Il castello dei destini incrociati

Italo Calvino

Editore: Mondadori
Edizione: 4
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
Pagine: 184 p.
  • EAN: 9788804667940
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 10 gg

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristian

    02/03/2012 10:45:30

    Ero rimasto affascinato dalla trama ma il libro è una grande delusione per me.

  • User Icon

    elisabetta

    23/02/2011 09:51:04

    geniale l'idea dell'autore!!! vivere in questo castello e parlare con le carte è sempre stato il mio sogno, anche perchè si sprecherebbero meno parole inutili.

  • User Icon

    Benedetta

    10/06/2009 18:24:36

    Dopo tre inutili tentativi, compiuti nell'arco di ben 5 anni, sono finalmente riuscita a finire di leggere questo libercolo!Mi sembra impossibile che lo stesso Autore di "Se una notte d'inverno un viaggiatore" (uno dei più bei libri della narrativa italiana, secondo me) e de "I nostri antenati" abbia anche scritto questa "cosa". L'idea è veramente geniale; però è un peccato che un Autore come Calvino non sia riuscito a togliersi dalla testa la "Taverna", rinunciando al progetto, e decidere di pubblicare solo il "Castello" (che invece è divertente e, soprattutto, ha un capo ed una coda!)! Una grandissima delusione.

  • User Icon

    Cecilia

    16/07/2007 14:37:54

    Uno dei più bei libri del fantastico italiano: "Il castello dei destini incrociati", in cui Italo Calvino utilizza l'allegoria e l'immaginario medievale. Nel 1969 l'editore Franco Maria Ricci gli aveva chiesto un testo che illustrasse i Tarocchi del mazzo visconteo, conservato tra Bergamo e gli Stati Uniti, il più antico che si conosca. Calvino applicò il metodo combinatorio, sperimentato anche da Propp e Queneau: in una cornice boccaccesca, le storie vengono narrate dai commensali muti disponendo sul tavolo le figure dei Tarocchi, ciascuno utilizzando quelle degli altri o prendendo a sua volta dal mazzo carte non ancora utilizzate. Il libro, che naturalmente è illustrato, venne pubblicato nel 1973 ed è diviso in due parti: semplificando si può dire che la prima, Il Castello, è un omaggio all'Ariosto; la seconda parte è un omaggio a Shakespeare, ed utilizza i Tarocchi del '700, di Marsiglia.

  • User Icon

    Gabriele,colui che ne capisce

    08/04/2007 23:16:42

    Mamma mia...l'inizio del libro e' meraviglioso,di una fantasia brillante,per certi versi fiabesco,ma dopo un bel ppo' di pagine comincia a essere proprio noioso e difficile da capire,passa da un personaggio a un altro!Propio non sono riuscito a leggere le ultime 30 pagine,di un tedio allucinabbbbile

  • User Icon

    Luciano Panza

    16/11/2006 11:53:34

    l'idea di partenza e' geniale e le prime due pagine, l'arrivo al castello e l'inizio della storia sono fulminanti... purtroppo il libro e' tutto la... spiace dirlo e perdonate il gioco di parole: Calvino si "incarta" subito! noiosissimo il richiamo continuo ai tarocchi che interrompono, spezzettano e snervano. Calvino avrebbe potuto dar sfogo alla fantasia e sviluppare i destini incrociati con piu' scioltezza senza giustificare ogni frase con una carta (tanto piu' che nell'edizione Mondadori c'e' un iconcina del tarocco a bordo pagina). Calvino poi sembra in difficolta' davanti agli arcani minori, ai 4 di spade, ai 7 di bastoni cercando di inserirli a forza nelle trame... Peccato perche', ripeto, l'idea era geniale, e svicolando dalla letteratura, si puo' dire che Calvino abbia anticipato qualche gioco di ruolo, in cui la fantasia e la narrazione possono correre girando alcune carte (vedi ad esempio "Unce Upon a Time" della Atlas Game)... ma questo di Calvino sembra solo un esercizio di stile, un poco convinto passatempo enigmistico.

  • User Icon

    sara

    11/10/2006 15:21:05

    sono solo a una trentina di pagine e devo dire ke MI SEMBRA 1 VERO CAPOLAVORO!la struttura è coinvolgente e ci vuole un gran genio artistico x mettere assieme tt quei pezzi,quei punti in comune.far partire una storia da dv 1 pezzo d un'altra.sensazionale.spero di nn ricredermi fin a ke arriverò alla fine!vi farò sapere!PS:qst è il primo d calvino ke leggo e se lo stile è qst in tutti gli altri,devo dire ke mi piace tantissimo!

  • User Icon

    Stefano

    24/09/2006 23:35:38

    Questo volumetto, a dispetto del titolo, contiene due opere; la prima è, come promesso in copertina, "Il castello dei destini incrociati" e trae ispirazione da un prezioso mazzo di tarocchi "miniati" disegnati da Bonifacio Bembo per i duchi di Milano. La seconda è "La taverna dei destini incrociati" ed è ispirata ai più popolari tarocchi marsigliesi. Di queste due raccolte di storie intrecciate la prima è forse quella riuscita meglio. Calvino utilizza le carte dei tarocchi disponendole in file verticali ed orizzontali, un po' come avviene nelle parole incrociate, creando in questo modo delle sequenze narrative nelle quali si combinano i destini di tutti i personaggi. Visto che una stessa figura dei tarocchi può essere attraversata da più storie essa può assumere di volta in volta significati diversi grazie all'immaginazione di Calvino. Ed ecco allora un asso di denari trasformarsi in una luna deserta, un due di bastoni in un bivio nel bosco, il fante di denari nel personaggio dell'indeciso che deve lanciar una moneta per vedere se esce testa o croce, la figura con la torre diventa la torre di Babele, l'asso di bastoni un albero gigantesco sormontato poi da un asso di coppe che si trasforma in una città calviniana. Ogni dettaglio iconografico è, per Calvino, motivo di spunto narrativo. Non è, probabilmente, una lettura semplice questa; specialmente ne "La taverna dei destini incrociati" sembra che le parole traspirino sudore, quello dell'autore che si è dovuto ingegnare parecchio per riuscire a combinare le varie storie. Tra l'altro lo ammette egli stesso nella presentazione: "Ricominciavo a comporre schemi, a correggerli, a complicarli [...] Certe notti mi svegliavo per correre a segnare una correzione decisiva, che poi portava con se una catena interminabile di spostamenti". Ed è proprio di questo "cimentarsi" creativo che sono grato all'autore. Non conoscendo i tarocchi me ne son procurato un mazzo che mi è stato di supporto benché le carte siano riprodotte in miniatura al tratto nel libro.

  • User Icon

    Mimi

    22/06/2006 19:53:41

    Molto molto originale, questo libro non mi ha per nulla deluso... non capisco chi abbia trovato difficoltà nella lettura. La raffinatezza e la creatività espresse in questo romanzo mi sembrano alquanto interessanti. Ottimo Calvino.

  • User Icon

    andrea

    19/04/2006 19:42:14

    Ho sempre trovato noioso Italo Calvino e la lettura di questo libro me lo conferma....Capire cosa volesse dire è anche troppo difficile specialmente per chi non conosce i tarocchi!!!

  • User Icon

    Maria Zamorani

    27/02/2006 13:18:29

    è una narrazione che ti porta nel sogno di una comunicazione fatta di immagini più che di parole. anche la seconda parte è importante (in risposta a Nicola), senza quella sarebbe stato incompleta: se noti la prima parte, quella del castello è fatta di storie di "persone", la taverna mi ha fatto pensare invece ad "aspetti esistenziali" comuni a TUTTE LE PERSONE

  • User Icon

    Edoardo

    14/12/2005 22:38:24

    Una metafora della vita: il Castello dove tutti cercano - non sempre sapendo cosa - e trovano o perdono anche, talvolta, se stessi... Simbolico, lucido, feroce e finissimo. Ariosto avrebbe gradito sicuramente :-)

  • User Icon

    simone 87

    12/07/2005 13:19:27

    Nonostante non ci sia una trama a dare solidità alla narrazione,è molto originale l'idea di raccontare storie atrraverso i tarocchi. L'utima parte dedicata ad Amleto è eccezionale.

  • User Icon

    luigi marfé

    11/06/2005 15:16:11

    “Era chiaro che la traversata del bosco era costata a ciascuno di noi la perdita della favella.” Nel Castello, lo scacco del dire assume la forma di una corte muta e intreccia la materia lancia in resta di Ariosto al ruminare delle Ricerche di Wittgenstein. I racconti vivono sulla tensione tra la discontinuità dell’agire umano e l’indifferenza di una natura che non si risolve nelle categorie del linguaggio. Se la tracotanza dell’ingrato ha il contrappasso nello stuolo fracassoso di Ménadi, invano la città guarnisce le porte di metallo compatto: “Hai paura che le nostre anime caschino nelle mani del Diavolo?” – chiedono le guardie – “No: che non abbiate anima da dargli.” Nelle pieghe della catastrofe, lo sguardo in controluce di Calvino scorge il segreto della molteplicità nell’ostinazione dell’eremita che legge lo scorrere della clessidra e lo introduce nella pagina per granelli: qualora si lasci sedurre dall’illimitato, il narratore s’accorge che la sua storia s’è persa. Il Castello è una finzione che vuole essere un universo totale. Mentre chiude con Macbeth – “sono stanco che Il Sole resti in cielo, non vedo l’ora che si sfasci la sintassi del Mondo, che si mescolino le carte del gioco, i fogli dell’in-folio, i frantumi di specchi del disastro” –, Calvino sembra riprendere l’Elogio de la sombra di Borges. Nell’epoca dell’esaurimento di tutte le storie, la sopravvivenza dell’identità resta appesa al filo del ricordo: “nell’ultima carta si contempla il paladino legato a testa in giù come L’Appeso. […] Cosa dice? Dice: – Lasciatemi così. Ho fatto tutto il giro e ho capito. Il mondo si legge all’incontrario. Tutto è chiaro.”

  • User Icon

    ada

    22/02/2005 17:18:58

    ho trovato questo libro abbastanza lento ma bello soprattutto per il suo messaggio che se si coglie è illuminante ......ho fatto tutto il giro ed ora ho capito.. il mondo si legge all incontrario...

  • User Icon

    Nicola Vendramin

    28/04/2003 12:44:40

    Adoro Calvino, ho letto molti suoi libri ma questo l'ho portato alle fine per spirito di dovere (finire una cosa cominciata); se il castello dei destini incrociati permette comunque un minimo di senso alle storie, la taverna dei destini incrociati l'ho trovata proprio sconclusionata! Favolosa l'idea di raccontare storie partendo dai tarocchi e quindi di lasciare le storie in quest'aura di sottile (a volte spessa) nebulosità, come d'altronde lo sono i tarocchi nella loro divinazione; maquando è troppo... Forse Calvino avrebbe fatto meglio a fermarsi alla prima parte del libro visto che è riuscito in maniera eccezionale a scrivere delle storie che alla stesura completa dei tarocchi sono perfettamente intrecciate tra loro. Se qualcuno vuole avvicinarsi a Calvino sicuramente non parta da qui! La trilogia dei nostri antenati è sicuramente più agevole

  • User Icon

    vanni

    07/01/2003 18:03:28

    Buona l'idea, ma molto, molto faticosa la lettura...

  • User Icon

    Giorgio

    29/05/2002 19:00:59

    Se si conosce la tecnica di lettura dei tarocchi (e se soprattutto si conoscono i tarocchi!) questo è un testo molto simpatico da leggere; a mio avviso è presente un po' quel coinvolgimento del lettore tipico di Calvino, ma in misura maggiore l'autore si esprime attraverso il paradossale ed il fantasioso. Non è forse stupendo, oltre che suggestivo, immaginare più persone che si dirigono in uno stesso luogo ed i cui destini si incrociano sotto 78 carte? Penso proprio di sì...

  • User Icon

    Giovanni

    01/12/2001 00:05:02

    Adoro Calvino e mi dispiace dare un voto basso, ma questa volta devo. I tarocchi usati per raccontare delle vite possono starci, ma i richiami alle figure sono noiosi e logoroici. Consiglio di rivolgersi ad altro dell'autore.

  • User Icon

    ARita

    05/09/2001 09:51:56

    Le storie che vengono narrate dai protagonisti appartengono a tutti quanti e in esse c'è la chiave per comprendere la vita di ogni uomo. Molto difficile risulta, comunque, coglierne appieno il significato, che si lascia solo intuire, per poi divenire parte integrante delle riflessioni del lettore che ha finito di leggere il libro. Lo stile dell'autore resta sempre straordinario.

Vedi tutte le 20 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione