La canzone di Carla (DVD)

Carla's Song

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Carla's Song
Regia: Loach Ken
Paese: Regno Unito
Anno: 1996
Supporto: DVD
Salvato in 16 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 9,99 €)

George Lennox, un autista di autobus di Glasgow, incontra Carla, una profuga del Nicaragua che conduce un'esistenza al limite, e decide di aiutarla; la riaccompagna in patria e i due si mettono alla ricerca dei parenti e del fidanzato della ragazza.
  • Produzione: Bim Distribuzione, 2019
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Durata: 127 min
  • Lingua audio: Originale (Dolby Digital 2.0);Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; (forzati; su; lingua; originale)
  • Formato Schermo: 1,77:1
  • Area2
  • Robert Carlyle Cover

    Attore scozzese. Approdato a Londra dalla nativa Scozia, dove compie l’apprendistato sulle scene, deve la sua prima notorietà all’incontro con K. Loach. La sua interpretazione in Riff-Raff (1990), nel ruolo intenso e insieme misurato di un operaio edile, lo rivela al grande pubblico e gli apre le porte del cinema britannico e internazionale. Attore asciutto nel fisico e nel modo di porsi sullo schermo, è protagonista, o comprimario di rango, in Safe (1993) di T. Haynes, Trainspotting (1996) di D. Boyle, Go Now (1996) di M.?Winterbottom, Full Monty (1997) di P. Cattaneo, Le ceneri di Angela (2000) di A. Parker, Eragon (2006) di S. Fangmeier e 28 settimane dopo (2007) di J.C. Fresnadillo. Insieme con altri colleghi, fonda a Londra nel 1991 la Raindog Theatre Company. Approfondisci
  • Scott Glenn Cover

    Attore statunitense. Ex marine, fa il cronista di nera, finché non si iscrive all'Actor's Studio. Se il cinema all'inizio gli offre piccoli ruoli in film importanti (uno dei militari fedeli a Kurtz in Apocalypse Now, 1979, di F.F. Coppola), si mette in luce nel 1980 con Urban Cowboy di J. Bridges, in cui interpreta il rivale di J. Travolta. Si ritaglia così una nicchia nel cinema statunitense, occasionalmente come eroe (Silverado, 1985, di L. Kasdan), più spesso come individuo dalla morale ambigua (Caccia a Ottobre Rosso, 1990, di J. McTiernan), incarnando – con il volto granitico e il fisico asciutto – personaggi taciturni e solitari, poco propensi alle relazioni sociali (il superiore di J. Foster in Il silenzio degli innocenti, 1991, di J. Demme). Approfondisci
Note legali