Collana: L'Italia
Anno edizione: 1992
In commercio dal: 15 giugno 1992
Pagine: 428 p.
  • EAN: 9788838908033
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Usato su Libraccio.it - € 5,02

€ 5,02

€ 9,30

5 punti Premium

€ 7,90

€ 9,30

Risparmi € 1,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 


scheda di Bardi, M., L'Indice 1993, n. 4

La collana "L'Italia" ripropone, dopo una lunga dimenticanza e un secolare maltrattamento, un interessante dialogo di Aretino in cui, lasciati alle proprie spalle i temi della prostituzione e della vita di corte, l'autore affronta un nuovo argomento adatto al suo sbrigliato estro verbale: il gioco delle carte.
Anche stavolta però, come nei casi precedenti, i protagonisti del dialogo devono portare una testimonianza credibile a sostegno di un'appassionata difesa del gioco: al posto della Nanna del "Ragionamento" (monaca, sposa e infine prostituta) o della balia del "Dialogo" sul ruffianesimo, entrano in scena un mazzo di carte appena miniato e il cartaro che le ha fabbricate, Federigo del Padovano. I principale bersaglio polemico delle carte parlanti è la tradizione che le vuole figlie del diavolo e fonte di dissolutezza per l'uomo di corte. Da qui il richiamo a fonti letterarie illustri (Apuleio, Aristofane, Omero e Luciano) e la rivendicazione di una propria funzione come mezzo di edificazione morale.
Allontanato con sdegno ogni sospetto di attività lucrosa e truffaldina, con un'aperta polemica con le cortigiane "maliarde, ladre, traditore e ribalde", che manipolano il gioco per un personale vantaggio, le carte rivendicano la necessità di una loro diffusione universale: "Il pane e noi concorriamo insieme circa la famigliarità con l'universale, e sì come i dottori, i teologi, i filosofi, i gentiluomini, i cavalieri... mangiano lui così le medesime varietà di genti maneggiano noi. E ne la foggia che la sustanzia del pane su detto nutrisce le turbe che diciamo, resta in noi la volontà delle persone che ci adoprano: onde siamo or larghe, or misere, or piacevoli, or furibonde, or taciturne, or cicale, or facete". Attraverso novelle, polemiche letterarie, caricature e satira di costume, il dialogo delle carte si dipana divertente e vario, rivelandosi come una prova e un elogio delle potenzialità del libero gioco della scrittura: "Non ragioniamo a la carlona e il nostro uscire dal solco è la luna a cui abbaiano i cani pedanti".