Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Il carezzevole - Massimo Lugli - ebook

Il carezzevole

Massimo Lugli

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 871,24 KB
Pagine della versione a stampa: 332 p.
  • EAN: 9788854128682

€ 3,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

spinner

Scaricabile subito

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Dall’autore di La legge di Lupo Solitario e L’istinto del Lupo (finalista al Premio Strega), un nuovo romanzo, crudo e scioccante, che prende spunto dalla cronaca nera per trasformarla ancora una volta in una storia indimenticabile.

Marco Corvino è un trasognato cronista alle prime armi, appena approdato alla redazione di un quotidiano romano. Siamo all’alba degli anni Settanta: i fermenti politici agitano le piazze, mentre nei bassifondi esplodono le guerre criminali della malavita organizzata. Tra un reportage dal ventre della metropoli e un attentato, tra una rapina e un’intervista alla vittima di uno stupro, la violenza urbana in ogni sua forma diventa per Corvino il pane quotidiano. Ma qualcosa cambia quando sulla sua strada appare il “Carezzevole”, uno spietato assassino senza nome e senza volto, che trascina le sue vittime in un gioco psicologico perverso fatto di trappole e indizi, seguendo un rituale legato ai cinque elementi della tradizione cinese: acqua, terra, fuoco, legno, metallo. Scelto dal killer per dare voce ai suoi deliri, Marco cercherà di resistere alla seduzione del male, ma dovrà scavare a fondo nella sua coscienza e confrontarsi con la parte più oscura di sé prima di arrivare al confronto finale con l’assassino.

Finalista Premio Roma 2010


Massimo Lugli

è nato a Roma nel 1955, dopo aver lavorato per anni a «Paese sera» è attualmente inviato speciale de «la Repubblica». Dal 1975 si occupa di cronaca nera e alterna la passione per il giornalismo e la scrittura con quella delle arti marziali, che pratica fin da bambino. Ha pubblicato Roma maledetta (1998) e, con la Newton Compton, La legge di Lupo solitario (2007). Ha ottenuto un grande successo di pubblico e di critica con L’istinto del Lupo, finalista al Premio Strega 2009.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,87
di 5
Totale 9
5
2
4
0
3
5
2
0
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    giacomo

    13/02/2021 14:14:34

    Adoro i romanzi di Massimo Lugli, e questa prima inchiesta di Marco Corvino mi è piaciuta molto, Leggerò sicuramente le tutte le inchieste.

  • User Icon

    Alice

    17/05/2020 19:56:08

    Massimo Lugli è un giornalista di cronaca nera e, leggendo questo romanzo e quelli successivi che hanno come protagonista sempre Marco Corvino, non ho potuto fare a meno di chiedermi in quanti e quali delitti si sia imbattuto nella sua carriera. Dico subito che lo stile è quello statunitense: serial killer efferato e storie di turbe e follie senza alcun risparmio. insieme a questo, però, la certa bravura dell'autore nel narrare la vicenda, nel creare una crescente suspance, nel descrivere una Roma inedita ma che, davvero, mette paura.

  • User Icon

    Nicola Bachis

    31/12/2013 01:28:54

    Ottimo romanzo, ottima trama, sarebbe perfetto per trarne un film che darebbe vita ad un nuovo personaggio icona del male. Consigliatissimo.

  • User Icon

    Giampiero

    07/04/2012 13:21:44

    Il romanzo è abbastanza scorrevole e lo stile dell'autore è graffiante, colorito e mai banale. Peccato, però, che il romanzo, anziché focalizzarsi sulla storia del "Carezzevole", si soffermi troppo sulla vita privata e lavorativa del protagonista Corvino. La storia "thriller" prende ritmo, infatti, solo nelle 30 pagine finali. Peccato. Comunque consiglierei il libro.

  • User Icon

    Moreno C.

    31/05/2011 10:38:35

    'Il carezzevole' è un libro che funziona. Venduto sotto l'etichetta di thriller, alla fine lo è, anche se per la quasi totalità delle pagine non lo sembra affatto: puntando a presentarci uno spaccato della vita di redazione di una testata giornalistica e incentrando tutto sulla formazione personale e professionale del protagonista (un giovane che aspira a diventare un cronista di nera e che si ritrova sballottato tra mille peripezie). Il linguaggio usato nella scrittura (costantemente colloquiale e traboccante di salacia) non contribuisce mai a far assumere al romanzo quel tono cupo che nelle crime-stories sarebbe desiderabile, ma comunque una certa inquietudine (legata alla figura del killer e alle sue folli pratiche, ma ancor di più all'effetto che queste finiscono per avere sulla mente del protagonista) si fa strada nel lettore. Non male.

  • User Icon

    ru

    20/04/2011 22:04:40

    Ho trovato il libro banale e scritto male. La storia non emerge mai, solo nelle ultime 30 pagine viene fuori la trama che poi è scontatissima. E' il primo libro che leggo di Lugli e sicuramente anche l'ultimo.

  • User Icon

    marcostraz

    05/07/2010 20:20:07

    Ho appena finito di leggere...devo dire un romanzo interessante, ben scritto, generalmente con un buon ritmo, ogni tanto mi è sembrato che girasse un pò a vuoto però nel totale un libro ben oltre la sufficienza...conferma secondo me che nel campo della letteratura probabilmente ancora produciamo delle cose dignitosissime e nella media...perchè penso che per giudicare un settore non vadano giudicati i picchi ma il livello medio...e il livello medio della letteratura italiana mi sembra molto più dignitoso di altri campi (penso al cinema)...

  • User Icon

    Luigi

    23/04/2010 19:01:57

    Banale,la trama è scontata e già vista. Il libro è scorrevole e si legge facilmente anche se come detto prima già dai primi capitoli si individua subito di che tipo di storia si tratta, ovvero la classica storia dell assassino seriale.

  • User Icon

    Andrea

    07/04/2010 10:42:12

    Romanzo non male, alterna bene l'ironia e la parte "violenta". E' forse un pò lungo perchè si perde a raccontare troppe avventure di giornale che non c'entrano con la storia principale del romanzo, è invece troppo breve la parte in cui il protagonista trova e affronta il "cattivo". In generale darei una sufficienza molto molto stiracchiata.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente
  • Massimo Lugli Cover

    Dopo aver lavorato per anni a «Paese sera» è inviato speciale de «La Repubblica». Dal 1975 si occupa di cronaca nera e alterna la passione per il giornalismo e per la scrittura con quella per le arti marziali, che pratica fin da bambino e che appaiono sempre nei suoi romanzi. Ha pubblicato Roma maledetta (Donzelli, 1998) e, con la Newton Compton, La legge di Lupo solitario (2007), L’Istinto del Lupo (terzo classificato al Premio Strega 2009 e vincitore del “Controstregati”), Il Carezzevole (2010), L’adepto (2011), Il guardiano (2012), Gioco perverso (2012), Crimini imperfetti (raccolta di tutte le indagini di Marco Corvino, 2013), Ossessione proibita (2013), La strada dei delitti (2014). Nello stesso anno il suo racconto... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali