Capitani della spiaggia

Jorge Amado

Traduttore: E. Grechi
Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 28 giugno 2007
Pagine: 268 p., Rilegato
  • EAN: 9788811683148
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 10,04
Descrizione

João Grande e Pedro Proiettile, il Professor Bella-Vita, il Gatto e Gamba-Zoppa, il negretto Barandão e la piccola Dora, il Siccità e il Lecca-Lecca sono i membri di una pericolosa banda di ragazzi che infesta il porto di Bahia in un'epoca di oppressione e di rivolta. Sciuscià o bespryzornie, olvidados o boys-of-the-rood, sono i bambini delinquenti, i reietti, il fiore nero e turbolento dell'abbandono e della miseria. Molti di questi ragazzi vengono travolti, ieri come oggi, dalla crudeltà di una società nemica o dalla logica perversa dell'autodistruzione ma, ricorda Amado, ci sono tra loro anche quelli che la fortuna (gli adulti, la storia) può assistere.

€ 10,04

€ 18,60

10 punti Premium

€ 15,81

€ 18,60

Risparmi € 2,79 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    fabio

    02/09/2011 11:55:00

    Splendida storia-denuncia di una banda di ninhos "randagi" di Salvador de Bahia. Un autentico capolavoro sudamericano. Da leggere.

  • User Icon

    Marco

    05/07/2011 22:19:26

    Figuriamoci che non volevo leggerlo! Invece l'ho trovato una poesia, dall'inizio alla fine. Un libro sui sentimenti, sugli stati d'animo, sulla riabilitazione dei reietti, sull'asprezza degli animi, sull'indifferenza degli adulti, con picchi ........ hobbesiani. Una poesia ma anche una condanna! Della condizione dei minori in certe società, dell'esclusione degli stessi da ogni assistenza, di quello che i bambini e i ragazzini hanno dovuto patire nella storia in taluni Paesi, del degrado, degli splendidi espedienti cui ricorrevano per sopravvivere. Impietoso, delicato, bellissimo. Marco

  • User Icon

    nico

    06/01/2008 16:39:01

    Un capolavoro assoluto. Struggente, bellissimo, un libro che parla al cuore. Molte pagine causano colpi nell'anima e terminarlo è stato come lasciare dei cari amici. Un libro che fa riflettere sulla condizione dei ninhos de rua brasiliani e che ci spingerebbe - se potessimo - a mettere noi stessi a loro disposizione, nel tentativo di concedere loro un'infanzia dignitosa. Da leggere, da regalare, da rileggere, da consigliare...

  • User Icon

    ant

    25/04/2005 13:45:45

    Da sottolineare tante piccole perle di usi e costumi locali(brasiliani ed anche angolani), però aleggia un clima di angoscia che è difficile metabolizzare

  • User Icon

    Gilda

    02/10/2004 17:42:17

    Meraviglioso...o come direbbe qualcuno Favoloso....di una poesia commovente che non sfocia però mai nella pietà ...lasciando i suoi enigmatici personaggi avvolti in un'atmosfera di mistero , rispetto e soprattutto DIGNITà...ASSOLUTAMENTE DA LEGGERE!

  • User Icon

    Xantippe

    11/10/2001 19:15:47

    Perchè la rivoluzione è una patria e una famiglia... NON DIMENTICHIAMOLO MAI

  • User Icon

    Fabio Marzocca

    17/07/2001 13:26:29

    La poesia di Amado mi ha sempre affascinato. In questo romanzo, più che negli altri, riesce a trasmettere l'essenza vera del Brasile di Bahia: la forza di un sentimento positivo anche nel vivere una tragedia.

  • User Icon

    roberta

    14/03/2001 16:27:06

    Penso che l'emozione che ne deriva dalla lettura di questo libro, come del resto anche per gli altri libri di AMADO, sia qualcosa di non facilmente spiegabile, difficile rimanere indifferenti a tanta poesia

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione