La cena di Natale di «Io che amo solo te»

Luca Bianchini

Editore: Mondadori
Collana: Libellule
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 19 novembre 2013
Pagine: 183 p., Brossura
  • EAN: 9788804638711
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
È la vigilia di Natale e sono tutti più romantici, più buoni, ma anche un po' più isterici. Polignano a Mare si sveglia magicamente sotto la neve che stravolge la vita del paese, dividendolo tra chi ha le gomme termiche e chi no. La più sconvolta è Matilde, che riceve quella mattina un anello con smeraldo da don Mimì, suo marito, "colpevole" di averla troppo trascurata negli ultimi tempi. Lei si esalta a tal punto da improvvisare un cenone per quella stessa sera nella loro grande casa, soprannominata il "Petruzzelli", in cui troneggia un albero di Natale alto quattro metri e risplendono le luminarie sul tetto. L'obiettivo di Matilde è sfidare davanti a tutti Ninella, la consuocera, il grande amore di gioventù di suo marito. E Ninella, che a cinquant'anni è ancora una guerriera, accetta la sfida. Sbaglia però a farsi la tinta "biondo Kidman", che la renderà meno sicura, ma non per questo meno bella. Quella sera, alla stessa tavola imbandita si siederanno, tra gli altri: una diciassettenne ossessionata dalla verginità (Nancy); una zia con tendenze leghiste (Dora); una coppia (Chiara e Damiano) in cui il marito forse ha messo incinte due donne, e un ragazzo gay (Orlando) che ha dovuto scrivere a mano su pergamena undici menu, in cui spicca il "supplì alla cozza tarantina" preparato con il Bimby. Tra cocktail di gamberi, regali riciclati, frecciate e risate, ne succederanno di tutti i colori. Ma ai due consuoceri, Ninella e don Mimì, importerà solo essere seduti uno accanto all'altra. Chi si è divertito con Io che amo solo te e vuole sapere che fine hanno fatto i suoi indimenticabili protagonisti, li ritroverà qui con le loro nuove avventure. Chi non li conosce ancora, avrà modo di scoprirli a questa Cena di Natale dove saranno più in forma che mai.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 6,48

€ 12,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ele.na

    21/09/2018 09:43:00

    Piacevole e divertente ma breve e strettamente legato al primo. A mio parere la lettura di questo secondo libro senza aver prima letto ed apprezzato 'io che amo solo te' non permetterebbe di godersi pienamente la storia.

  • User Icon

    chicca

    19/09/2018 21:47:26

    La cena di Natale è il sequel di Io che amo solo te, l’ho adorato, ritornare in quel piccolo paesino pugliese anche solo per pochi giorni è stato un sollievo. È stato molto interessante ritrovare personaggi cambiati e più maturi, e altri che non cambieranno mai. Inoltre il tema del Natale, dell’affetto che si prova durante le feste è davvero molto sentito in tutto il libro. Leggerei sicuramente un altro seguito se ci fosse. Consigliatissimo per chi cerca una lettura leggera e per chi vuole sentire la maglia del natale anche d’estate seduto al sole.

  • User Icon

    dani70

    17/01/2016 12:16:35

    Carino, frizzante, scorrevole...una lettura leggera ma piacevole. E ancora più piacevole è stato leggerlo dopo avere visto il film, immaginando i vari attori durante questa simpatica e alternativa cena di Natale.

  • User Icon

    VIRGINIO

    07/11/2015 23:01:09

    Bello e coinvolgente, L'ho letto subito dopo "io che amo solo te" e dopo aver visto il film. Mi piace come scrive Bianchini, uno stile semplice, lineare e affascinante.

  • User Icon

    Claudio Trenti

    29/12/2014 22:53:15

    L'ho letto subito dopo "Io che amo solo te", del quale rappresenta il seguito. Certo Luca Bianchini non è Marai o Garcia Marquez, ma possiede un modo di scrivere brillante e coinvolgente, che ti fa amare i suoi personaggi fino ad auspicare in un nuovo episodio della saga di Polignano. Ed a proposito di saghe, un caldo consiglio agli amanti del genere: non perdetevi quella romagnola di Vittorio Costa!

  • User Icon

    Tiziana

    28/08/2014 11:22:07

    Fresco e brioso come il precedente, una girandola di personaggi e situazioni davvero sottilmente spassosa.

  • User Icon

    Alessia

    06/07/2014 22:42:49

    Piacevole,scorrevole ed ironico al punto giusto!!!!!!!

  • User Icon

    Giuliano Zocca

    05/05/2014 12:22:16

    piacevolissimo, molto divertente, devo subito procurarmi il precedente.......e speriamo nel seguito

  • User Icon

    ispettore72

    11/04/2014 14:57:38

    Concordo con SaraB. Il sequel non mi ha convinto. Tanto mi era piaciuto "Io che amo solo te", tanto mi aveva divertito, tanto mi ha deluso e annoiato questo secondo capitolo. Trama scontata, situazioni già viste, personaggi incartati su loro stessi. Mi è sembrata una mera operazione commerciale dopo il successo (meritatissimo) del libro precedente. Deludente.

  • User Icon

    Donatellar

    22/03/2014 22:13:55

    Divertente, scorrevole.l'' ho letto in un giorno. Non impegnativo. E' l'ideale per rilassarsi e sorridere dopo una giornata di stress

  • User Icon

    Giorgia

    06/02/2014 16:53:56

    Racconto dolcissimo. Luca sei il numero uno! Attendo il seguito.... perché ci sarà un seguito, vero????

  • User Icon

    Franz

    28/01/2014 12:43:15

    Ho trovato questo libro fresco, frizzante e simpatico. Il libro adatto per passare due serate senza pensieri.

  • User Icon

    Sara_B

    23/01/2014 15:30:09

    Credo purtroppo che, come ogni volta, il seguito di un bel libro non riesca mai a soddisfare le aspettative che aveva lasciato quello prima."Io che amo solo te" era ben riuscito: semplice, frizzante, leggero e divertente. Questa cena di Natale mi ha lasciato l'amaro in bocca: sembrano due storie diverse seppur i personaggi siano sempre quelli e i luoghi anche. Credo che forse non c'era bisogno di scrivere questo seguito se non c'era un'idea chiara su come svolgere la storia. Io l'ho trovato abbastanza banale, scontato e neanche troppo ben scritto. Un'accozzaglia di eventi e vicende mal amalgamate e mi dispiace. Mi aspettavo di meglio. Io purtroppo non lo consiglio.

  • User Icon

    Valentina

    21/01/2014 21:05:12

    Bellissimo romanzo,divertente e coinvolgente come il libro io che amo solo te...Spero ci sia un terzo libro.

  • User Icon

    laura

    18/01/2014 18:16:24

    È un libro che mi ha divertita e che consiglio. Una lettura scorrevole e veloce che in qualche modo ti regala momenti spensierati di vita più o meno quotidiana.

  • User Icon

    lau

    13/01/2014 09:34:22

    Conoscevo già Luca Bianchini e sapevo che era bravissimo. Anche a me come alla ragazza di prima lo hanno regalato per Natale senza che leggessi "io che amo solo te"...l'ho divorato....e naturalmente ho già comprato il precedente....bravo anche qs volta hai scritto un libro bellissimo!

  • User Icon

    Clara

    10/01/2014 18:24:50

    Bianchini non delude mai!!!!

  • User Icon

    Menica

    08/01/2014 20:31:02

    Me lo hanno regalato per natale e pur nn avendo letto il precedente io che amo solo te mi ha molto entusiasmata divertita soprattutto nel finale ...i personaggi sono molto reali perche' da pugliese che sono ho riscontrato tantissime affinita' con i modi e le caratteristiche di questa bellissima terra...che dire un libro da 10 e lode ...ps: nn ho resistito e ho letto anche io che amo solo te...! Grande luca !

  • User Icon

    raffaella

    07/01/2014 10:16:00

    be che dire..dopo aver letto ..Io che amo solo tu...nn potevo nn leggere il Natale...molto carino..semplice ..leggero..ironico..insomma..per un pomeriggio di relax...è ottimo...

  • User Icon

    Eva

    07/01/2014 10:13:18

    Troppo divertente!Mentre lo leggevo immaginavo le scene,le espressioni,i luoghi proprio come se fosse un film ed era un mix di immagini tratte da film come "Mine vaganti","Parenti serpenti" e molti altri e poi l'incrocio di sguardi tra Ninella e Don Mimì me li immagino come in quei vecchi film anni '50/'60, un po' alla Cary Grant e Deborah Kerr in "Un amore splendido". Lo consiglio e come ha già commentato qualcuno,meglio leggerlo dopo aver letto "Io che amo solo te" per capire alcune sfumature e la magia tra i due consuoceri. Chissà se faranno un film,io lo suggerirei! Per ora,buona lettura a chi lo deve ancora leggere e a chi lo sta leggendo.

Vedi tutte le 25 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione