Categorie

Ildefonso Falcones

Traduttore: R. Bovaia
Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Anno edizione: 2007
Pagine: 642 p. , Rilegato
  • EAN: 9788830424296

Barcellona, XIV secolo. Il romanzo percorre passo dopo passo la vita di Arnau Estanyol nei decenni centrali del secolo, in una Catalogna rurale fortemente improntata al diritto feudale, in aperto contrasto con Barcellona, città semi-indipendente dal potere regio, culla di libertà e di ascesa sociale. Tra il 1320 e il 1384 seguiamo l'alternarsi della fortuna di Arnau e la contemporanea costruzione della Cattedrale di Santa María del Mar, "la cattedrale del popolo" di Barcellona. La storia della cattedrale sarà il cardine delle tormentate vicende del protagonista: Arnau e Santa María del Mar crescono insieme, uniti da un legame quasi mistico. Sullo sfondo, un Medioevo terrifico di guerre e pestilenze, carestie e conflitti religiosi, amori tormentati e soprusi d'ogni genere. Il romanzo trasporta il lettore tra fughe rocambolesche, rivolte popolari, battaglie, pestilenze (tra le quali la Peste Nera del 1347), agnizioni, ascese e cadute, addii struggenti e rutilanti trionfi; dall'Inquisizione che minaccia la già non facile convivenza tra musulmani, cristiani ed ebrei, alle punizioni terribili per le mogli adultere e le esecuzioni pubbliche; dai matrimoni combinati all'amore proibito. Un quadro di ampie dimensioni che però torna sempre all'umile quartiere della Ribera, nel cuore di una Barcellona in pieno fermento: i vecchi istituti feudali sono al tramonto, mentre mercanti e banchieri in ascesa hanno sempre maggiore influenza nel determinare le sorti della città, impegnata in aspre battaglie con Genova e Venezia per il monopolio dei commerci con l'Oriente. Intrecciate alla Storia, le vicende personali di Arnau, personaggio eroico che nasce servo e sale tutti i gradini della scala sociale, fino a diventare Signore dopo essere passato per una serie infinita di peripezie e tradimenti, ma anche amori e amicizie sincere.
Sulla scia del successo degli autori ispanici di ultima generazione, come Matilde Asensi, Julia Navarro e Carlos Ruiz Zafón, Falcones scrive un romanzo che segue le orme dei feuilleton ottocenteschi: personaggi le cui azioni sembrano non concludersi mai, capitoli che spesso si chiudono nel momento cruciale dell'azione, l'eterna lotta tra il bene e il male, fame, ingiustizie e tradimenti, roghi di eretici e salvataggi all'ultimo minuto, amori focosi e sincere amicizie…Un libro che sta a metà tra Il conte di Montecristo e I pilastri della terra con un protagonista che, personificazione dell'essenza catalana, si oppone con tutte le forze alle circostanze avverse. Attorno a lui, un corollario di personaggi straordinari: Joan, suo "fratello" acquisito, dall'intelligenza acuta; il moro Guillem, genuino emblema del talento allo stato puro; Abraham, l'ebreo solerte con il suo popolo e la sua città; e i personaggi "crudeli", come il cupo signore feudale di Navarcles, il miserabile Grau, la perfida Elionor e lo spietato inquisitore che getterà Arnau in una segreta dell'Inquisizione.
La costante contrapposizione tra il bene e il male e tra l'autentico spirito catalano e ciò che non ne fa parte costituisce il nucleo profondo di un racconto che si legge con avidità. Un romanzo in cui avventura e sentimento si uniscono alle vicende di un uomo e della sua città, protagonisti di un'avventura corale, sullo sfondo delle luci e delle ombre di un Medioevo dal fascino innegabile.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    taib

    12/06/2016 07.02.34

    mi è molto piaciuto, lo stile di scrittura lineare, le vicende che non si accavallano, Falcones da tempo ad ogni vicenda con un linguaggio limpido e chiaro, veniamo buttati nella barcellona del medioevo, bella la connotazione storica, finale per me irrealistico, perche quando si cade in mano all'inquisizione è rare poterne fuggire.

  • User Icon

    Lucarelli

    11/11/2015 08.31.48

    Questo è uno dei romanzi storici più belli che abbia mai letto. Forse migliore anche dei "Pilastri della Terra" di Follett.Però è passato tanto tempo da quando lessi quest'ultimo che non vorrei esagerare con dei paragoni, mi limito ad una sensazione. Considerando che non ho moltissimo tempo l'ho divorato in una decina di giorni per quanto mi ha preso leggerlo. Trama avvincente e mai noiosa, personaggi ben caratterizzati. Complimenti per la descrizione della toponomastica di Barcellona. Come in un altro libro che ho letto faccio una lode all'autore per la sua documentazione nella stesura del romanzo. Leggete la nota a fine libro e capirete che Falcones ha scritto un romanzo non solo bello da leggere ma anche con un certo spessore storico.

  • User Icon

    Maria Teresa

    25/08/2015 15.35.04

    Veramente molto bello, trama avvincente e ricca adi personaggi tutti bel caratterizzati...linguaggio molto fluido...con tutte le descrizioni dettagliate della citta in tutti i suoi aspetti sembrava di stare realmente nella nella Barcellona del XIV secolo. consigliatissima la lettura soprattutto per chi, come me, è appassionato di romanzi storici.

  • User Icon

    nefelai

    28/02/2014 15.04.35

    E' il primo libro di Falcones che leggo, ma sicuramente leggerò anche gli altri, mi è piaciuto il suo stile. Dopo il "Nome della rosa" (Umberto Eco), "I pilastri della terra" (Ken Follett), sicuramente inserisco Falcones. Ricorda molto "I pilastri della terra", ma Falcones ha un suo modo di narrare che comunque lo contraddistingue, e la descrizione dei bastaix è stata affascinante. Un mondo medievale in cui tuffarsi dimenticando l'epoca contemporanea...peccato solo il finale un po' affrettato.

  • User Icon

    ammacampa

    26/12/2013 21.16.26

    Romanzo avvincente, bello. Una volta iniziato, hai solo voglia di terminarlo. Finale fin troppo scontato, ma è quello che si aspetta il lettore. Complimenti a Falcones.

  • User Icon

    EMILIANO

    19/11/2013 12.43.44

    Un libro di sorprendente bellezza, vicende umane ed epiche si intrecciano in un delizioso connubio di tensione e commozione. E tutto emerge da un grande affresco scenico e storico. Bravissimo Falcones.

  • User Icon

    monia

    11/11/2013 13.08.04

    Non pensavo che era un libro cosi bello. mi ha veramente sorpreso. molto molto bello

  • User Icon

    edo

    09/11/2013 21.06.28

    Veramente bello. Per me è stata una sorpresa

  • User Icon

    Pierluigi

    19/09/2013 23.29.36

    Bello.

  • User Icon

    FedeEmme

    28/08/2013 09.55.37

    Simile per struttura e trama ai Pilasti della terra, questo romanzo è caratterizzato dalla passione, dall'umiltà, dalla'amore per la politica, dalla profonda responsabilità civile e dalla dignità tipica dei catalani. Catalani: gente di cuore. Arnau e tutti gli altri personaggi lo dimostrano, senza mai cadere nel buonismo eccessivo: quando c'è da uccidere, vendicare, far cadere in rovina chi con arroganza ha schiacciato altri, il protagonista non si tira mai indietro...640 pagine che si bevono in poco più di un weekend di relax

  • User Icon

    France

    03/04/2013 21.49.23

    Un pò sulla scia del celeberrimo "I pilastri della terra" questo romanzone storico si lascia godere e apprezzare nel suo genere. Un pò faticoso, ma in definitiva abbastanza interessante.

  • User Icon

    Ange

    10/12/2012 19.09.08

    Lo consiglio vivamente. Bellissimo, travolgente, emozionante. Personaggi ben fatti. Uno dei romanzi più belli che abbia mai letto.

  • User Icon

    colin

    29/10/2012 22.55.37

    Perdonatemi, sono arrivato ad odiarlo da quanto l'ho trovato furbo e artificioso.

  • User Icon

    Barbagianni39

    29/08/2012 22.11.46

    BELLISSIMO!!! Per fortuna Ken Follett non e' il solo ad incantare! Coinvolgente al massimo grado!

  • User Icon

    vincenzo

    27/06/2012 12.01.16

    libro stupendo, grande storia narrata in modo impeccabile!

  • User Icon

    ANTONIO

    28/05/2012 17.16.39

    Solo due parole "MOLTO BELLO" lo consiglio. Complimenti all'autore.

  • User Icon

    Oriana

    28/05/2012 15.41.53

    Questo è il primo libro di Falcones che ho letto. Mi ha riportato alle atmosfere di "I Pilastri della Terra" e "Mondo senza fine" che io personalmente ho adorato. Ma Ken Follett è un'altra cosa, assolutamente unico e non c'è proprio paragone. Nonostante ciò è un buon libro, mi è piaciuto molto, storia avvincente anche se con un finale un pò frettoloso. Consigliato.

  • User Icon

    Roberto Lo Duca

    21/05/2012 21.35.44

    L'ho cominciato per caso, e mi ha preso all'istante. Romanzo davvero ben scritto, che una volta iniziato ti costringe a leggerlo tutto d'un fiato. I protagonisti sono ben delineati, si può accostare la crescita e la maturazione di Arnau all'edificazione della Chiesa di Santa Maria del Mar. Nonostante sia un romanzo abbastanza lungo, la storia è un continuo susseguirsi di vicende e colpi di scena che tengono chi legge incollato al libro, e lo fanno addentrare sempre più nel racconto e nel medioevo catalano, con tutti i suoi codici come le male usanze e la Santa Inquisizione. Quando il ritmo sembra calare un attimo, è solamente perché l'autore impreziosisce l'opera con accurate nozioni storiche, che ho apprezzato molto e ne rappresentano un valore aggiunto.

  • User Icon

    raffaella

    14/05/2012 17.40.27

    Bellissimo,coinvolgente,commovente. Si legge d'un fiato ,alla fine ti sembra di conoscere i personaggi ai quali ti affezioni da subito.consigliatissimo.

  • User Icon

    Giulia

    17/04/2012 11.04.11

    Mi è piaciurto molto! La mia convinzione è che un libro deve soprattutto appassionare e questo ci è riuscito! Consigliato!

Vedi tutte le 309 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione