Che cosa è successo a Mr. Dixon? Le storie del Bibliobus di Tundrum

Ian Sansom

Traduttore: C. Carcano
Editore: TEA
Collana: Narrativa TEA
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
In commercio dal: 26 marzo 2009
Pagine: 239 p., Brossura
  • EAN: 9788850218288
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 5,40

€ 10,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Roberta

    16/04/2013 10:19:59

    Nel racconto precedente "Il caso dei libri scomparsi" avevo apprezzato i personaggi originali che Israel conosce al suo arrivo a Tundrum. In questa storia invece non mi e'piaciuta la trama e anche i personaggi mi sembrano esagerati. Forse sono io che non capisco lo humor inglese, ma questo libro mi ha deluso.

  • User Icon

    steve

    23/02/2012 13:32:41

    Ho letto anche il primo di questa saga. Credo che non ci si a molto da dire. Dalle copertine di questi libri ci si aspetta molto ma poi, dopo la lettura, ciò che si carpisce è ben poco. Purtroppo non posso dare un giudizio positivo.Il primo volume mi ha preso di più,sicuramente, ma questo secondo capitolo mi ha deluso un pò. Non mi ha preso affatto! Probabilmente leggerò anche il terzo ( piu che altro per stoicismo) ma non mi aspetto un granchè. Posso dare al massimo due stelle. ciao

  • User Icon

    iaia

    30/05/2011 16:12:28

    avevo letto il primo libro e mi era piaciuto cosi' ho comprato il 2° ed il 3°ed anche questa volta non mi ha deluso, ora sto leggendo il 3° e speriamo che accada la stessa cosa (ho visto inoltre che e' appena uscito il 4°, le avventure di Is continuano...)mi piacerebbe avere Is come amico, ha una solida cultura di base, ma e'imbranato per quanto riguarda il lato pratico della vita,ma quello che piu'mi piace di lui e' che,malgrado le vicissitudini che gli accadono, non si perde mai d'animo e affronta ogni difficolta' senza abbattersi troppo.Lo consiglio come una sana lettura d'evazione, non si puo' leggere soltanto McCarthy o Frosen(ultimi libri letti)ogni tanto ci vuole qualcosa di leggero dato che la "vita vera" spesso e' pesante...

  • User Icon

    balkan

    24/08/2009 21:10:49

    da dove iniziare? dalle sventure del "mio amico" Is? per cominciare un grazie alla TEA per l'ottima copertina e per la mitica frase posta in quarta di copertina. poi,per cancellare ogni dubbio preciso che la faccenda di Mr.Dixon è una roba inutile per la struttura del racconto ma utile per colmare quelle 100 pag. ca. Avendo visto un milione di volte Il Grande Lebowski dei f.lli Coen mi è venuto in mente un parallelo e ripensandoci regge che è una bellezza! 4 giorni di delirio puro, equivoci peggio della prima serie con l'aggiunta di Is in veste di bibliotecario-investigatore...insomma la carne sul fuoco c'è. Is è un pozzo di scienze ma in un deserto nordirlandese poco incline ad ascoltarlo anche solo un attimo. I personaggi sono sempre gli stessi del primo capitolo ma qui George e Rosie sono troppo in sordina,quasi assenti e questo è un peccato. Poi la metafora di Gloria ovvero il passato di Is che appare sempre più lontano... I Coen aspettano sempre una telefonata da Sansom.

  • User Icon

    Fabio

    21/07/2009 10:57:28

    Pensavo che il "Caso dei libri scomparsi" fosse solo un lento avvio di una saga "alla Jeeves" di P.G.Wodehouse, ma mi sbagliavo: del fantastico scrittore anglo-americano rimane solo l'amore per gli equivoci, costruiti però in maniera dozzinale. Questo secondo episodio non fa altro che confermare la mediocrità dello scrittore: trama ovvia e humour inglese sbiadito (colpa forse anche della traduzione??). Il pezzo migliore (la descrizione di cosa voglia dire crescere) è riportato nella quarta di copertina: leggete quella!!

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione