Categorie

John Grisham

Traduttore: T. Dobner
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
Pagine: 335 p.
  • EAN: 9788804505280

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    roberta

    24/11/2015 15.51.57

    Non è il solito Grisham, si fa leggere ma non appassiona. La vicenda della famiglia contadina dell'Arkansas è narrata con una lentezza esasperante che negli altri lavori dell'autore solitamente è sopperita dal succedersi degli eventi. Qui succede poco o niente. Apprezzabile la descrizione veriteria di tempi e luoghi ma preferisco "l'altro Grisham"

  • User Icon

    italo

    02/12/2014 19.20.11

    330 pagine di niente...non succede mai niente...uno dei libri più brutti che ho letto...paragonarlo anche lontanamente a Furore è una pazzia...orribile veramente, non sprecate il vostro prezioso tempo

  • User Icon

    Leopoldo Roman

    02/08/2014 16.50.44

    Alcune ambientazioni mi hanno ricordato "Furore". Ma siamo lontani anni luce dal pathos di quel romanzo. La vita contadina dell'Arkansas è descritta mirabilmente, ma la trama del romanzo è inconsistente.

  • User Icon

    Maurizio Ciarlatani

    05/03/2013 15.27.04

    Leggo solo adesso questa opera di Grisham. Così come Manfredi con Otel Bruni, anche Grisham esce dal suo standard per inoltrarsi nella vita contadina, qui quella dei campi di cotone dell' Arkansas, sottolineandone, attraverso gli occhi di un bambino, la miseria e la speranza, i contrasti e la solidarietà . E' un libro che può non piacere a chi ama il Grisham del legal thriller.

  • User Icon

    Riccardo

    25/05/2012 20.27.12

    Lettura soporifera.... Sconsiglio questo libro agli amanti della suspence. La storia è narrata in prima persona dagli occhi di un bambino di 7 anni che ci racconta la vita quotidiana della propria famiglia, dove gran parte della loro esistenza dipendeva dal buon raccolto stagionale del cotone. Salta agli occhi l'innocenza di questo bambino, ma anche la sua intelligenza nel momento in cui si trova costretto a superare un paio di situazioni difficili (unici momenti che danno un po' di brio al libro). Per il resto un buon libro che ci fà capire come fosse ben diversa la vita di quei tempi rispetto a quella agiata contemporanea..

  • User Icon

    FFortunato

    04/02/2012 18.22.25

    Il romanzo è mediamente interessante, ma senza colpi di scena. E' un romanzo che tratta della vita di tutti i giorni di una famiglia di contadini degli anni '50. In diversi punti sembra che possa esserci una svolta che lo renda più avvincente, e invece i nuovi avvenimenti finiscono solo per essere un contorno alle vicende familiari.

  • User Icon

    Fabrizio

    04/01/2012 18.36.56

    Romanzo piacevole, anche se il finale mi è sembrato frettoloso e deludente. Non un capolavoro, insomma, ma una lettura scorrevole e interessante.

  • User Icon

    David C.

    11/01/2011 21.08.05

    Una storia profondamente coinvolgente. Non il solito Grisham, e questo dimostra che l'autore è perfettamente in grado di uscire dal suo genere, senza scadere in qualità.

  • User Icon

    Gionata

    29/10/2010 21.48.19

    Libro a dir poco fantastico!! Completamente diverso dai precedenti Grischam ma ugualmente bello.Consiglio vivamente!!

  • User Icon

    Alejandro_Ze

    02/09/2010 08.47.42

    Ci sono libri che raccontano fatti ed eventi che si susseguono secondo una certa logica, con più o meno colpi di scena, a discrezione dell'autore. Ci sono poi i libri che raccontano delle Storie (sì, con la "S" maiuscola). In questi romanzi il lettore si immerge in un mondo, ne conosce i luoghi, ne sente gli odori, ne vive le emozioni. I personaggi di questi racconti ti prendono per mano mentre li accompagni nella loro Storia, che poi è la Storia della Vita. A Painted House appartiene questa categoria di romanzi.

  • User Icon

    Valentina

    01/02/2010 10.49.38

    sicuramente chi ha letto questo libro attirato dal nome dell'autore ne sarà rimasto deluso, in quanto è diversissimo dalle solite scritture di Grisham. Io non conoscevo l'autore, e ho trovato un libro BELLISSIMO. Uno squarcio di vita rurale degli anni 60, visto con gli occhi di un bambino. Un po' noioso in alcuni punti (tipo la descrizione delle partite ma per mia ingoranza, sicuramente un patito le troverebbe interessanti) cmq un libro avvincente e che sopratutto non vorresti finisse mai. all'ultima pagina sono rimasta sconvolta all'idea di non sapere come sarebbe andata in seguito..

  • User Icon

    manu

    24/06/2008 09.29.41

    Grisham mi ha sempre divertito e l'ho sempre considerato una lettura scorrevole ed entusiasmante ma forse ho sempre letto il "classico" Grisham....... mi sono fidata e invece questa volta è stata una delusione: il libro non scorre, è lento, noioso, non succede assolutamente nulla di coinvolgente e l'ho finito di leggre solo perchè odio interrompere le mie letture!!

  • User Icon

    racing-93

    28/03/2008 17.46.37

    Io adoro John Grisham e questo libro, anche se non è un legal thriller, di cui esso è il maestro indiscusso, mi è piaciuto tantitissimo e lo divorato in pochissimi giorni. In poche parole, Fantastico.

  • User Icon

    ada

    03/10/2007 12.03.08

    in una parola? bellissimo

  • User Icon

    Giuseppe Ricci

    26/01/2007 19.14.54

    Ci voleva solo la bravura di Grisham per rendere appetibile una storia in cui non accade assolutamente nulla! Comunque è un libro lineare, ben scritto, piacevole.

  • User Icon

    manuela

    11/10/2006 19.04.46

    niente di speciale, mi è piaciuto fino a quando mi sono accorta che non sarebbe accaduto proprio niente, che la trama avrebbe ristagnato in un modo davvero tedioso. Non è il libro più brutto che abbia letto, ma nemmeno consigliabile a mio avviso.

  • User Icon

    ase82

    30/04/2006 03.04.00

    un grisham sicuramente diverso, ma non per questo rimarrete delusi... attenzione xò a non aspettarvi il solito legal-thriller!! cmq consiglio la lettura

  • User Icon

    stefano

    15/02/2006 20.33.09

    Non conosco il Grisham legale, ma questo piccolo romanzo non è male, si fa leggere fino in fondo con poche pagine noiose (le cronache delle partite di baseball, uno sport che non conosco).

  • User Icon

    katya

    14/02/2006 13.51.54

    L'ho letto perchè mi fido di Grisham, ma sono rimasta delusa. Noioso, senza filo conduttore, tedioso nelle descrizioni...preferisco considerarla una...come dire...defaiance!

  • User Icon

    Fahrenheit

    05/08/2005 15.18.03

    Sarebbe un libro ancora accettabile se non l'avesse scritto uno che ha fatto in precedenza dei capolavori come Il socio o Il rapporto Pelican. Soprattutto se l'avesse scritto un altro non mi sarei preso la briga di leggere questa roba...

Vedi tutte le 36 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione