Categorie

Charles Dickens

Traduttore: A. C. Dauphiné
Illustratore: R. Seymour
Collana: Classici
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
Pagine: 2 voll., XXXVIII-946 p. , ill.
  • EAN: 9788817128971

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luca

    28/06/2011 16.20.29

    Finire questo libro è stata una vera impresa... Credo che sia stato un inutile perdita di tempo e di denaro, anche perchè durante la lettura si ha voglia di pensare ad altro... Noioso e privo di contenuto! Sembra di leggere il corriere dei piccoli...Caldamente sconsigliato...

  • User Icon

    Nico

    02/06/2009 03.08.39

    Samuel Pickwick è il più grande uomo di tutti i tempi..Canonizziamolo, facciamolo Presidente degli Stati Uniti dell' Universo, mettiamo la sua faccia su tutte le banconote esistenti,ma in ogni caso seguiamo il suo esempio: la sua semplicità, il suo amore per la vita, la sua autorevolezza mai e poi mai violenta, la sua generosità, la sua gioiosità, la sua rettitudine morale,la sua serità e la sua frivolezza..vedrete che il mondo sarà migliore. ..CAPOLAVORO!!

  • User Icon

    Francesca

    24/03/2006 14.14.51

    Ben scritto. Lungo ma scorrevole. Molto molto divertente. Ottima l'idea di alternare le vicende di Mr. Pickwick e dei suoi soci con le storielle morali che Dickens inserisce di tanto in tanto (anche se verso la fine queste ultime tendono a scomparire). Il genio di Dickens è decisamente incontestabile: a mio avviso è e sarà per sempre il più grande scrittore di tutti i tempi!

  • User Icon

    angie

    14/07/2005 09.59.52

    Il testo è organizzato come un insime di avventure legate a personaggi di cui Picwick è quello più importante. Purtroppo la narrazione a volte tende a perdersi in mille rivoli, sembra quasi che a Dickens interessi estendere il racconto anche a costo di sacrificare la focalizzazione dei personaggi minori e la compattezza della trama. Le pagine più belle e interessanti sono, a mio avviso, quelle relative alla prigionia del protagonista ,perchè comunicano in modo molto naturale e spontaneo, il pathos dell'autore,evidentemente sinceramente coinvolto .

  • User Icon

    riccardo

    22/05/2005 23.06.36

    Un' opera giocosa, una fiera di personaggi e di avvenimenti. Non è il Dickens maturo di David Copperfield o quello impegnato socialmente de "Il nostro comune amico" ma già è evidente l'enorme facilità con cui riesca a far prendere corpo ai suoi attori, a modellarli, ad elevarli moralmente. Non impegnativo ma godibilissimo

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione