Salvato in 37 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Una cena al centro della terra
11,70 € 19,50 €
LIBRO
Venditore: IBS
+120 punti Effe
-40% 19,50 € 11,70 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,70 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
HOME MOVIES
18,90 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Piazza del Libro
15,90 € + 3,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
19,50 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
19,50 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 30 gg lavorativi disponibile in 30 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
19,50 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,70 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
HOME MOVIES
18,90 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Piazza del Libro
15,90 € + 3,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
19,50 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
19,50 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 30 gg lavorativi disponibile in 30 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
19,50 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Una cena al centro della terra - Nathan Englander - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Una cena al centro della terra Nathan Englander
€ 19,50
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


Calando la sua vicenda al cuore del conflitto arabo-palestinese, nel periodo fra la seconda intifada e la morte di Ariel Sharon, Englander, salutato come il naturale erede di Philip Roth, mostra qui di aver raggiunto un nuovo traguardo.

«L'ultimo libro di Nathan Englander è, come al solito, magnifico: un'opera di precisione psicologica e forza morale che cattura con pari immediatezza sia l'eterna verità umana sia gli smarrimenti del presente.» - Colson Whitehead

«Una profonda meditazione sullo stato di Israele e insieme un thriller avvincente, denso di colpi di scena e ambiguità morali. Una gioia da leggere.» - The Jewish Chronicle

Il Prigioniero Z è un uomo senza piú identità né futuro. Da dodici anni è rinchiuso in una segreta nel deserto del Negev con la sola compagnia del suo indefesso sorvegliante, nella vana attesa che il Generale gli restituisca la vita. Ma com'è finito, il Prigioniero Z, in quella cella desolata? Quale guerra di spie, quali doppi giochi e tradimenti, fra New York e Gaza, Parigi e Berlino, l'hanno condotto fino a lí? E qual è davvero la sua colpa? Aver lasciato che la coscienza interferisse con la causa? Aver mentito troppo, o troppo poco? Aver amato ciecamente chi non era ciò che sembrava? «L'ultimo libro di Nathan Englander è, come al solito, magnifico: un'opera di precisione psicologica e forza morale che cattura con pari immediatezza sia l'eterna verità umana sia gli smarrimenti del presente». Colson Whitehead «Una profonda meditazione sullo stato di Israele e insieme un thriller avvincente, denso di colpi di scena e ambiguità morali. Una gioia da leggere». «The Jewish Chronicle» Molti destini si intrecciano in questa storia sfaccettata che si snoda tra Gaza e New York, Berlino, Parigi e Capri, in un arco temporale di dodici anni fra il 2002 e il 2014: quello del Prigioniero Z, uomo dalle molte identità e nessuna, traditore e tradito; del suo sorvegliante israeliano, un giovane pensoso e sensibile, inevitabilmente coinvolto da quella vicinanza forzata; di Ruthi, l'assistente personale del Generale, che veglia sul suo corpo sospeso nel limbo del coma in un ospedale nei pressi di Tel Aviv; del Generale, una figura a tratti demoniaca e a tratti messianica, un guerriero e un capo di stato che ha avuto nelle sue mani il destino di un'intera nazione, e che ora vive in una terra popolata solo di ricordi; di Farid, un giovane palestinese amante della barca a vela e paladino della causa araba; di Joshua, un ricco uomo d'affari canadese che a Berlino si occupa di import-export su uno scacchiere ben piú grande di lui; e di una misteriosa e bellissima cameriera italiana che parla sospettabilmente bene l'inglese. Niente è come appare, tutto è fatalmente connesso in Una cena al centro della terra , romanzo breve e densissimo che è insieme un thriller di spionaggio, un romanzo storico, una storia d'amore, un apologo morale e una tragedia classica. Al centro di questa matrioska narrativa vibrano i temi della fedeltà e del tradimento, della divisione tra popoli e tra amanti, della labilità dei confini e dell'identità. Calando la sua vicenda al cuore del conflitto arabo-palestinese, nel periodo fra la seconda intifada e la morte di Ariel Sharon, Englander, salutato come il naturale erede di Philip Roth per la sua espressione dell'ebraicità, la sua penna caustica, la padronanza del registro comico come di quello struggente, la ricchezza della sua lingua e della sua fantasia, mostra qui di aver raggiunto un nuovo traguardo. È parte della sua maestria saper creare, con quel momento di convivialità, vero amore e unione che dà il titolo al libro, una bolla di pace e tangibile speranza dimentica di ogni conflitto. Ma per ora la cena può avvenire solo sotto la superficie, di nascosto, al buio, in paziente attesa, mentre sopra infuria la battaglia.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2018
13 marzo 2018
240 p., Rilegato
9788806236854

Valutazioni e recensioni

4,25/5
Recensioni: 4/5
(4)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(3)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Giovanni Morrocchesi
Recensioni: 4/5

L'infinito conflitto fra israeliani e palestinesi è lo sfondo, ma anche il protagonista, di questo romanzo, dove due figure principali, il prigioniero Z e il Generale, narrano la loro verità, o perlomeno ciò che ritengono essere la verità. Il prigioniero Z è un ex agente segreto israeliano che si è trovato coinvolto in situazioni più grandi di lui e per questo ha fatto delle scelte che a suo giudizio sono state quelle più giuste, ma a giudizio dei suoi superiori l'hanno marchiato come un traditore. Per questo langue in una prigione segreta nascosta nel deserto del Negev in attesa di un impossibile riscatto. Il Generale assomiglia molto all'ex Primo Ministro israeliano Ariel Sharon, protagonista nella realtà di eventi fra i più drammatici del conflitto arabo-israeliano, e che qui nel romanzo si trova nello stato di coma. A fianco di questi personaggi principali ve ne sono altri che contribuiscono a definire il contesto storico ma anche psicologico del romanzo e, tutti insieme, formano una sorta di "matrioska" con racconti uno dentro l'altro, ognuno dei quali porta con sé una parte di verità perché ognuno testimonia una esperienza vissuta, una sensazione provata, un fatto compiuto. E da ogni punto di vista emerge un quadro composito, dove agli enormi problemi socio-politici che contraddistinguono il conflitto arabo-israeliano, si affiancano i problemi individuali, meno appariscenti, ma altrettanto fondamentali: il tema della fedeltà al proprio Paese o ai propri valori, i confini fra tradimento e affermazione di giustizia, l'odio e l'amore che intercorrono fra le persone, così come fra i popoli. Romanzo molto intenso, dai temi forti, che richiama alla mente lo stile di Philip Roth: la scrittura infatti è dura, spesso caustica, quasi a dimostrare l'inumanità e l'insensatezza della guerra. Ma è anche inframmezzata da punte di ironia e squarci di bellezza struggente che non passano inosservati nel lettore che senz'altro ne percepirà tutta l'importanza.

Leggi di più Leggi di meno
silvia
Recensioni: 5/5

l'autore riesce a creare una finzione che non pesa sulla realtà. anzi. insomma: un libro bello da leggere che riesce a farti sentire la storia contemporanea, a capirla.

Leggi di più Leggi di meno
Maria Berrini
Recensioni: 4/5

Israele da una parte e i Palestinesi e la loro causa dall’altra. Un arco temporale che va dal 2002 al 2014, personaggi con vite molto diverse ma che poi convergono tutte nel conflitto arabo israeliano. E alla fine una storia d’amore. Da questo autore un nuovo libro molto diverso dai precedenti ma non certo meno apprezzabile. Forse non diventerà il nuovo Philip Roth ma certo è un autore che io considero fra i più interessanti del panorama americano. Israele da una parte e i Palestinesi e la loro causa dall’altra. Un arco temporale che va dal 2002 al 2014, personaggi con vite molto diverse ma che poi si ritrovano tutte nel conflitto arabo israeliano. E alla fine una storia d’amore. Da questo autore un nuovo libro molto diverso dai precedenti ma non certo meno apprezzabile. Forse non diventerà il nuovo Philip Roth ma certo è un nome che io considero fra i più interessanti nel panorama americano.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,25/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(3)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

La spia e il Generale, Englander fra guerra e pace

Quando starete lì a fare mente locale sulle vostre liste annuali, sui “best of” del 2018, difficilmente non potrete tenere in considerazione, se l’avete letto, l’ultimo libro (il quarto in diciotto anni), cioè il secondo romanzo, dello statunitense Nathan Englander. Pur avendo già scritto volumi magnifici, in particolare le sue raccolte di racconti (come Di cosa parliamo quando parliamo di Anna Frank), Englander, classe 1970, non ha ancora ottenuto qualche riconoscimento di grido che, oltre alla stima della critica, gli permettesse di catturare l’attenzione del pubblico in patria e all’estero. Poco male. Il suo Una cena al centro della terra è fra i romanzi più significativi delle ultime stagioni, per lettori che non si accontentano d’insipidi “brodini”. Reso in italiano da Silvia Pareschi, tra le più brillanti traduttrici della sua generazione, e pubblicato da Einaudi, è un romanzo coraggioso da molti punti di vista, oltre che epico, commovente e divertente.

