Le cento grandi invenzioni. Ediz. illustrata - Tom Philbin - copertina

Le cento grandi invenzioni. Ediz. illustrata

Tom Philbin

Scrivi una recensione
Traduttore: E. Comito
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 6 marzo 2008
Pagine: 359 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788878516922
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 8,00

€ 16,00
(-50%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Alcune delle più grandi invenzioni nella storia dell'umanità non hanno neppure bisogno di essere citate (la ruota, la lampadina, l'aeroplano, etc.), però che dire di altre invenzioni, in apparenza meno "esplosive", ma di fatto altrettanto decisive per la qualità della nostra esistenza? Questo libro si propone proprio questo: illustrare e raccontare minuziosamente i cento "colpi di genio" tecnico-scientifici che, di Paese in Paese, di secolo in secolo, spesso in mezzo a mille incomprensioni, hanno portato alla ribalta una serie di ritrovati destinati a riplasmare in profondità (talora addirittura a sconvolgere) modi di vita e abitudini che si ritenevano, erroneamente, acquisiti una volta per tutte. Dalla ruota al frigorifero, dalla lampada ai transistor, dall'automobile ai fax, dalla bussola al navigatore satellitare, il libro svela segreti, implicazioni e risultati a lungo termine di tutti gli oggetti (grandi e piccoli) che hanno contribuito alia nascita e alio sviluppo dell'homo tecnologicus e del suo ambiente sociale. Metodico, esaustivo e nel contempo agile e veloce grazie alla sua organizzazione a schede, il volume è un appassionante excursus tra le meraviglie dell'ingegno umano destinato a tutti coloro che vogliono capire fino in fondo il mondo tecnologico del XXI secolo.
2
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
0
2
1
1
0
  • User Icon

    Simone

    27/10/2017 09:13:29

    Libro interessante, anche se sembra che le ultime invenzioni le abbia messe solo per arrivare a 100... perché non di più? Perché non di meno? In questo modo ho giudicato il libro dalla copertina, leggendo il titolo. La cosa che mi ha irritato di più sono stati gli errori ortografici e cronologici, forse dipende dalla traduzione e dalla casa editrice... un esempio è Burroughs, che a quanto pare è nato quando aveva 30 anni nel 1855 con già progettata e brevettata la sua calcolatrice, come se non bastasse a circa 70 anni (non pochi) modificò il suo lavoro e continuò a lavorare fino alla morte per tubercolosi. All'inizio non facevo caso agli errori, ma verso la fine del libro non riuscivo più a capire niente

Note legali