Carmen

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Francia
Anno: 1942
Supporto: DVD
Salvato in 1 lista dei desideri
In Spagna la gitana Carmen canta per le strade facendo innamorare il capitano Don Josè. Questi crede di possederla completamente anche perché la salva dal carcere per un delitto commesso, ma non sa che Carmen si è invaghita di un altro uomo: il torero Escamillo. Don Josè lo viene a sapere e minaccia di ucciderlo, così Carmen decide di rompere il loro rapporto. Don Josè ribollente di rabbia si avventa contro Escamillo in un duello di spade. Carmen decide di rompere per sempre i contatti con quell'orribile uomo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Cristaldi Film, 2013
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 124 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 1,33:1
  • Area2
  • Viviane Romance Cover

    Nome d'arte di Pauline Ronacher Ortmanns, attrice francese. Piccola, bruna, seducente e dal temperamento aggressivo, dopo alcune esperienze nel mondo dello spettacolo, esordisce sul grande schermo con una parte di sfondo nel tragico La cagna (1931) di J. Renoir. La consacrazione a diva del cinema francese avviene però un decennio più tardi con il ruolo della perfida femmina tentatrice nel drammatico La bella brigata (1936) di J. Duvivier. Nelle pellicole seguenti è un'affascinante cantante di night club nell'avventuroso Mademoiselle Docteur (1936) di G.W. Pabst, amante romantica nel mediocre Allarme a Gibilterra (1938) di F. Ocep, passionale eroina nel letterario Carmen (1942) di Christian-Jaque, complice di un delitto nel giallo Panico (1946) di J. Duvivier. Dopo la seconda guerra mondiale... Approfondisci
  • Jean Marais Cover

    Attore francese. Sopravvive con piccole parti a teatro prima di incontrare il poeta e commediografo J. Cocteau che diviene il suo Pigmalione e ne fa il protagonista delle trasposizioni cinematografiche dei suoi già celebri lavori teatrali: La Bella e la Bestia (1946), L'aquila a due teste (1948), I parenti terribili (1948) e Orfeo (1949), tutti diretti dallo stesso Cocteau. Seducente, volto intenso e mascella squadrata, si presta magnificamente a ruoli da eroe romantico, in particolare in drammoni in costume tipo Il segreto di Mayerling (1949) di J. Delannoy, Il tesoro di Montecristo (1954) di R. Vernay, fino a Napoleone ad Austerlitz (1960) di A. Gance. Sale di registro sotto la guida di autori del calibro di J. Renoir in Eliana e gli uomini (1956) e L. Visconti, con il quale lavora in Le... Approfondisci
Note legali