Categorie
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
Pagine: 266 p. , Brossura
  • EAN: 9788807882807


"È una cosa strana. Quando ti accade di vedere il posto dove saresti salvo, sei sempre lì che lo guardi da fuori. Non ci sei mai dentro. È il tuo posto, ma tu non ci sei mai."

Mami Jane, madre di Ballon Mac, il supereroe dentista di una fortunata serie di avventure prodotte dalle edizioni Crb, deve morire? Da questa domanda ha avvio l'ultimo romanzo di Alessandro Baricco. La domanda è posta telefonicamente ai lettori da ragazze pagate dalla casa editrice, indecisa sulla fatidica scelta: una di queste è Shatzy Shell, uno degli intervistati è Gould. E da questa telefonata il romanzo si dirama in innumerevoli strade, costruisce una città. Dà vita a un'umanità, in cui appaiono personaggi da cartone animato, da film, da cronaca giornalistica e sportiva, e creature fragilmente vere, con le tristezze e le malinconie di ogni giorno, la solitudine di questi poveri tempi che hanno bisogno del successo e del denaro per dare consistenza alla vita. Ma la trentenne Shatzy cerca stimoli vitali dalle fotografie di Eva Braun (che tristezza per lei scoprire che Eva non era la figlia, ma l'amante di Hitler!) e di Walt Disney, e il genio tredicenne Gould costruisce nel bagno, ascoltando la radio, la sua leggenda del pugile Larry Gorman, un pugile di buona famiglia, anomalo, vincitore per gioco e per sfida ai luoghi comuni che vedono nella miseria la ricerca del successo nel pugilato. Dai quaderni di appunti e da un piccolo registratore che Shatzy porta sempre con sé nasce anche un western, che riappare all'interno del romanzo: bisogno di sperimentarsi in un genere così poco letterario, gioco dell'intelligenza, fuoco d'artificio di un romanzo eclettico e caleidoscopico?

In questa City abitano due personaggi da cartoon, il gigante Diesel (troppo grande per poter viaggiare: quale treno o automobile lo potrebbe contenere?) e il muto Poomerang. Deliziosi i dialoghi tra i due, con i "nondisse" che introducono il discorso diretto del muto, il loro farsi coro, commento a tanti eventi. L'intervista televisiva a cui il giovanissimo Gould è sottoposto, vede questi due curiosi personaggi seriamente impegnati a rispondere, forse solo mentalmente, alle domande stupide, da talk-show, che vengono poste (con ironico disprezzo Baricco mostra l'incapacità del genio di rispondere a tali sciocchezze).

E poi altre strade, altre persone: l'università e i suoi docenti, in particolare il professor Mondrian Kilroy. Piange il professore molto spesso, calza buffe pantofole, sta immobile ad osservare le partite di calcio per trarne deduzioni scientifiche, ma alcune delle sue lezioni (la lezione n.11 in particolare) sono l'espressione della straordinaria sensibilità artistica di Baricco. Leggere il capitolo dedicato alle Nymphéas di Monet è uno dei rari piaceri che oggi un lettore può provare, un momento quasi di esaltazione, di ammirazione per questo autore che, può essere più o meno simpatico, ma è ineludibilmente uno dei più grandi scrittori italiani contemporanei.

Dall'iperrealismo della minestra coi piselli data ai malati in ospedale, alle sorelle Dolphin che avevano una mira tale da sparare sempre due colpi al fante di cuori se un mazzo di carte veniva gettato in aria, al triste finale che immalinconisce dopo tanta scoppiettante ironia: eppure tutto sa di verità in questo romanzo che incanta. Oppure tutto sa di fantasia, tutto meno che l'abilità narrativa di Baricco, le prodezze linguistiche, la ricchezza di codici e situazioni, la tenerezza che prova per i suoi personaggi, un libro che, cosa piuttosto rara oggi, si sente meditato e "lavorato" a lungo, per ben tre anni ci dice l'autore.

A cura di Wuz.it


Le prime frasi del romanzo:

- Allora, signor Klauser, deve morire Mami Jane?
- Che vadano tutti a cagare.
- È un sì o un no?
- Lei che ne dice?
Nell'ottobre del 1987, la CRB - casa editrice da ventidue anni delle avventure del mitico Ballon Mac - decise di indire un referendum tra i suoi lettori per stabilire se fosse il caso di far morire Mami Jane. Ballon Mac era un supereroe cieco che di giorno faceva il dentista e di notte combatteva il Male grazie ai poteri molto particolari della sua saliva. Mami Jane era sua madre. I lettori le erano, in genere, molto affezionati: collezionava vecchi scalpi indiani e la sera si esibiva, come bassista, in un complesso blues interamente composto da neri. Lei era bianca. L'idea di farla schiattare era venuta al direttore commerciale della CRB - un signore molto tranquillo che aveva una sola passione: i trenini elettrici. Sosteneva che ormai Ballon Mac era su un binario morto e aveva bisogno di nuove motivazioni. La morte della madre - investita da un treno mentre fuggiva inseguita da uno scambista paranoide - lo avrebbe trasformato in una miscela letale di rabbia e dolore, cioè nel ritratto sputato del suo lettore medio. L'idea era idiota. Ma anche il lettore medio di Ballon Mac era idiota.
Così, nell'ottobre del 1987, la CRB sgomberò una stanza al secondo piano e vi mise dentro otto signorine col compito di rispondere al telefono e di raccogliere i pareri dei lettori. La domanda era: deve morire Mami Jane?
Delle otto signorine, quattro erano impiegate della CRB, due le avevano mandate i servizi sociali, una era nipote del presidente. L'ultima, una ragazza sui trent'anni che veniva da Pomona, era lì con un contratto da stagista vinto rispondendo esattamente a un quiz radiofonico ("Qual è la cosa che Ballon Mac odia di più al mondo?" "Fare la detartrasi."). Girava sempre con un piccolo registratore. Ogni tanto lo accendeva e ci diceva delle cose dentro.
Si chiamava Shatzy Shell.
Alle 10 e 45 del dodicesimo giorno di referendum - quando la morte di Mami Jane la stava spuntando per 64 a 30 (il 6 per cento residuo riteneva che dovessero andare tutti a fare in culo, e aveva telefonato per dirlo) - Shatzy Shell sentì suonare il telefono per la ventunesima volta, scrisse sul modulo che aveva davanti la cifra 21 e sollevò il ricevitore. Ne seguì la seguente conversazione.
- CRB, buon giorno.
- Buon giorno, è già arrivato Diesel?
- Chi?
- Okay, non è ancora arrivato...
- Qui è la CRB, signore.
- Sì. Lo so.
- Lei deve aver sbagliato numero.
- No, no, va tutto bene, adesso mi ascolti...
- Signore...
- Sì?
- Questa è la CRB, è il referendum "Deve morire Mami Jane?".
- Grazie, lo so.
- Allora vorrebbe gentilmente darmi il suo nome?
- Non ha importanza il mio nome...
- Deve darmelo, è la prassi.
- Okay, okay... Gould... il mio nome è Gould.
- Signor Gould.
- Sì, signor Gould, adesso se posso...
- Deve morire Mami Jane?
- Prego?
- Dovrebbe dirmi cosa ne pensa lei... se Mami Jane deve morire oppure no.
- Oh Gesù...
- Lei lo sa, vero?, chi è Mami Jane?
- Certo che lo so, ma...
- Vede, lei dovrebbe solo dirmi se pensa che...
- Vuole starmi ad ascoltare un attimo?
- Certo.
- Ecco, mi faccia un favore, si dia un'occhiata intorno.
- Io?
- Sì.
- Qui?
- Sì, lì, nella stanza, mi faccia questo piacere.
- Okay, sto guardando.
- Bene. Vede per caso un ragazzo rapato a zero che tiene per mano uno molto grande, ma veramente grande, una specie di gigante, con delle scarpe enormi, e una giacca verde?
- No, non credo.
- È sicura?
- Sì, sono sicura.
- Bene. Allora non sono ancora arrivati.
- No.
- Okay, allora voglio che lei sappia una cosa.
- Sì?
- Quei due non sono cattivi.
- No?
- No. Quando arriveranno si metteranno a sfasciare tutto, e con ogni probabilità prenderanno il suo telefono e glielo attorciglieranno intorno al collo, o cose del genere, ma non sono due ragazzi cattivi, veramente è solo che...

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    cantarstorie

    10/10/2016 11.42.51

    Ho letto "City" anni fa, lungo le tappe di un lungo viaggio in treno. Lo rileggo oggi, dopo anni di vita, ritrovandone il movimento tumultuoso, i cambi di ritmo accecanti, i bagliori di poesia inondati di parole. Ed è - sempre e ancora - un perfetto contrappeso alla lievità sontuosa di "Seta". Dopo il velluto, il metallo, lucido e ansimante, di quel treno in corsa.

  • User Icon

    Arianna

    03/05/2014 17.58.37

    Ho conosciuto la scrittura di Baricco leggendo Castelli di Rabbia e l'ho trovata sin da subito superba e sopra le righe. Chi già lo amava non faceva che parlarmi del famoso Oceano Mare, che non mancherò di leggere presto, ma City è stato per me una sorpresa senza misura. Mi sono buttata a capofitto nella lettura di questo libro pieno di personaggi molto al di fuori del comune, destinati a vivere vicende fuori dal comune, e mi sono ritrovata ad innamorarmi di ognuno di loro, ognuno di loro (di cui non parlerò affatto per non rovinare l'incanto a chiunque vorrà leggere questo libro fantastico). Fantastico è sicuramente un aggettivo corretto per definirlo, perché i personaggi e le situazioni sono certamente fuori dal comune e a volte magiche, ma in fondo in fondo un messaggio molto serio si può leggere tra le righe e lascia lì a meditare un po' sulla vita. Baricco l'ha voluto intitolare City per il modo con cui è stato scritto. "Questo libro è costruito come una città, come l'idea di una città. Mi piaceva che il titolo lo dicesse. Adesso lo dice. Le storie sono quartieri, i personaggi sono strade. Il resto è tempo che passa, voglia di vagabondare e bisogno di guardare." City è una città che ne contiene tante altre, ma a me ha fatto pensare molto anche alle tante sfaccettature che la natura di ognuno può presentare, ai tanti compartimenti del cervello. Bello è riduttivo, e lo vorrei dire a quelle persone che credono che lui abbia scritto solo Oceano Mare, che leggerò, ma, fortunatamente, leggerò dopo aver conosciuto Barricco attraverso gli altri suoi libri, imparando ad amare il suo stile e la sua caleidoscopica narrazione. Ciao Shatzy Shell (niente a che vedere con quello della benzina). Buona lettura!

  • User Icon

    Arianna

    02/05/2014 15.45.52

    Ho conosciuto la scrittura di Barricco leggendo Castelli di Rabbia e l'ho trovata sin da subito superba e sopra le righe. Chi già lo amava non faceva che parlarmi del famoso Oceano Mare, che non mancherò di leggere presto, ma City è stato per me una sorpresa senza misura. Mi sono buttata a capofitto nella lettura di questo libro pieno di personaggi molto al di fuori del comune, destinati a vivere vicende fuori dal comune, e mi sono ritrovata ad innamorarmi di ognuno di loro, ognuno di loro (di cui non parlerò affatto per non rovinare l'incanto a chiunque vorrà leggere questo libro fantastico). Fantastico è sicuramente un aggettivo corretto per definirlo, perché i personaggi e le situazioni sono certamente fuori dal comune e a volte magiche, ma in fondo in fondo un messaggio molto serio si può leggere tra le righe e lascia lì a meditare un po' sulla vita. Barricco l'ha voluto intitolare City per il modo con cui è stato scritto. "Questo libro è costruito come una città, come l'idea di una città. Mi piaceva che il titolo lo dicesse. Adesso lo dice. Le storie sono quartieri, i personaggi sono strade. Il resto è tempo che passa, voglia di vagabondare e bisogno di guardare." City è una città che ne contiene tante altre, ma a me ha fatto pensare molto anche alle tante sfaccettature che la natura di ognuno può presentare, ai tanti compartimenti del cervello. Bello è riduttivo, e lo vorrei dire a quelle persone che credono che lui abbia scritto solo Oceano Mare, che leggerò, ma, fortunatamente, leggerò dopo aver conosciuto Barricco attraverso gli altri suoi libri, imparando ad amare il suo stile e la sua caleidoscopica narrazione. Ciao Shatzy Shell (niente a che vedere con quello della benzina). Buona lettura!

Scrivi una recensione