Le case del malcontento - Sacha Naspini - copertina

Le case del malcontento

Sacha Naspini

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: E/O
Collana: Dal mondo
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 28 febbraio 2018
Pagine: 458 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788866329268
Salvato in 224 liste dei desideri

€ 17,58

€ 18,50
(-5%)

Punti Premium: 18

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Le case del malcontento

Sacha Naspini

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Le case del malcontento

Sacha Naspini

€ 18,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Le case del malcontento

Sacha Naspini

€ 18,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 17,57 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un romanzo che gioca con suggestioni care al thriller psicologico, al gotico rurale e al memoir storico. Un’indimenticabile Spoon River dei nostri giorni.

C’è un borgo millenario scavato nella roccia dell’entroterra maremmano, il suo nome è “Le Case”. Un paese morente. Una trappola di provincia. Un microcosmo di personaggi che si trascinano in un gorgo di giorni sempre uguali: buongiorno, buonasera, e sorrisi che già assomigliano alla grinta di un teschio. Fino al giorno in cui la piccola comunità viene sconvolta dall’arrivo di Samuele Radi, nato e cresciuto nel cuore del borgo vecchio e poi fuggito nel mondo. Il suo ritorno a casa è l’innesco che dà vita a questo romanzo corale: la storia di un paese dove ognuno è dato in pasto al suo destino, con i suoi sprechi, le aspettative bruciate, le passioni, i giochi d’amore e di morte. Perché a Le Case l’universo umano non fa sconti e si mostra con oscenità. Ogni personaggio lascia dietro di sé una scia di fatti e intenzioni, originando trame che si incrociano, si accavallano, si scontrano dopo tragitti capaci di coprire intere esistenze. A Le Case si covano segreti inimmaginabili, ci si vende, si ammazza, si disprezza, si perdono fortune, si tramano vendette, ci si raccomanda a Dio, si vendono figli, si vive di superstizioni, si torna per salvarsi, si tradisce, si ruba, ci si rifugia, si cerca una nuova vita, si gioisce per le disgrazie altrui. Talvolta, inaspettatamente, si ama.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,77
di 5
Totale 22
5
20
4
1
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Toshiro

    10/09/2020 10:56:15

    Che dire di questo romanzo dopo tutte le recensioni che sono state scritte? Posso solo ribadire che questo è un romanzo straordinario, forse il più bello finora di Naspini. Sicuramente un toscano o comunque una persona di origini toscane come me riesce sicuramente meglio ad apprezzare la causticità della lingua usata, che riesce a dare quella cattiveria che è l'anima del racconto. Credo che sia forse il miglior romanzo italiano che abbia letto negli ultimi tempi.

  • User Icon

    albmar

    19/07/2020 23:10:56

    Quando finisci di leggere questo libro, non sai più se la vita che hai vissuto, la hai vissuta davvero, se la hai sognata, se ti sei appena svegliato da un incubo, oppure se stai ancora sognando. La differenza tra un sogno e un incubo è lieve e spesso l’incubo inizia quando finisce il sogno e, d’improvviso, ti svegli. E magari ti affacci alla tua finestra e vedi Le Case. Vedi quei crostoni di roccia destinati a venire giù prima o poi. Le Case del Malcontento è chiaramente un capolavoro, un viaggio senza ritorno nell’anima di ognuno di noi. Specialmente nell’anima di noi maremmani che, aspri, guardiamo con diffidenza anche la nostra immagine riflessa nello specchio. Che poi di questo specchio ci sarà da fidarsi? Lo scrittore muove le pedine dei personaggi sulla scacchiera In un modo che sembra casuale, arruffato ma poi sa giungere allo scacco matto in modo chirurgico. Con la mano ferma di un primario di quelli che sanno ridarti la vita. O meglio allontanarti un po’ la morte.

