La città della cura. Ovvero, perchè una madre ne sa una più dell'urbanista

Annalisa Marinelli

Editore: Liguori
Collana: Metropolis
Anno edizione: 2015
In commercio dal: 16 febbraio 2016
Pagine: 128 p., Brossura
  • EAN: 9788820765736
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

La città della cura è la città dei corpi nella loro plurale vulnerabilità, con le loro relazioni e la loro fame di bellezza. Le nostre città sono ancora molto distanti da questo traguardo. Quello che manca sembra essere proprio uno sguardo capace di partire da un altro paradigma, un modello che tenga conto delle relazioni che reggono in equilibrio l'integrità della vita delle persone. La cura è il paradigma necessario che offre insieme un punto di vista privilegiato sulla città e un modello di governo capace di operare nella complessità cui quello sguardo apre. Non può esserci città della cura senza una civiltà della cura condivisa tra donne e uomini; questo testo ha l'ambizione di scindere le competenze della cura dall'idea di "femminile" e dal destino delle donne e vuole far prendere parola politica alla cura. A partire dall'esperienza della cura è possibile dire una parola autorevole sulla città, sui suoi tempi e i suoi spazi, affrontare il progetto urbano con un sapere differente.

€ 12,74

€ 14,99

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Indice

Premessa
Introduzione


I. Cura, in che senso?
II. Il potere trasformativo della cura
III. Tempo della cura e tempo della polis
IV. Perché una madre ne sa una più dell´urbanista?
V. La società della cura
VI. La città della cura

Appendice – Nota della spesa (bozza di agenda politica)
Ringraziamenti
Fonti citate