Categorie

Catechismo della Chiesa cattolica. Compendio

Collana: I compendi
Edizione: 2
Anno edizione: 2005
Pagine: 206 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788821555053
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 5,40

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Roberto

    23/09/2005 18.16.57

    Ho letto la riga di commento del sig. Giovanni Franco, purtroppo molte persone la pensano come lui, questo è dovuto al desiderio di modernità che è il male primario della nostra epoca. I vangeli non si possono interpretare a seconda delle epoche e/o delle comodità, sono e restano le parole di Dio, buono giusto ma non sciocco. A volte severe e severo è il modo di proporle della chiesa, ma senpre fedeli al verbo fatto carne e non ..guai se cosi fosse..plasmate sulle necesiità che le epoche pongono a noi di fronte...grazie

  • User Icon

    Giuseppe

    03/08/2005 19.26.24

    E' appunto perché non mutano che i concetti hanno il loro carattere di "eternità" e di "verità"; al contrario, il nostro pensiero è mutevole e contraddittorio ma, soprattutto non ci salva dal male che ci attanaglia: tutti, credenti e non.

  • User Icon

    Marco

    26/07/2005 10.53.46

    Opere come queste ci inducono ad interrogarci sulla nozione stessa di libro e a chiederci se l’esperienza umana possa essere sintetizzata in qualsivoglia „istruzioni per l’uso“. Qualcuno ha lamentato la mancanza della voce „ipocrisia“ nella casistica discussa dal Catechismo: ma forse ci si dimentica che l’ipocrisia è la poesia stessa del Cattolicesimo: è la patina stessa che permea queste pagine, la stessa patina che vela il dolce sguardo di Ratzinger: è forse possible sintetizzare in una definizione una nozione allo stesso tempo cosi’onnipresente e sfuggente? alla luce di questi presupposti, mi pare proprio che il Catechismo sia un capolavoro…

  • User Icon

    ratzy

    13/07/2005 17.51.22

    Il mondo moderno passa, i concetti antichi restano.

  • User Icon

    Giovanni Franco

    11/07/2005 20.29.56

    La solita riproposizione di concetti antichi, che male si appaiano al mondo moderno. Non c'è voglia di cambiamento.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione