La cattiva strada - Sébastien Japrisot - copertina

La cattiva strada

Sébastien Japrisot

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Simona Mambrini
Editore: Adelphi
Collana: Fabula
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 6 novembre 2018
Pagine: 220 p., Brossura
  • EAN: 9788845933103
Salvato in 263 liste dei desideri

€ 14,40

€ 18,00
(-20%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

La cattiva strada

Sébastien Japrisot

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La cattiva strada

Sébastien Japrisot

€ 18,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La cattiva strada

Sébastien Japrisot

€ 18,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (10 offerte da 12,60 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Questa è la storia di un amore. Un amore indomabile, travolgente. E innanzitutto proibito.

«La cattiva strada esce in italiano nella nitida versione di Simona Mambrini che sa restituire sia il passo veloce sia la leggerezza cangiante di uno stile prodigato con perfetta nonchalance» - Massimo Raffaeli, Il Venerdì

«Suor Clotilde rivide Denis. Capì che aveva fatto la strada di corsa per precipitarsi da lei. Aveva gli occhi più belli, più neri che mai e pieni di una felicità stupefacente. Tutto divenne confuso, lei gli chiese scusa, gli diede un bacio sulla guancia. E nella frazione di secondo in cui le sue labbra toccarono la pelle di Denis, lei capì che era vero, che il male era in lei, che non doveva più rivederlo, non doveva più vedere il suo sorriso né sentire la sua voce, doveva dimenticarsi di quel bacio e della morbidezza della sua mano.»

Questa è la storia dell'amore che lega un ragazzo appena quattordicenne a una suora che di anni ne ha ventisei. La passione che vivono, fino in fondo e senza rimorsi, queste due giovanissime creature viene raccontata con candore e precisione, senza compiacimenti e senza moralismi, da uno scrittore che all'epoca ha solo diciott'anni. In questo romanzo dotato di una grazia quasi prodigiosa (e che inevitabilmente ci fa pensare a un altro romanzo, pressoché perfetto, opera di un adolescente: «Il diavolo in corpo» di Radiguet) percepiamo, tra Denis e suor Clotilde, una tensione erotica palpabile, bruciante: e ogni qualvolta ci sono loro due, soltanto loro due, la pagina è come illuminata. Gli altri – genitori, autorità scolastiche, gerarchie ecclesiastiche – faranno tutto quanto è in loro potere per opporsi a quell'amore.
Ma non vi è migliore risposta dell'epigrafe apposta al libro dall'autore stesso: «Credi nel tuo Dio se puoi, ma credi soprattutto nella vita. Se la tua vita dimentica il tuo Dio, tieniti stretta la vita...». Non è un caso che Emmanuel Carrère abbia definito Japrisot «un grande scrittore», «uno dei più originali del suo tempo».
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,71
di 5
Totale 14
5
5
4
4
3
2
2
2
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Gio

    28/11/2020 10:51:50

    Mi dispiace, ma non mi è piaciuto per niente. Non mi sono piaciuti affatto i due protagonisti e non sono riuscita bene a capire come e perché tra i due sia scoccata la scintilla. No, no non mi è piaciuto proprio

  • User Icon

    Francesca

    15/07/2020 20:32:07

    Questo libro è davvero molto bello . Si parla di un rapporto affascinante , divorate ,tra un ragazzino e una suora, descritto in modo delicato e con molto tatto. Alla fine la VITA trionfa sempre su tutto , a volte anche su Dio e sulla morale ! Molto consigliato.

  • User Icon

    Erika

    13/05/2020 19:39:22

    La storia è di una dolcezza unica, dà conforto e calore in qualche freddo pomeriggio autunnale. Non è una semplice storia d'amore, è la storia di una crescita, della conoscenza di sé e del coraggio che questo processo comporta.

  • User Icon

    angela

    13/05/2020 10:08:41

    Una storia intrigante, dalle tinte decisamente forti. Una storia d'amore dove i due protagonisti non mancheranno di scandalizzarci.

  • User Icon

    carla

    13/05/2020 10:01:31

    Un tema scabroso, la storia d'amore di un quattordicenne e una donna di 12 anni più ' vecchia ' di lui. Un libro che affronta quindi temi delicati in un rapporto proibito non solo per la giovane età del protagonista, ma anche che la donna risulta essere una suora.

  • User Icon

    Antonella L.

    12/05/2020 16:10:06

    La storia di una passione che la morale condanna come peccaminosa ma ,vista dagli occhi dei protagonisti sprigiona delicatezza, intensità e purezza. Da leggere per riflettere ...

  • User Icon

    Fabio

    11/05/2020 13:51:23

    Tempo fa, mentre camminavo per una vasta campagna, ho incontrato una lunga recinzione, fatta di pali di legno conficcati in profondità nella terra e di filo di ferro: segmentava lo spazio a perdita d'occhio. Ne ho seguito il lento dipanarsi per un po', riflettendo sulla proibizione che essa rappresentava. Stare al di qua o al di là di quella recinzione, anche di appena un metro; scavalcarla oppure no non mi avrebbe cambiato troppo, non avrei creduto in cose diverse da ciò in cui già credevo, eppure, senza dubbio, la mia vita sarebbe stata differente. Il libro di Sebastien parla di un accidente simile, dì quando si incontrano misteriose recinzioni che segmentano la bellezza di un campo aperto, e bisogna decidere da che parte stare. Il metro al di qua o al di là che fa la differenza. Non sarà la storia più originale del mondo, fratello, ma è scritta bene, con grazia e passione sincere. Anni luce dal pianeta Baricco, tanto per intenderci. Steso sul divano, accoccolato sulla sedia a dondolo con il gatto addormentato sulle ginocchia, potresti imbatterti in passaggi come questo: "Quel pomeriggio Denis ha corso in pieno sole. Ha fatto tutta la strada di corsa, e i gradini a quattro a quattro, e ha suonato a una porta. E il suo sogno è venuto ad aprirgli". Se avete mai saltato una recinzione, o preso talvolta una cattiva strada, riconoscerete al buon Sebastien Japrisot di aver fatto un lavoro coi fiocchi.

  • User Icon

    Alessia

    23/09/2019 19:09:58

    Primo Adelphi, grande amore! Ho iniziato questo libro e l'ho finito in un batter d'occhio, una storia d'amore, ma non la solita! Lo consiglio, sia per la trama interessante e per il modo in cui viene scritto, un libro scorrevole che non lascia niente al caso!

  • User Icon

    Federica

    10/03/2019 12:50:36

    Veramente non capisco tutto questo entusiasmo generale per un romanzo che ha una caratterizzazione dei personaggi che fa venire la pelle d'oca. Un romanzo superficiale che parte da un'ottima idea ma che si perde per strada...

  • User Icon

    Tonia

    08/03/2019 20:27:58

    Libro bellissimo. Letto tutto d'un fiato. Coinvolgente. Storia delicatissima. Assolutamente da leggere. Consigliato.

  • User Icon

    Giovanna

    24/02/2019 13:36:54

    Letteralmente divorato: il tema è forse "disturbante", ma trattato con delicatezza

  • User Icon

    Rita

    12/02/2019 22:07:36

    Letto in un solo giorno. Bellissimo, molto coinvolgente e mai banale.

  • User Icon

    Chiara

    05/02/2019 22:53:44

    L'ho trovato lento e un pochino noioso. Mi aspettavo di più, molto di più.

  • User Icon

    massimo r.

    05/01/2019 19:16:42

    Con sguardo distante ma indulgente Japrisot descrive una passione “proibita” la cui forza sopravviverà alle convenzioni, al perbenismo e al tempo...

Vedi tutte le 14 recensioni cliente

E poi arriva dal passato un romanzo che dimostra come una storia d’amore possa essere grande letteratura. Faccenda complicata e non così frequente. Un amore (prendendo in prestito le parole di Walter Siti a proposito di Cime tempestose) «che porta solo disgrazie e rabbia e vendetta. Quello che si preferisce dimenticare per vivere tranquilli. L’unico che vale la pena». Un amore insolente, che sfugge alle regole, prepotente, scandaloso, con due amanti che nelle difficoltà «sentivano che la loro ragione era la più forte di tutti, perché la loro unica ragione era la vita», convinti che «quella era la vita, ed era la felicità, qualcosa che non aveva né inizio né fine, da percorrere fino in fondo». Una storia pubblicata da un autore ragazzino, Sébastien Japrisot, nel 1950, riscoperta sedici anni dopo, che arriva in Italia con colpevole ritardo, per merito della casa editrice Adelphi, che ne ha affidato la traduzione a Simona Mambrini. L’ultima volta nelle librerie italiane per un romanzo di Japrisot (figlio di emigrati italiani, Rossi il suo vero cognome) risaliva – sull’onda del bel film di Jeunet – a un’edizione Rizzoli de Una lunga domenica di passioni, datato 2005.

Il dolce abisso che si narra ne La cattiva strada (220 pagine, 18 euro) è la passione fra un liceale quattordicenne, Denis, e una suora ventiseienne, suor Clotilde, che scocca in un ospedale, dove gli studenti fanno visita ai malati, costretti dai padri gesuiti della loro scuola. Lo sfondo è quello della Francia occupata dai nazisti – il cibo è razionato, il mercato nero fiorente – ma la fine della guerra è vicina e i pochi soldati tedeschi che fanno capolino dalle pagine sono in fuga, cercano una salvezza che non troveranno; la guerra finisce per essere alleata della coppia che ripara in provincia, con Denis che quasi auspica il proseguo delle ostilità. Vergogna, dubbi, sensi di colpa si agitano nel cuore della religiosa, fin quando i sentimenti non hanno il sopravvento e deflagrano, con conseguenze durissime per la coppia, quelle che culminano nelle ultime pagine, in un finale straziante, shakespeariano, con lacrime e un viaggio.

Incontrollabile e devastante, reciproco, il sentimento travolge un adolescente inquieto nell’austero ambiente della scuola dei gesuiti, e una suora che non ha scelto volontariamente la vocazione. Tra incontri clandestini e gesti proibiti, i due fanno i conti con l’inevitabile condanna della società, della famiglia di lui, delle superiori di lei. Uno dei talenti di Japrisot è dare conto delle pudiche fitte del primo amore, sviscerare un amore del genere, sacrilego, nella cattolicissima e per molti versi oscurantista Francia, contro vari pregiudizi, a cominciare dalla minore età del ragazzo e dai dodici anni di differenza. Gran parte delle pagine – in certa loro apparente semplicità, in una ricercata linearità – appaiono prodigiose, tanto più che l’autore era diciannovenne quando La cattiva strada apparve in Francia.

S’intrecciano ne La cattiva strada, romanzo di anti-formazione, una messe di motivi: i modi in cui ottenere la felicità, il corpo a corpo con i limiti e la libertà dell’amore, la sfida di due anime a Dio, un erotismo accennato, mai volgare, una violenta mescolanza di gelosie e invidie. È uno di quei libri, quello di Japrisot, che si leggono di slancio nonostante una certa lentezza della prosa, salvo rallentare nelle ultime trenta pagine, quasi a non volersene separare, quando però scrittura – che indugia sui dettagli senza esagerare – e vicenda s’impennano in modo repentino.

Recensione di Salvatore Lo Iacono

  • Sébastien Japrisot Cover

    Pseudonimo anagrammatico di Jean-Baptiste Rossi, è stato un traduttore, sceneggiatore e regista. Molti dei suoi romanzi sono stati adattati per il cinema. A Cattiva Strada, pubblicato per la prima volta nel 1950 e tradotto per Adelphi nel 2018, venne conferito nel 1966 il Prix de l'Unanimité. Approfondisci
Note legali