Il circo a tre piste

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Joseph Pevney
Paese: Stati Uniti
Anno: 1954
Supporto: DVD
Salvato in 9 liste dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 10,99 €)

Pete e Jerry, dopo il servizio militare, trovano lavoro in un circo. Jerry diventa un ottimo clown. Pete fa carriera come organizzatore e, con l’aiuto della trapezista Saadia, diventa direttore il circo stesso. Non tutte le sue iniziative sono corrette e il rifiuto di organizzare uno spettacolo di beneficenza per bambini gli fa rivoltare contro la troupe. Poi, però, si sistema ogni cosa.
  • Produzione: Raremovies, 2018
  • Distribuzione: A & R Productions
  • Durata: 97 min
  • Lingua audio: Italiano; Inglese; Spagnolo
  • Lingua sottotitoli: No
  • Formato Schermo: 4:3 1.33:1
  • Joseph Pevney Cover

    "Regista statunitense. Protagonista di seconda fila del cinema di genere negli anni '50 dopo un esordio da attore (Notturno di sangue, 1946, di E.L. Marin), esaurisce nel decennio la sua parabola cinematografica in una trentina di regie. Percorre l'avventura con raro brio (Il capitano dei Mari del Sud, 1958), e il poliziesco con una restituzione fedele delle ambientazioni (La rapina del secolo, 1955; Mezzanotte a San Francisco, 1956) che si ritrova in altre opere drammatiche (L'uomo dai mille volti, 1957). Confortato da attori credibili (J. Chandler in L'uomo di ferro, 1951; F. Sinatra in Lasciami sognare, 1952) e poco incline alla commedia (Il circo a tre piste, 1954) resta funzionale al serial tv, cui si dedica per oltre vent'anni: da Il virginiano (1962) a Ai confini dell'Arizona (1970),... Approfondisci
  • Jerry Lewis Cover

    "Nome d'arte di Joseph Levitch, attore e regista statunitense. L'inizio della sua lunga e fortunata carriera è legato a D. Martin, con il quale lavora per un decennio a partire dal 1946. Insieme debuttano nella commedia La mia amica Irma (1949) di G. Marshall, e poi nel suo sequel, raggiungendo presto il successo grazie alla capacità di ipnotizzare il pubblico con il loro stile pazzo e personalissimo. In un crescendo di continui successi, tra cui sono da ricordare almeno Occhio alla palla (1953) e Il nipote picchiatello (1955) di N. Taurog, e Artisti e modelle (1955) di F. Tashlin, i due finiscono per rimanere intrappolati in storie troppo convenzionali e ripetitive e nel 1956 decidono di sciogliersi, ma L. dimostra a sé stesso e agli altri di essere in grado di proseguire da solo con Il delinquente... Approfondisci
  • Dean Martin Cover

    Nome d'arte di Dino Paul Crocetti, attore e cantante statunitense. Pugile, croupier, cantante confidenziale, si rende noto grazie all'amicizia e collaborazione con J. Lewis, con il quale debutta nel 1946 in un locale del New Jersey formando il duo comico americano che accompagna quasi dieci anni di storia degli Stati Uniti. Il cinema li vede insieme in più di sedici film, a partire da La mia amica Irma (1949) di G. Marshall, fino a Hollywood o morte! (1956) di F. Tashlin. Purtroppo la coppia artistica è costretta sciogliersi alla fine degli anni '50 a causa di un conflitto di personalità e M. lascia temporaneamente il grande schermo per dedicarsi alla canzone, portando alla ribalta successi sempre verdi come «That's Amore» e «Everybody Loves Somebody Sometimes». Nonostante la fama di grande... Approfondisci
  • Joanne Dru Cover

    Nome d'arte di J. Letitia La Cock, attrice statunitense. Dopo l'esordio in Ti ho sposato tre volte (1946) di A.E. Sutherland, il western d'autore la consacra in ruoli dagli accenti brillanti (Fiume rosso, 1948, di H. Hawks), militareschi (I cavalieri del Nord Ovest, 1949, di J. Ford) ed elegiaci (La carovana dei mormoni, 1950, ancora di Ford). Più statici (La valle della vendetta, 1951, di R. Thorpe), verbosi (Il figlio del Texas, 1952, di D. Daves), e opachi (Tutti gli uomini del re, 1949, di R. Rossen) i personaggi delle interpretazioni successive. Prima del ritiro si riscatta con un ruolo di spessore in La baia dell'inferno (1955) di F. Tuttle. Approfondisci
Note legali