Categorie

Prosper Mérimée

Curatore: S. Lorusso
Editore: Marsilio
Anno edizione: 2004
Pagine: 192 p. , Brossura
  • EAN: 9788831783927

Diceva Balzac, parlando dei personaggi romanzeschi veramente riusciti, che "la loro esistenza è più lunga e più autentica di quella delle generazioni all'interno delle quali li si fa nascere". Il personaggio di Carmen ne è un'abbagliante conferma; questa preziosa edizioncina ci offre, in appendice, un excursus esauriente sulla sua fortuna, dall'opera di Bizet, del 1875, al balletto creato da Roland Petit per Zizi Jeanmaire, del 1949; dalla versione cinematografica più antica (quella di Max Dearly, del 1909) a quella più recente, dovuta al senegalese Joseph Gaï Ramaka (2001). Vero mito moderno, Carmen si emancipa dunque dalla cornice del racconto di Mérimée in cui è nata per incarnare, nell'immaginario di due secoli, la femminilità aggressiva e irresistibile, ribelle e trasgressiva, capricciosa e mortifera; ma a quella cornice è opportuno ricondurla, se si vuole comprenderla al di là di stereotipi e luoghi comuni. È quanto fa nella sua introduzione Francesco Fiorentino, che esplora magistralmente i meandri del testo: il cortocircuito tra esotismo e erotismo; la contraddizione tra il moralismo del narratore e il fascino di quel "ritorno del represso" che la zingara Carmen impersona nel modo più convincente; la presenza della morte, di cui il desiderio dei protagonisti è profondamente intriso; infine, il carattere tragico e non melodrammatico della vicenda di Carmen e di don José, entrambi al tempo stesso innocenti e colpevoli, prigionieri di profonde coazioni che li trascendono e che ci fanno provare di fronte al loro destino, secondo il dettato aristotelico, "pietà e terrore".

Mariolina Bertini