Categorie

Ildefonso Falcones

Traduttore: R. Bovaia
Editore: TEA
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
Pagine: 642 p. , Brossura

7 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Di ambientazione storica

  • EAN: 9788850220342

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Enrica

    06/11/2016 13.10.20

    Si, a tratti avvincente ma non prenderò certo il seguito. Una buona lettura, in attesa di scegliere in libreria qualcosa di meglio.

  • User Icon

    Laura

    06/08/2016 22.22.45

    Veramente un libro insulso che non può essere definito nemmeno da lontano un romanzo storico. Zeppo di caricature e luoghi comuni sul medioevo, ed allo stesso tempo con un protagonista di mentalità assolutamente moderna, la cui storia sarebbe stata impossibile nel 1300. Personaggi secondari mal caratterizzati che appaiono e scompaiono senza alcun senso. Lo sconsiglio.

  • User Icon

    Giovanni

    24/05/2014 18.06.04

    Dopo le prime cento pagine, ti assale una noia mortale. Non si riesce ad andare avanti. Non so come definire questo libro, ma sicuramente non è un romanzo storico. Delusione totale.

  • User Icon

    Antonio

    04/05/2013 23.22.55

    Avevo letto in precedenza La mano di Fatima e avevo assegnato lo stesso punteggio con le stesse motivazioni. Ambientazione storica molto interessante che mi ha permesso di venire a conoscenza dell'inquisitore Nicolau, ma la storia è troppo lunga, presenta evidenti cali di tensione e alcuni comportamenti dei personaggi sono inspiegabili. Non entro nei particolari per non fare un dispetto agli altri lettori.

  • User Icon

    MATTIA

    04/04/2013 14.59.50

    Libro bello e commovente, da fastidio la lunghezza purtroppo ma è un mio limite. Consigliato lo stesso.

  • User Icon

    mirko

    13/12/2012 21.24.30

    Ho trovato la lettura interessante in quanto incentrata in un periodo storico particolare; la trama a volte è risultata troppo piatta, interrotta da momenti ricchi di azione ed eventi che mi hanno indotto a proseguire nella lettura, mentre le descrizioni sono veramente ottime. Nel complesso un buon libro...

  • User Icon

    Salvatore

    24/07/2012 14.14.15

    Leggera delusione per questo interminabile libro. Non è brutto, bisogna dirlo: il problema è come viene narrato. Non ero attirato dalla voglia di proseguire e terminarlo. L'ho finito perchè non mi piace lasciare le cose incomplete. Troppa storia, poco romanzo. Voto: 3/5 solo perchè Barcellona è stata descritta molto bene.

  • User Icon

    Marina

    19/07/2012 13.59.21

    Ho deciso di leggere qs libro perchè me ne avevano parlato molto bene. La storia è carina ma non cattura molto. Il genere è quello di K.Follet, ma Follet è molto più abile nel tenerti legato alla storia ed a portati a non smettere la lettura. Diciamo che si fa leggere fino alla fine.

  • User Icon

    MilanoNoire

    08/05/2012 20.06.08

    Ho aspettato che la storia mi catturasse, ma mi sono stufata. Non l'ho finito.

  • User Icon

    Robin

    19/03/2012 13.04.01

    Una storia affascinante, ricca di tradimenti, complotti e sentimenti semplici, raccontata in un contesto storico buio e drammatico. Una storia di un uomo che è riuscito, nonostante tutto e tutti, a raggiungere la serenità e la libertà desiderata. Mi ha regalato tante emozioni. Bellissimo.

  • User Icon

    Roberta

    05/01/2012 17.19.55

    Pensavo di trovarmi di fronte a una copia de "I pilastri della terra", invece ho scoperto una storia molto più scorrevole e leggera ma ugualmente coinvolgente! Lotterete e soffrite insieme ad Arnau in ogni pagina di questo libro tra peste, Inquisizione e amori proibiti!!

  • User Icon

    supermarcus

    06/12/2011 14.54.50

    Bellissimo. Potente. Commovente. Un romanzo che dovrebbero leggere tutti. Stupendo veramente.

  • User Icon

    Libero

    09/09/2011 12.34.30

    Diffidate con decisione da chi si professa depositario della cultora!!! Il libro è scritto magistralmente per lo scopo che si prefegge e, cioè, regalere delle ore di mero divertimento senza aver la presunzione di dar alla luce un nuovo Classico. Se si andasse al cinema a vedere un Action Movie non pretenderemmo di assistere ad capolavoro in senso assoluto pur potendo comprendere la pregievole fatture del suddetto Action Movie. Diffidate, non mi stancherò mai di ripeterlo, dagli snob della cultura che inequamente gettano fango a prescindere spesso non avendone neppur le capacità nè culturali nè lessicali (iponomia/IPONIMIA) Con questo ho chiuso.

  • User Icon

    Gianmichele

    06/09/2011 20.44.17

    Ottimo romanzo di facile lettura che a mio modesto parere richiama un classico delle letture giovanili: "Il Conte di Montecristo". Era sul mio comodino in attesa di lettura. Un amico mi ha fortemente invogliato a leggerlo. La descrizione dei personaggi, dei luoghi e la trama catturano il lettore. Da un romanzo di questo genere è impossibile chiedere di più.

  • User Icon

    mara

    02/09/2011 16.49.29

    Costretta nella lettura per causa di forza maggiore,non ho dovuto assolutamente ricredermi...Lo scrittore contemporaneo, per quanto si sforzi(o non si sforzi affatto) d'appropriare il linguaggio al contesto storico, non ci riesce effettivamente. Si ravvisa una certa discromia stilistica commista ad un'iponomia terminologica, che rende l'eloquio ed i dialoghi sufficientemente piatti a non lasciare il segno. Questo romanzo non comunica niente e non trascina il lettore alla riflessione....

  • User Icon

    Annette

    23/08/2011 18.54.13

    Mi è stato regalato e confesso che prima non ci avevo fatto mai troppo caso. Sì, ne avevo sentito parlare ma non mi ero interessata più di tanto. Temevo fosse troppo pesante e invece mi sono dovuta ricredere: il libro si legge scorrevolmente, mi sono fatta molto coinvolgere da tutta la vicenda di Arnau, emozionante e per niente noiosa, ricca di colpi di scena. Tutto cambia nel giro di poche pagine, c'è sempre qualcosa di nuovo da scoprire. Molto interessante anche lo sfondo, non solo per le descrizioni di Barcellona e della sua Santa Maria del Mar, ma anche per come l'autore ci fa capire il pensiero dominante dell'epoca su donne, contadini, ebrei... Davvero molto coinvolgente e per nulla pesante! Consigliatissimo!!!

  • User Icon

    Cuore Viola

    12/07/2011 09.33.31

    Che bel libro davvero! Avendo letto la trama, ero un po' titubante a comprarlo: l'argomento non è che mi eccitasse molto. Poi però mi sono lasciato convincere da tutti gli amici che l'avevano già letto e me ne parlavano in termini entusiastici. Avevano ragione, c'è poco da dire: un romanzo ben strutturato, scorrevole, interessante, umano. Non è facile scrivere storie tanto lunghe, ma Falcones in questo caso c'è riuscito davvero bene. Complimenti! Superconsigliato!

  • User Icon

    rosy

    15/12/2010 08.45.10

    Appena ho finito di leggerlo ho avuto la sensazione di essermi tolta un peso. la storia è prolissa, bastavano molte meno pagine per raccontare il tutto. la trama è fitta di personaggi che compaiono e scompaiono ad intermittenza creando non poca confusione in chi legge. lento nella parte centrale e troppo veloce nel finale. il libro vero inizia nelle ultime duecento pagine. bella la descrizione di Barcellona ma niente di più.

  • User Icon

    lettore4

    01/12/2010 13.51.51

    Piacevole, dinamico, scorrevole. Concordo con chi trova un po' noiosa la parte centrale e chi lo ritiene commerciale, quindi a tratti anche inverosimile. Sicuramente l'autore ha eseguito un buon lavoro di ricostruzione, riportando ogni tassello al proprio posto e così permettendo che nessun particolare rimanesse scollegato. Spiace la caratterizzazione dei personaggi un po' manichea: da una parte i poveri tutti buoni, dall'altra i nobili tutti cattivi ed alcune prese di posizione di Arnau sono francamente anacronistiche. Lettura consigliata comunque.

  • User Icon

    Silvia

    16/11/2010 17.47.29

    Un buon libro. Certo per chi ha amato profondamente "I pilastri della terra", Ken Follett resta Ken Follett. Ma sarebbe tutto sommato un'ingiustizia non riconoscere i meriti di Ildefonso Falcones: se non si paragona "La cattedrale del mare" a "I pilastri della terra", si legge anche più volentieri questo romanzo ben costruito e abbastanza coinvolgente.

Vedi tutte le 56 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione