Che c'entra Marx con Pol Pot? Il comunismo tra Oriente e Occidente - Aurelio Lepre - copertina

Che c'entra Marx con Pol Pot? Il comunismo tra Oriente e Occidente

Aurelio Lepre

Scrivi una recensione
Editore: Laterza
Anno edizione: 2001
In commercio dal: 11 maggio 2001
Pagine: 186 p.
  • EAN: 9788842063674
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 6,69

€ 12,39

7 punti Premium

Nuovo - attualmente non disponibile

11 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Perché il sogno liberatorio di Marx si è trasformato nell'incubo in Cambogia? Che rapporto c'è tra il comunismo come si è effettivamente realizzato nel XX secolo e le idee del suo massimo teorico? Con passione polemica e con le armi della ricerca storica, Aurelio Lepre ribalta molti consolidati luoghi comuni.
5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Carlo

    12/09/2005 22:11:10

    Questo libro di Aurelio Lepre è una delle dimostrazioni che il valore di un saggio, anche storico, ed anche riguardante argomenti niente affatto facili e scontati come quelli qui affrontati, non sta necessariamente nel numero di pagine o nel linguaggio ermetico. E che una certa verve polemica non cozza necessariamente contro il rigore scientifico. Le tesi interpretative dell'autore possono infatti anche non essere condivise, al limite, ma non si può non rilevare come le ricerche più accurate, recenti e non, sul comunismo/i, sulla rivoluzione russa, sul totalitarismo sovietico tout court e non solo del periodo staliniano, sulla storia sociale dell'URSS, sui marxismi, vadano sostanzialmente nella stessa direzione. Basta fare qualche nome: da Victor Serge a Maximilien Rubel, da Ettore Cinnella a Bruno Bongiovanni, e così via. Consigliato sia agli anticomunisti della prima e dell'ultima ora (spesso ex-comunisti con sensi di colpa al seguito), sia agli ex o neo-comunisti, pentiti o meno, sedicenti riformisti o sedicenti rivoluzionari che siano.

  • User Icon

    Fulvio Vettosi

    31/01/2005 17:10:29

    un vero capolavoro; mai mi era capitato di leggere un libro così chiaro e scorrevole di un autore italiano; per non parlare poi del merito dei problemi affrontati; risolve con grande equilibrio e serietà di ricerca e valutazione storica problemi che altri intellettuali più decantati mai hanno voluto, potuto o voluto trattare.

  • User Icon

    Davide

    03/12/2004 19:31:43

    E' tra i saggi che preferisco. L'ho letto e riletto varie volte e concordo pienamente con Aurelio Lepre. Se poniamo Marx alla stessa stregua di Stalin, Pol Pot o altri, dovremmo mettere Gesù Cristo alla stessa stregua di coloro che in suo nome hanno dato vita all'Inquisizione, alle orge papali, alle missioni "evangelizzatrici", e via dicendo...

Note legali