  • User Icon

    manu65

    11/07/2020 15:26:32

    Solo chi è nato e cresciuto in un paese può comprendere a pieno il valore di questo romanzo. Ambientato giustamente in un villaggio senza nome, perché "le case" appartengono ad ogni borgo, che contenga le stesse menti, limitate e limitanti, di personaggi capaci solo di distruggere e autodistruggersi in vite inutili. La storia, narrata da più voci, prende forma, ti coinvolge e ti trascina sino ad un finale "travolgente"...nel fango della cattiveria e della maldicenza che riesce a sporcare tutto e tutti.

  • User Icon

    michela66

    09/07/2020 18:30:39

    A me il libro non è piaciuto. Riconosco che il flusso di coscienza è scritto benissimo con un uso eccellente della lingua toscana che è di per sé ricca di termini che rendono vivo il racconto. Però l'ho trovato ripetitivo, come se ci fosse un'unica voce narrante nei diversi personaggi per cui mi sono sfuggite la coralità e l'epica dell'intero romanzo. Le vicende narrate mi sono sembrate poco plausibili visto il contesto in cui sono inserite.

  • User Icon

    Chiara

    20/06/2020 13:11:51

    Un ottimo libro (nonostante alcuni snodi della storia restino ambigui, alla luce del finale). Una miseria e un’inquietudine che arrivano e spiazzano, ma non disturbano, anzi inteneriscono. Un racconto della solitudine che fa sentire meno soli, perché percepita come condivisa. Complimenti all’autore.

  • User Icon

    Frazzi

    16/05/2020 10:00:28

    Ho amato moltissimo questo libro, col quale ho scoperto Sacha Naspini. Uno stile tagliente, profondo e mai banale. Ci troviamo a Le Case, borgo toscano, a spiare nelle case di questi abitanti dannati, insoddisfatti, sofferenti, anche cattivi. Ascoltiamo incantati i loro monologhi folli, ma anche dolenti, speranzosi, rivelatori. Sto per iniziare “Ossigeno” e sono certa sentiremo parlare a lungo di questo autore pazzesco!

  • User Icon

    Renata

    15/05/2020 14:37:29

    La maremma nelle voci dei suoi personaggi più vividi e autentici prende letteralmente vita dalle parole scritte da Sacha Naspini per questo romanzo "Le case del malcontento". La copertina mi ha ricordato subito i borghi medioevali, tipo Lucca. Un romanzo corale. Ottima pubblicazione della casa editrice E/O.

  • User Icon

    Alex

    27/04/2020 22:16:55

    Scrittura sublime senza sfronzoli ne eccessi, personaggi raccontati con estrema accuratezza, storia incastonata dentro una scacchiera, dove ogni pedina gioca la sua parte. Un libro unico e imperdibile e appena finito la prima cosa che vorresti fare è riconciare dall'inizio e rileggerlo. Sicuramente ti è sfuggito qualcosa....

  • User Icon

    Bartek

    01/04/2020 07:01:20

    Un libro meraviglioso. Da leggere assolutamente!

  • User Icon

    Francesca

    25/09/2019 12:23:20

    Un romanzo unico, corale, in cui si sovrappongono le narrazioni degli abitanti di un piccolo borgo maremmano, ognuno con le sue verità e le sue menzogne, ognuno con un segreto inquietante da preservare gelosamente. In un gioco di piani narrativi che diventa un gioco di specchi, l’autore ci porta nei labirinti della mente umana, là dove il tempo si ferma e possiamo ripiegarci noi stessi e vivere delle nostre ossessioni.

  • User Icon

    giulia

    19/09/2019 13:17:29

    Bello e particolare. Leggetelo!

  • User Icon

    isabella

    19/09/2019 09:50:12

    Finalmente un Romanzo. È un romanzo e non un racconto lungo o un romanzo breve: quasi 500 pagine 'rette' alla grande, senza cadute, senza noia Non è 'ombelicale', non è proiettivo, è una Storia Ha una scrittura ricercata ma non compiaciuta, c'è il 'senso della frase' senza il tedio delle frasi ad effetto È bello. Bello bello. Grazie 😊 — con Sacha Naspini.

  • User Icon

    Patrizia

    20/08/2019 15:32:58

    Condivido le opinioni di chi mi ha preceduto. Aggiungo: straordinaria la capacità di piegare il linguaggio alle necessità del vero. Ho molto apprezzato il lessico.

  • User Icon

    Capolavoro

    08/07/2019 10:11:29

    Una voragine di personaggi che si raccontano e raccontano, attraverso una scrittura MAI pesante o artificiosa, la propria vita e non solo in un piccolo borgo toscano. Dove tutti si conoscono e si amano (odiano) a modo loro. La cosa più bella è che progressione cronologia avviene nei racconti che si succedono. Non raccontano cioè un solo momento ciascuno a modo proprio, ma ciascuna racconta diversi momenti della storia avanzando cronologicamente. Se, per dire, Tizio parla di Caio nel primo capitolo, nell'ottavo capitolo Sempronio ci parla di Caio, ancora e scopriamo che magari è in ospedale per una indigestione (è solo un esempio, niente spoiler). Ciascun personaggio invecchia, progredisce e avanza nelle parole di ciascuno dei suoi compaesani. Scheletri nell'armadio, tradimenti, segreti e bugie. Ma il finale. Il finale è stupefacente. Ma perché di questo libro ho sentito parlare così poco? leggetelo!!!

  • User Icon

    Agosto

    11/04/2019 19:09:18

    Bellissimo libro e di facile lettura. Il finale è una poesia inaspettata. Consigliato.

  • User Icon

    antonella

    03/03/2019 11:07:34

    Condivido tutti i giudizi positivi che il libro si è meritato. Consigliatissimo.

  • Ambientato a Roccatederighi, una frazione collinare del comune maremmano di Roccastrada, nel grossetano (che nel libro prende, però, il nome di "Le Case"), narra fatti realmente accaduti (come la strage nella miniera di Ribolla, nel maggio del 1954), ad altri, ovviamente e per fortuna, puramente di fantasia. Ogni capitolo sostiene il punto di vista, in prima persona, di uno degli abitanti del villaggio. Quindi può capitare che uno stesso episodio venga presentato da più prospettive ma con ottiche completamente differenti. Ogni personaggio, nel bene e nel male (soprattutto nel male!), ha qualcosa da nascondere e, a Le Case, niente è come sembra. Un pò come gli abitanti di Twin Peaks, nessuno degli appartenti a questo minuscolo borgo maremmano può dirsi esente da scheletri nell'armadio, da manie, fissazioni, perversioni talvolta al limite del patologico. e a più di uno di loro sembra proprio mancare qualche rotella nel cervello. Condisci il tutto con un pizzico (facciamo anche due!) di malignità e pettegolezzo, che in ogni paesino che si rispetti non può mancare, ed il gioco è fatto. Scritto con uno stile diretto e informale, con più di una venatura dialettale, a tratti divertente ed esilarante, a tratti più cupo ed introspettivo, con passaggi che sfiorano il pathos, pagina dopo pagina, scopriamo qualche tassello nuovo e ogni storia che ci viene proposta stuzzica la nostra curiosità,ci coinvolge e ci avvince. Fino ad un finale catartico, sagace e geniale allo stesso tempo. Non ci sono parole per descrivere questo romanzo (sicuramente uno dei più belli con cui mi sia cimentata in questo 2018) che, sotto tutti i punti di vista, è unico nel suo genere. Il solo termine che mi viene in mente è: SPETTACOLARE. Leggetelo!!!

  • User Icon

    Chiara

    02/10/2018 17:06:02

    L'autore scrive benissimo e che fantasia! Il romanzo racconta le storie di molti ( troppi) personaggi e sono tutte belle e inusuali. Purtroppo finisci per perderti, soprattutto all'inizio, quando ancora il romanzo non ha preso il via, cosa che succede allorché le storie si concentrano su alcuni personaggi, dei quali ci vengono raccontati i precedenti o l'infanzia. Se quindi riesci a superare la prima parte trovi alla fine un senso a quasi tutto, perché molte delle storie si intrecciano e l'una rimanda ad un'altra. Il finale imprevedibile non aggiunge molto alla bravura dell'autore, già ampiamente dimostrata. Diventa quasi un virtuosismo.

  • User Icon

    isabella

    18/09/2018 10:11:27

    Finalmente un Romanzo. È un romanzo e non un racconto lungo o un romanzo breve: quasi 500 pagine 'rette' alla grande, senza cadute, senza noia Non è 'ombelicale', non è proiettivo, è una Storia Ha una scrittura ricercata ma non compiaciuta, c'è il 'senso della frase' senza il tedio delle frasi ad effetto È bello. Bello bello.

  • User Icon

    Gianluca Sanson

    29/06/2018 16:28:11

    Le testimonianze dei personaggi del borgo o paese si susseguono numerose. Un alternarsi continuo fino alla fine di vicissitudini di donne e uomini in un villaggio dell' entroterra italiano. Interessanti le considerazioni di un giocatore di scacchi. Una scrittura che spazia dall' introspettivo al narrato in forma scaramantica e tetra. Nel complesso è coinvolgente con qualche rilettura.

Vedi tutte le 22 recensioni cliente

Nell’ultimo decennio, “ombelicale” pareva diventato l’insulto peggiore per un libro, un’autore o un’intera, supposta, letteratura, la cui ampiezza era forse il prodotto dell’infornata di esordienti seguita al successo avuto da alcuni di essi a metà anni zero: difficilmente, infatti, un autore al primo libro va troppo lontano dal proprio ombelico (né ciò è per forza un difetto: il recente Maestoso è l’abbandono di Sara Gamberini è un esempio di narrazione ombelicalissima eppure valida); se è vero, allora, che la “bolla degli esordienti” nel frattempo è esplosa, apparirà normale che oggi, cresciuti gli autori e tornate le case editrici a diffidare degli esordî, sboccino opere che vanno nella direzione opposta: quella della creazione di mondi. Al di là del distopico in voga, rispetto a cui sono appena arrivate sugli scaffali due interpretazioni italiane di grande originalità, Il grido di Luciano Funetta e Miden di Veronica Raimo, questa primavera vede l’avvento di almeno due lavori in cui la costruzione di un universo con proprie leggi, e la ricerca di verità ulteriori attraverso la rappresentazione che si svolge al suo interno, è il dato centrale…   
…romanzi come Le case del malcontento di Sacha Naspini, a cui l’autore grossetano arriva dopo una bibliografia all’apparenza disorganica – ma a volte, negli autori di talento, la colpa di ciò è di un campo editoriale non sempre in grado di assecondarne il percorso – e in cui riannoda i fili gettati con le sue prime opere: le atmosfere sono quelle dell’esordio L’ingrato, uscito nel 2006 per effequ, e dei due romanzi che gli hanno dato una prima notorietà nazionale – I Cariolanti e Le nostre assenze (Elliot 2009 e 2012) – ma il respiro è ben diverso: quella che viene disposta nell’immaginario, e oltremodo arcigno, borgo maremmano delle Case è infatti una grandiosa partita a scacchi – di più: a Kriegsspiele – in cui il gioco di caratteri ha dell’universale, oltre che dell’abissale: la dimensione locale viene trascesa, sublimandosi in un assoluto dove le suggestioni ancestrali si fanno strumenti atti a raccontare una disperazione e una rabbia tornate a governare la coscienza collettiva del paese…

Vanni Santoni

   

“Where are Elmer, Herman, Bert, Tom and Charley
The weak of will, the strong of arm, the clown, the boozer, the fighter?
All, all, are sleeping on the hill”

E. Master Lee, “Spoon River Anthology”

Il romanzo di Sacha Naspini inizia con una mappa: la riproduzione grafica del paese di Le Case, poche anime abbarbicate sul costone di roccia che guarda la distesa infinita della Maremma e verso l’orizzonte scorge il mare. Un paesello che sembra “uno scarabocchio del Signore” più che un progetto divino, per citare uno dei suoi abitanti. I protagonisti del romanzo sono proprio loro, gli abitanti, che si presentano e ci presentano non solo la loro vita ma, come in tutti i piccoli borghi che si rispettino, anche la vita di un compaesano.

Il lettore si addentra così per le vie di Le Case, preso per mano ora da un Divo Valenti, poi da un’Adele Centini o da un Emilio Salghini, il medico del paese, e comprende, dopo un momento di smarrimento inziale dovuto a questa moltitudine di voci, (per le prime cento pagine me lo sono chiesta più volte “ma cosa mi vuole raccontare il Naspini???”) che questa narrazione corale non è un giro turistico per un borghetto dimenticato nella profonda Maremma. Questa moltitudine di voci, pronte a smascherare la verità del narratore precedente, racconta al lettore come Le Case sia un mostro che pare dormire ma in realtà lavora nelle sue viscere più profonde, generando ipocrisie, tradimenti, omicidi, scambi di persona e bugie. Le Case è come una scacchiera e i suoi abitanti sono pedine che credono di muoversi autonomamente ma restano tutti incatenati gli uni ai destini degli altri. Ogni narratore ci viene presentato insieme al lavoro che svolge o al ruolo che ricopre così che l’orrore del lettore, che vede squarciarsi il velo dalle stesse parole di chi commise o commette tutt’ora atti raccapriccianti, sia amplificato. Il ruolo del prete viene dissacrato da ciò che egli fa, così come pure il medico, la vedova, il contadino, la zitella: non c’è un’anima a Le Case che non sia colpevole di qualcosa. Eppure tutti si preoccupano del ritorno di Samule Radi, dallo stesso autore presentato come “il mostro”. Questo è ciò di cui tutti parlano, che scuote Le Case dall’apparente torpore dettato da noia e normalità: perché Samuele è tornato? L’autore ci rivelerà il mistero solo nell’ultimo capitolo, proprio grazie alla voce narrante di Samuele e il finale non sarà certo quello che ci si era aspettati.

Alla me lettrice resta in testa la frase marzulliana del “la vita è un sogno o sono i sogni che aiutano a vivere?”. Può Le Case essere un sogno (o un incubo) e i suoi abitanti la versione imbruttita della nostra società, con i vizi e i piccoli sotterfugi che, se andiamo a scavare, troviamo sepolti non solo in un borgo dimenticato della Maremma? Oppure è la rievocazione nella memoria dell’autore di un luogo realmente esistito e legato al suo passato in cui i vari Divo, le Giovannone e i Salghini si riconosceranno in tutti i loro pregi e i loro difetti?

Per scoprirlo, cari lettori, dovrete farvi prendere per mano da Naspini e dai suoi personaggi e accompagnare in questa passeggiata, di casa in casa, di personaggio in personaggio: una via crucis personale in cui ciascuno si libera dei propri segreti e affida le proprie colpe a chi legge. E se mentre passeggiate sentite, come me, la voce di De Andrè che canta di personaggi lontani, presi in prestito da un altro autore, la magia di questo romanzo vi avrà conquistati.

Dove se n’è andato Elmer che di febbre si lasciò morire
Dov’è Herman bruciato in miniera.
Dove sono Bert e Tom il primo ucciso in una rissa e l’altro che uscì già morto di galera.
E cosa ne sarà di Charley che cadde mentre lavorava dal ponte volò e volò sulla strada.
Dormono, dormono sulla collina dormono, dormono sulla collina…

  • Sacha Naspini Cover

    Ha pubblicato vari libri, tra cui "I sassi" (Il Foglio), "Noir Désir. Nè vincitori nè vinti" (Perdisa Pop), Con "I Cariolanti" (Elliot, 2009) si è rivelato una delle migliori voci della narrativa italiana di oggi. Nel 2012 Elliot ha pubblicato anche il suo romanzo "Le nostre assenze", racconto degli avvenimenti che hanno coinvolto tre generazioni di una famiglia toscana. Il suo sito web è www.sachanaspini-eu. Approfondisci
Note legali