Chi ha paura muore ogni giorno. I miei anni con Falcone e Borsellino

Giuseppe Ayala

Editore: Mondadori
Collana: Ingrandimenti
Anno edizione: 2008
Pagine: 200 p., Rilegato
  • EAN: 9788804580683
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,45

€ 9,45

€ 17,50

9 punti Premium

€ 14,88

€ 17,50

Risparmi € 2,62 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Stefi

    30/11/2015 15:19:49

    Ayala racconta la storia dei buoni e dei cattivi, delle guardie e dei ladri, del bene e del male, ditelo come volete. È la storia della mafia e delle tante persone che hanno cercato di opporsi; di come si muove a Palermo, e di come vive, sostenuta dalle istituzioni, dai politici. E di come vivrà, per sempre. Eppure, nonostante i tanti "buoni", hanno vinto i "cattivi", questo è il triste epilogo. Nonostante ciò, è una storia di coraggio, di forza, che vuole dirci come non dobbiamo mai arrenderci, non dobbiamo farci soffocare. Pensavo che sarebbe stato un libro un po' noioso, e invece, nonostante descriva puntualmente vicende vere e a volte anche difficilmente "comprensibili" per chi non lavora in ambito legale, il racconto è fluido e interessante, proprio perché il file rouge è l'amicizia che lega Ayala a Falcone e Borsellino, e quindi la narrazione risulta leggera e piacevole. Si resta basiti - ma questo non ci sorprende più, purtroppo - di come tante persone che hanno lavorato (e dato la vita) siano lasciate sole, e anzi, ostacolate, nell'intento di combattere ed estirpare questo sistema malato.

  • User Icon

    Anna

    19/09/2010 17:16:39

    Un libro per non dimenticare chi ha sacrificato la propria vita per combattere la mafia, senza avere avuto il supporto adeguato dallo stato. Grazie a Falcone e Borsellino e a tutti coloro che stanno proseguendo il lavoro da loro tracciato con grande coraggio.

  • User Icon

    Vincenzo

    27/03/2010 18:22:59

    Un gran bel libro, mi ha fatto tornare indietro negli anni... un triste ricordo, cui si aggiunge l'amarezza di constatare che il sacrificio di quegli autentici eroi non ha trovato il giusto sostegno dello Stato. Trovo interessanti anche le pagine che fanno riferimento alle storie personali di Ayala, dalle quali emerge una figura di un servo dello Stato molto umano.

  • User Icon

    Massimo

    09/10/2009 23:09:38

    Libro molto interessante in cui si fondono vita privata e storia;da leggere molto attentamente e non farsi corteggiare dagli aneddoti privati che servono a capire invece molte cose delle indagini di Falcone e Borsellino.

  • User Icon

    luca

    16/04/2009 12:18:08

    bellissimo libro. da leggere. quanto mancano a questo paese giovanni falcone e paolo borsellino... questo è un paese alla rovescia: falcone e borsellino lasciati soli a combattere la mafia, e i carnevale, i contrada, gli andreotti nelle istituzioni...

  • User Icon

    cesare

    05/04/2009 19:38:24

    Il libro è certamente una affascinante rilettura dall'interno dei fatti di mafia che hanno insanguinato Palermo durante il periodo in cui l'autore era impegnato nel contrasto al fenomeno mafioso accanto a personaggi indimenticabili come Falcone, Borsellino e tanti altri eroi. A parte alcuni riferimenti a fatti strettamente personali (che nulla aggiungono al racconto), sarebbe stato preferibile maggior coraggio (o incoscienza) da parte di Ayala nel precisare anche i nomi di quei presunti servitori (politici corrotti, poliziotti, magistrati salottieri)dello Stato ritenuti troppo affini alla mafia, oltre a quelli già generalmente conosciuti, che rivelano l'essenza comunque politica dell'autore.

  • User Icon

    Virgina f.p.

    08/01/2009 18:41:36

    Una delle pagine più importanti e drammatiche della storia italiana degli ultimi anni, raccontata in modo incisivo e circostanziato. Libro ricco di emozioni contrastanti dove l'orgoglio e la stima verso alcuni si contrappongono al disprezzo e alla rabbia verso altri. Un grazie all'autore anche per aver fatto conoscere meglio sia la vicenda, che il profilo professionale e umano del pool formato da uomini tanto straordinari. E' sicuramente una lettura importante per chi vuole capire alcuni dei meccanismi legati alla mafia, alla politica e alla magistratura.

  • User Icon

    Maurizio

    21/12/2008 16:42:38

    Prima di tutto una considerazoine..spero di leggere un giorno, a proposito di questo lbro, migliaia di commenti...vorrà dire che le persone avranno finalmente scelto di sapere..avranno finalmente capito che ci sono stati Uomini il cui valore è e sarà sempre un Patrimonio per tutti noi DA NON DIMENTICARE!! E spero anche che i valori che hanno caratterizzato la vita di questi Uomini, siano un esempio e uno stile di vita quotidiano per tutti. GRAZIE DOTTOR AYALA!! Sono inoltre d'accordo con chi dice che il libro andrebbe letto nelle scuole...ma non solo! Perché non farlo leggere a tutte quelle persone che hanno il DOVERE di rispondere ai tanti interrogativi che il Dott. Ayala ha lasciato aperti?

  • User Icon

    giorgio g

    06/12/2008 11:17:39

    Ho letto molti dei libri sulla mafia, particolarmente numerosi negli anni novanta, ma ho trovato questo di Giuseppe Ayala di un interesse particolare: perché è una testimonianza di prima mano, per il rapporto di amicizia e di affetto che lo legava e tuttora lo lega a Giovani Falcone e a Paolo Borsellino, per le acute analisi del fenomeno mafioso e dei suoi rapporti con la cosiddetta società civile e con il mondo dei politici. Vorrei aggiungere che ho avuto la fortuna di partecipare nella mia città (del Nord) ad una presentazione del libro da parte dell’Autore davanti ad almeno cinquecento persone che gli hanno tributato un applauso interminabile, giusto premio all’impegno da lui profuso nel combattere la mafia, conferma di quanto la parte sana della nostra società desideri che la mafia, anzi tutte le mafie, vengano combattute. Il giudizio sul libro è implicito: è assolutamente da leggere e da far leggere, anche nelle scuole.

  • User Icon

    Raffaele Muscettola

    11/11/2008 16:06:36

    Ho letto, con vivo interesse, l'autorevole pubblicazione. Un libro da encomio. L'esperienza professionale esposta dal Dott. Ayala, affiancata dai due inseparabili amici, i Dott. Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, tutt'ora, viventi nei cuori degli Italiani, induce a dedurre numerose considerazioni. Tra le tante; a mio parere, lo Stato non dovrebbe chiedersi, ma: è bello morire per ciò in cui si crede? Libro, da leggere.

  • User Icon

    lauracarta

    29/10/2008 16:54:59

    un libro in cui il carattere dominante e' la profondita' del legame fra i componenti del pool antimafia, quella complicita' carica di responsabilita' difficili da sostenere anche in gruppo, paure, umane, ma eroiche allo stesso tempo.Consapevolezza di rischiare il tutto per tutto seppur nella quasi certezza di non raggiungere gli obbiettivi..... Bellissimo libro...... libro scritto con il cuore e con tutto il sentimento di grande rispetto che Ayala si porta dentro per coloro che hanno perso la vita nel tentativo di sconfiggere qusta viscida mafia che ovunque si nasconde

  • User Icon

    dario

    23/09/2008 15:52:24

    Sono veramente contento di questo libro, che sicuramente non fa che rafforzare l'idea che ho sempre avuto del Dott. Ayala, persona di grande levatura morale. Bellissimi i ricordi degli anni trascorsi al pool antimafia, raccontanti con la giusta cadenza senza cadere mai nella malinconia. Peccato veramente che Ayala sia costretto a finire la sua carriera di magistrato in provincia, è l'esempio lampante di come certe intelligenze non vadano bene x la politica italiana visto che è stato scaricato anche dalla sinistra. Che dire, minimo io l'avrei fatto ministro della giustizia. Giuseppe sei un esempio per tutti i siciliani onesti e per bene.

  • User Icon

    riccardo

    13/09/2008 09:49:31

    la prima cosa che mi è venuta in mente appena l'ho terminato è stato: toccante!! ripercorre gli anni delle indagini, alla messa in atto del metodo "falcone" per combattere la mafia, al successo del maxiprocesso fino all' isolamento dei magistrati del pool proprio dopo il maxiprocesso. proprio nel momento in cui lo "Stato", grazie a questi uomini poteva, contrastare efficacemente e a testa alta Cosa nostra. poteva....ma non l' ha VOLUTO. il tutto con sottofondo la forte amicizia che ha legato l' autore con Giovanni e Paolo. lettura che rende l' idea come la mafia non sia solo relegata all' immaginario collettivo del boss che latita nelle campagne siciliane ma sopratutto che il "nocciolo duro" sieda nelle poltrone più alte e importanti a Roma (che riceve gli ordini o direttamente li dà). sono questi gli uomini che ti fanno essere fiero di essere italiano. uomini che per fare al meglio il loro lavoro al servizio dello "Stato" hanno pagato un prezzo troppo alto. questi uomini che hanno rischiato la vita e che rischiano la vita per creare una società più "pulita" devono avere tutto il nostro rispetto. uomini che non hanno paura di quello che fanno e dei poteri che toccano, perchè CHI HA PAURA MUORE OGNI GIORNO. CHI NON HA PAURA MUORE UNA VOLTA SOLA!!!!

  • User Icon

    Luca

    07/09/2008 12:56:44

    Bellissimo! Leggere dall'interno quei fatti di cronaca vissuti solo dall'esterno, fà riflettere. Sulla politica, sulla mafia, sui giudici corrotti e non. Lo consiglio a tutti coloro vogliano sapere la verità.

  • User Icon

    Fla

    07/09/2008 11:56:46

    Questo libro, struggente nella rievocazione di un'amicizia nutrita di lealtà, praticità, vitalità e una grande tenerezza, rafforza il senso di profonda malinconia che mi afferra quando ripenso alle splendide figure di Falcone e Borsellino, uomini pieni di una sofferta e dolce umanità, carica di humour e amara consapevolezza. Letto insieme a "L'Italia alla deriva", il confronto fra la stupida realtà attuale e le possibilità di un'Italia diversa, che l'azione del pool antimafia aveva lasciato fugacemente intravedere, fa venir voglia di far le valigie e andarsene. Ma poi penso che sia giusto restare per continuare a fare il proprio piccolo dovere quotidiano, con la costanza e il coraggio di questi due uomini: un modo per rendergli omaggio e non vanificare il loro lucido sacrificio, sapendo che l'Italia delle "persone perbene" non è morta del tutto.

  • User Icon

    ingo

    01/09/2008 21:36:21

    Un libro carico di emozioni in grado di farti vivere la dura realtà di "Cosa nostra",realtà in cui si sono trovati coinvolti per loro volontà uomini di grande valore e rispetto come Falcone, Borsellino e Ajala. Un libro meraviglioso che descrive la cruda realtà della lotta di singoli individui, non solo contro la mafia, ma anche contro una politica ed una magistratura incapace di contrastare qualcosa e qualcuno che probabilmente non vogliono combattere.

  • User Icon

    Clara

    29/08/2008 19:35:10

    Condivido pienamente i giudizi positivi degli altri lettori: questo libro e' bellissimo, interessantissimo e racconta tanti aspetti meno noti della lotta alla mafia degli ultimi 30 anni. Per ricordare sempre falcone e Borsellino ed essere sempre vicini ad Ayala. Leggetelo!

  • User Icon

    WilliSchirò

    24/07/2008 15:56:17

    é un libro fantastico! Non parla solamente del lavoro di Falcone e Borsellino, ma anche del loro carattere, del loro modo di fare e di sorridere anche nelle situazioni più difficili. Prima di leggerlo, consideravo Giovanni Falcone e Paolo Borsellino le due persone più coraggiose e più importanti della mia vita; adesso, per me, quegli stessi uomini sono ancora di più. Questo libro non è bello, è bellissimo! L'unica cosa che mi dispiace è che l'ho letto troppo in fretta. Compratelo e leggetelo, capirete tante cose.

  • User Icon

    Teresita D'aurizio

    22/07/2008 10:48:08

    Salve a tutti, mi chiamo Teresita, ho comprato e letto il libro del dott. Giuseppe Ayala dopo aver visto l'intervista rilasciata dall'autore a "SOTTOVOCE", il programma della notte di Marzullo. Credo che il libro sia un memoriale dell'amore e dell'abnegazione di Falcone e Borsellino per il loro lavoro e per la Giustizia, ma anche uno spaccato della loro vita privata che di solito sfugge agli occhi del grande pubblico. Essendo figlia di un carabiniere sono stata cresciuta a "pane e senso del dovere" e ho respirato quell'aria di "onestà a oltranza", tipica delle famiglie modeste ma con tanti figli e tanti problemi di salute. Avevo cinque anni all'epoca del ritrovamento di Aldo Moro, e da allora, come ben descritto nel libro è stata un'escalation di morti; noi, figli di un militare onesto, vivevamo il succedersi degli avvenimenti avvolti da un silenzio doloroso e con particolare partecipazione. Mi auguro che i giovani di oggi, adulti di domani, si diano la possibilità di leggere questo libro e si lascino mettere in discussione dai valori che trasmette, avendo ben presente il "fenomeno mafia" senza perdere la speranza in un futuro migliore - che si costruisce giorno per giorno con onestà e rispetto - e acquisendo la perseveranza nel combattimento considerando gli esempi di Falcone e Borsellino e di tutti quelli che hanno perso la vita per rendere migliore la giustizia.

  • User Icon

    Newe

    26/06/2008 11:32:36

    Ho letto questo libro durante le mie vacanze in Sicilia e avevo la sensazione di vederli correre per le vie di Palermo pronti a morire per qualcosa che gli ha sempre voltato le spalle. Consiglio a tutti questo libro per rendere onore alla memoria di uomini incredibili.

Vedi tutte le 25 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione