Cittadinanza dell'Unione e libera circolazione delle persone

Massimo Condinanzi,Alessandro Lang,Bruno Nascimbene

Editore: Giuffrè
Edizione: 2
Anno edizione: 2006
Tipo: Libro tecnico professionale
Pagine: XVII-322 p.
  • EAN: 9788814123634
Usato su Libraccio.it - € 11,88

€ 20,90

€ 22,00

Risparmi € 1,10 (5%)

Venduto e spedito da IBS

21 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
 
 
 
 

I temi della cittadinanza dell'Unione e della libera circolazione delle persone rappresentano una delle più significative manifestazioni del processo di integrazione comunitario. Alle libertà fondamentali e ""storiche"" contemplate dal Trattato istitutivo della Comunità europea, quali la libera circolazione dei lavoratori, il diritto di stabilimento e la libera prestazione dei servizi (artt. 39-60 Trattato CE) si è aggiunta, con il Trattato di Maastricht, la cittadinanza dell'Unione, che ha introdotto una specifica disciplina (artt. 17-22 Trattato CE), successivamente ripresa (e sostanzialmente confermata) nella Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea (artt. 39-46). Allo status del cittadino comunitario, ai suoi diritti di libera circolazione (lavoro, stabilimento, prestazione di servizi), è dedicato questo volume, che si colloca in una linea di continuità, materiale e logica, con i precedenti della stessa Collana (Da Schengen a Maastricht, 1995 e La libera circolazione dei lavoratori, 1998), prendendo in esame profili nuovi quali la creazione ed evoluzione dello spazio di libertà, sicurezza e giustizia, di cui sono parte essenziale la libera circolazione delle persone (quella dei cittadini dei Paesi terzi in particolare), l'allargamento e le prospettive del Trattato che adotta una Costituzione per l'Europa.