Editore: Einaudi
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 8 aprile 2014
Pagine: 240 p.
  • EAN: 9788806221140
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 6,48

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mosè Allan Verena

    21/03/2018 23:59:55

    Vorrei solo esprimere a Cristiano Cant la mia ammirazione per tutte le sue recensioni ... a parte un paio di libri , ogni qual volta ha recensito un testo con " furia percettiva " per dirla con Ezra Pound, da 5 stelle .... effettivamente si soggiornava in un albergo di lusso ... che poi in quell'hotel ci si potesse tagliare le vene in pace in una sorta di piscina calda .... questo ne aggiunge solo il merito ...

  • User Icon

    Cristiano Cant

    18/01/2018 10:39:23

    Trovo trascritto su una vecchia cartolare un pensiero di Guido Ceronetti: "I soli versi che nel tempo hanno tenuto sono quelli la cui finestra lascia intravedere interni di malattia, di sofferenza, persino di demenza, ombre di dolore, lacrymae rerum...". Non so agganciare diversamente queste parole - pur fra i tanti richiami che si potrebbero fare - se non, nel loro massimo punto di verità (e niente affatto malato) a un poeta come Dino Campana. Se è sempre notte nel mondo di un poeta, ogni elemento di essa vi penetra e vi abita nel proprio intatto fulgore: stelle ed astri e carri e nuvole e nostalgie e sogni ed incubi e inutili risvegli, tutto si desta insieme e si somma in "quel viaggio chiamato poesia", vita di amaro privilegio. Si offrono nervi a questo scheletro rozzo che è l'umana imperfezione, una mano che azzardi qualche verso e pensieri intinti in qualche altrove meno indegno, e il tutto per cantare la vita in storture e piaghe, in timori e inviti, come giungono: "Io povero troviero di Parigi/ Solo t’offro un bouquet di strofe tenui./ Siimi benigno a ai vivi labbri ingenui/ Ch’io so, tremulo scendi o bacio e ridi". Avvolgono come disperazioni dolcissime queste poesie, come grida coscienti di sgorgare da un animo lacerato, melodie vaganti di un uomo che s'accosta ai bordi di un notturno e ne ruba qualche drappo, qualche linea di sangue: "Qual ponte, muti chiedemmo, qual ponte abbiamo gettato noi sull'infinito, che tutto ci appare ombra di eternità? A quale sogno levammo la nostalgia della nostra bellezza? La luna sorgeva nella sua vecchia vestaglia dietro la chiesa bizantina". Un libro che definire epocale è quasi un'onta alla sua mirabile bellezza, perché nel luogo più oscuro e più invitante, più doloroso e fuggitivo, più illusorio e splendido di tutti Campana ci è stato, lo ha scoperto, lo ha amato e lo ha svelato: la chimera, la sua, la nostra. Dunque la vita, una follia senza nessun rimedio dalla quale almeno far fiorire il bisogno della parola.

Scrivi una recensione