Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

La casa degli spiriti - Isabel Allende - copertina

La casa degli spiriti

Isabel Allende

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Feltrinelli
Edizione: 56
Anno edizione: 2003
Formato: Tascabile
Pagine: 368 p.
  • EAN: 9788807810008
Salvato in 9 liste dei desideri

€ 5,36

Venduto e spedito da Libreria Enrico

+ 5,30 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 5,36 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una saga familiare del nostro secolo in cui si rispecchiano la storia e il destino di tutto un popolo, quello cileno, nei racconti delle donne di una importante e stravagante famiglia. Un grande affresco che per fascino ed emozione può ricordare al lettore, nell'ambito della narrativa sudamericana, soltanto "Cent'anni di solitudine" di García Márquez.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,31
di 5
Totale 213
5
150
4
23
3
12
2
11
1
17
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alessia

    03/05/2013 22:55:08

    Mai banale, mai forzato... Il libro più bello dell'Allende

  • User Icon

    Kath Pierce

    25/04/2013 00:39:58

    Lettura scorrevole,a tratti un po' lenta,infatti gli ultimi capitoli li ho letti un po' sbrigativamente,saltando parecchi paragrafi,sara' perche' la parte politica nn mi piaceva.Complessivamente un bel romanzo,sicuramente nn lo rileggero'.Ero cmq curiosa di leggere il libro,visto che da piccola mi ero tanto appassionata al film che,devo dire,e' parecchio diverso per certi aspetti.NN mi sento di esprimermi ne' super positivamente ne' super negativamente,per cui do un 3 per una via di mezzo...Bello,si fa leggere,ma niente di cosi' entusiasmante!

  • User Icon

    franca

    06/03/2013 11:19:51

    Mai titolo fu così veritiero. Non è un eufemismo perché nel romanzo gli spiriti e i fenomeni trascendentali vengono descritti come fossero manifestazioni normali. Fantasia e realtà si intrecciano lasciando al lettore l'imbarazzo di cosa credere o no. Mobili che si spostano, pianoforti che suonano da soli, lievitazione, dialoghi con i morti, preveggenze del futuro ed altri fenomeni paranormali sono descritti come se fossero cose di tutti i giorni. Un po' troppo sfruttato questo argomento. Una neonata con i capelli verdi, la testa della madre della protagonista mozzata in un incidente, e introvabile, viene trovata, a chilometri di distanza, dalla preveggenza della figlia, etc. Il romanzo è stato un caso letterario in quanto è l'opera prima di Isabel Allende e racconta una cronaca familiare sullo sfondo del mutamento politico ed economico nell'America latina, dagli anni Venti fino alla dittatura militare. In realtà nel racconto non si citano nomi di nazioni o città, date o altri punti di riferimento, ma par di capire che si svolga in Cile. Il testo è scritto in modo narrativo, quasi del tutto inesistenti i dialoghi che ne alleggerirebbero la descrizione, a volte prolissa e composta da frasi con oltre 20 righe di testo (dal carattere minuscolo) senza mai un punto. I personaggi sono al limite del credibile e provocano situazioni assurde, ma ben descritti e analizzati. A volte ti ispirano amore e tenerezza, altre rabbia. Comunque una bella lettura che ti porta a conoscere la realtà del mondo latino-americano di quei tempi.

  • User Icon

    luca

    08/01/2013 12:30:22

    Senza troppi inutili giri di parole.. semplicemnete fantastico. Uno dei capolavori della letteratura moderna. Lettura imperdibile

  • User Icon

    giuli

    03/01/2013 10:12:34

    Bello. Crudo,romantico, violento e dolce . Ti rapisce e ti affezioni a tutti i personaggi anche i più antipatici ....tra le saghe familiari la più intrigante e appassionante.Lo consiglio vivamente.

  • User Icon

    Salvatore Palma

    10/12/2012 07:38:09

    Compaiono più di venti personaggi in questo romanzo ambientato negli anni Sessanta e Settanta in una saga famigliare che abbraccia tre generazioni e che si sviluppa nel contesto politico e culturale del Cile di Allende e di Neruda, periodo di grandi fermenti e aspettative ma anche di delusioni e di frustrazioni. I protagonisti sono Esteban Trueba, ragazzo povero e determinato che diventerà ricco e violento, ma soprattutto le numerose figure femminili a cui l'Autrice affida il ruolo di interpretare con caparbietà i grandi ideali di giustizia, affrontando e subendo con dignità le prepotenze e i soprusi. Matrimoni, amori, rancori, ambizioni ed eventi quotidiani sono gli ingredienti principali di questo libro sempre in bilico tra realtà e racconto fantasioso. Lettura interessante ma che non sempre riesce a tenere desto l'interesse anche per la prolissità di qualche passaggio.

  • User Icon

    mary

    09/11/2012 12:15:43

    ricordavo le scene del film che mi spaventarono anni fa e che mi impedirono di vederlo fino alla fine. poi "mi ha chiamato" dagli scaffali di una libreria, ma non ho avuto il coraggio di leggerlo ed è stato da parte per un po'. In TV, non ricordo a che proposito, un'attrice lesse il passo dove Clara parla al capezzale della cognata Ferula morta e quelle parole mi hanno rapito, ho preso coraggio e l'ho letto. Ci son voluti ben 3 mesi perchè l'inizio non mi ha entusiasmato, poi mi è sembrato di calarmi nel meglio delle telenovelas latinoamericane che non ho mai giudicato male, e dopo, dopo la meraviglia. Lo consiglio vivamente, e la copertina la dice molto lunga. Sembra di stare in mezzo ad una saga senza fine e farne parte. Inoltre si dovrebbe leggere e far leggere anche per mandare un messaggio a chi non sa' o potrebbe dimenticare.

  • User Icon

    Guia

    23/09/2012 17:19:43

    Meravigliosa storia di coraggio, dolcezza, bassezze umane e sentimenti indissolubili, che merita senza dubbio il massimo dei voti.

  • User Icon

    Giada

    11/09/2012 14:58:17

    Questo è stato il primo libro di Isabel Allende che ho letto, e solo perché ho riconosciuto il titolo nella libreria dopo aver già visto il film. Da quel giorno la Allende è diventata la mia autrice preferita. Adoro il suo modo di scrivere, disincantato come la narrazione di un bambino, in grado di descrivere anche le scene più particolari e imbarazzanti con innocenza e candore. La casa degli spiriti resta il libro che preferisco di quelli suoi che ho letto. Una storia avvincente e interessante; memorabile il personaggio di Esteban, duro come una roccia, inflessibile, ma che alla fine mi ha ispirato tanta tanta tenerezza. Ho amato Clara, magica e sognatrice, il fulcro dell'intera famiglia (come spesso succede per le nonne), e Blanca, romantica e tenace. E come loro tutte le donne protagoniste della storia, Ferula, Alba e Transito. E' un libro scritto con grande maestria, sono rimasta attaccata alle pagine finché non l'ho finito, e tutt'ora lo rileggo spesso.

  • User Icon

    francesca

    07/09/2012 10:09:48

    se ci fosse stato 10 come voto lo avrei dato.letto due volte e prestato praticamente a tutti quelli che conosco

  • User Icon

    Simone

    04/09/2012 17:48:08

    Direi semplicemente un capolavoro! E' il primo libro dell'Allende che leggo e non so come mai abbiama sempre un pò "temuto" questa grandissima scrittrice. Scritto benissimo con pochi dialoghi ma la narrazione riempie di magia e amore tutto il libro. Secondo me la Allende riesce a mettere nella narrazione tutta la passione per la sua terra che è tipica degli scrittori spagnoli e latinoamericani. Un capolavoro, al pari de "L'ombra del vento" di Zafon e de "La cattedrale del mare" di Falcones. Consigliatissimo!

  • User Icon

    taty

    12/03/2012 12:57:57

    La storia è bella ma la narrazione l'ho trovato spesso lenta e noiosa! più volte ho pensato di abbandonare il libro.

  • User Icon

    18/01/2012 16:13:51

    Inizialmente ho trovato questo romanzo una perdita di tempo,contando che sono stata costretta e che avevo pensato di dedicarmi a ben altro, ma c'è stata una scintilla verso metà libro, un amore improvviso e inaspettato, che ha coinvolto non solo me ma anche tutti i miei coetanei che,a loro volta, erano stati costretti a leggerlo. Un mix di magia, storia, mistero e di passioni ... Vi costringo a leggerlo!:-)

  • User Icon

    Aurora

    24/11/2011 19:33:30

    Non mi capacito di come abbia potuto snobbare questo libro fino ad oggi, è stata una lettura davvero appassionante ed intensa, per nulla noiosa. Consiglio la lettura a chi desideri una storia densa di avvenimenti, cruda e drammatica ma anche dolce e a tratti buffa. Clara è un personaggio che non dimenticherò facilmente...

  • User Icon

    donatella

    30/09/2011 07:45:12

    Semplicemente stupendo! Da tenere nella libreria di casa e da consigliare la lettura.

  • User Icon

    felly66

    05/09/2011 14:12:22

    SEMPLICEMENTE MAGICO. Premesso che Adoro Isabel Allende e il suo particolare modo di raccontare e raccontarsi, che ho letto tutti i suoi romanzi e che li ho trovati tutti bellissimi, penso che questo non solo sia la sua opera migliore, ma che sia uno tra i più bei libri in assoluto che mi sia mai capitato di leggere!!

  • User Icon

    Luca

    20/06/2011 23:37:14

    Un buon libro a buon prezzo, a tratti un pò lento, ma nel complesso consigliabile, da non perdere .

  • User Icon

    Elisabetta

    19/06/2011 21:30:27

    polpettone lungo su temi cari all'autrice. alcune parti sono piacevoli ma ho trovato migliore Eva Luna.

  • User Icon

    claudia

    01/05/2011 22:07:29

    Un libro che fa sognare...altre parole sarebbero superflue...

  • User Icon

    patty

    22/11/2010 11:44:43

    Pur essendo un'appassionata dell'Allende ho atteso molto tempo prima di leggere questo libro, al quale non posso dare un voto alto. Non è molto appassionate ed è lento. Ho avuto le stesse sensazioni leggendo Cent'anni di solitudine (che mi è piaciuto ancor meno). Il parallelismo è azzeccato infatti sono noiosi entrambi!!!

Vedi tutte le 213 recensioni cliente
  • Isabel Allende Cover

    Scrittrice e giornalista cilena. Dopo aver terminato gli studi a Santiago del Cile, lavora dapprima per la FAO, quindi si dedica a un giornalismo impegnato, scrivendo anche per il cinema e la televisione. Nipote di Salvador Allende, vive in esilio dal 1973, anno del golpe organizzato dal generale Augusto Pinochet Ugarte, al 1988, anno della caduta di Pinochet.In esilio scrive il primo romanzo, La casa degli spiriti (1982; ebbe una trasposizione cinematografica nel 1993).Ha scritto romanzi basati sulle sue esperienze di vita, ma ha anche parlato delle vite di altre donne, unendo insieme mito e realismo. In Italia è pubblicata da Feltrinelli.Tra le prime scrittrici latinoamericane a raggiungere fama mondiale, continua la sua esplorazione del tema politico e di quello personale nei... Approfondisci
Note legali