Il coraggio, principalmente, è figlio della volontà dell’autore d’essere ambizioso senza smettere d’essere ironico, di voler meditare e riflettere su uno dei buchi neri della storia contemporanea, la contrapposizione di due popoli in una terra bellissima, senza perdere di vista il senso dell’intrattenimento. Ecco perché il romanzo di Englander è finito addirittura sotto le insegne della spy-story. Potrebbe essere liquidato così, Una cena al centro della terra (con esergo da “Il senso della fine” di Julian Barnes e dedica all’agente letteraria Nicole Aragi), perché non mancano cospirazioni e tradimenti in salsa postmoderna, oltre ai più diversi scenari in giro per il mondo (a un certo punto anche l’isola di Capri) ma a un romanzo del genere, più avanti si va nella lettura, si addicono di più i panni della favola, dell’allegoria. Steven Spielberg potrebbe trarne un gran film, ma nell’attesa di un’eventuale riduzione cinematografica, godersi queste pagine è il meglio che si possa augurare a lettori avvertiti, non intimoriti dagli andirivieni cronologici, da continui cambi di registro e dal mix di generi, e minimamente consapevoli della storia recente del conflitto fra israeliani e palestinesi. Englander, che ha vissuto alcuni anni in Israele alla ricerca delle proprie radici, non fatica a contenere compiutamente tanto di quel materiale narrativo e tanti di quei personaggi, che ad altri scrittori sarebbero scappati di mano.

L’azione si svolge tra il 2002 e il 2014. Z (ci piace pensare che la lettera sia un mezzo omaggio all’omonimo caporale, comparsa di Per Esmé: con amore e squallore) è il protagonista. Spia israeliana che nelle sue tante vite, centrifugate per bene da Englander, gioca a backgammon col suo carceriere del deserto del Negev e scrive, ignaro della sua sorte, al Generale (l’ex primo ministro israeliano Ariel Sharon, in coma da anni), si innamora di una cameriera ebrea italiana a Parigi (la ritroveremo sotto altre spoglie in un tunnel sotterraneo, a Gaza, a dar senso compiuto e metaforico al titolo del romanzo), controlla un finanziatore dei guerriglieri di Gaza in Germania, cresce negli Stati Uniti, va all’università a Gerusalemme, imbevuto di sogni e ideali di pace per la terra d’Israele, prima di sposare la causa del Mossad e di rinnegarla. Nelle sue tante vite cambia identità, tradisce e fa il doppio gioco. Englander, che ha tenuto conto di qualche spunto minimo di cronaca e politica internazionale, dosa bene il realismo magico, non una melassa incontrollata, e il post-moderno, senza farlo diventare freddo e fine a se stesso.

Dubbioso, forse incapace, forse ingenuo, pieno di rimpianti e scrupoli, Z non è esattamente l’archetipo dell’agente segreto. A suo modo, per spirito di giustizia, cerca di “aggiustare il mondo”, ma è molto difficile giudicarlo in modo univoco. Un po’ come accade con il Generale, in preda a deliri onirici (in cui ripercorre vittorie e sconfitte di una vita), sul cui valore umano e politico (un santo o un assassino, a volere estremizzare il concetto) dibattono Ruthi, la sua infermiera personale, e suo figlio, che ha il compito di sorvegliare Z. Al lettore, dunque, Englander, morale ma non moraleggiante, chiede di dubitare e riflettere, presentando Z e il Generale (i cui destini come minimo sdoppiati sono legati più di quanto si pensi) nei loro panni più lindi e in quelli più luridi, idealisti ma violenti, istituzionali e privatissimi. La lettura di Una cena al centro della terra è una cavalcata fantastica, un piacere e un’opportunità che è meglio non negarsi.

Recensione di Arturo Bollino

 

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Nathan Englander

1970, New York

Nathan Englander è cresciuto a New York e vive a Gerusalemme. Alcuni suoi racconti sono apparsi sul "New Yorker" e su "Story". Pubblicata in contemporanea in otto Paesi dai maggiori editori, la raccolta di racconti Per alleviare insopportabili impulsi (Einaudi 1999) ha rivelato alla critica e al pubblico un autore che come ha scritto Ann Beattie «ha una nuova voce che ha rivitalizzato interamente la forma racconto». La raccolta gli è valsa il PEN/Malamud Award e il Sue Kaufman Prize for First Fiction. Tra gli altri suoi libri ricordiamo: Il ministero dei casi speciali (Mondadori 2007); Di cosa parliamo quando parliamo di Anne Frank (Einaudi 2012), vincitore del Frank O'Connor Award e finalista al Pulitzer Prize for Fiction 2013; Una cena al centro...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore