene da piangere pensando a quanti accademici hanno campato sulla sua opera e Lui non ne ha ricavato niente se non il manicomio. Se non temessi la censura aggiungerei qualcosa su Papini.

  • User Icon

    Nathanael

    01/07/2007 14:55:30

    La sera fumosa d'estate / dall'alta invetriata mesce chiarori nell'ombra / e mi lascia nel cuore un suggello ardente. / Ma chi ha (sul terrazzo sul fiume si accende una lampada) chi ha / a la Madonnina del Ponte chi è chi è che ha acceso la lampada - c'è / nella stanza un odor di putredine: c'è / nella stanza una piaga rossa languente. / Le stelle sono bottoni di madreperla e la sera si veste di velluto: / e tremola la sera fatua: è fatua la sera e tremola ma c'è / nel cuore della sera c'è / sempre una piaga rossa languente. (L'invetriata) Capolavoro.

  • User Icon

    federico

    31/05/2005 21:27:13

    Il più grande poeta italiano del novecento. Capolavoro.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione