Clap Your Hands Say Yeah

Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Import
Data di pubblicazione: 20 gennaio 2006
  • EAN: 5055036260992
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 5,99

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Disco 1
  • 1 Clap Your Hands!
  • 2 Let The Cool Goddess Rust Away
  • 3 Over And Over Again (Lost And Found)
  • 4 Sunshine And Clouds (And Everything Proud)
  • 5 Details Of The War
  • 6 The Skin Of My Yellow Country Teeth
  • 7 Is This Love?
  • 8 Heavy Metal
  • 9 Blue Turning Gray
  • 10 In This Home On Ice
  • 11 Gimme Some Salt
  • 12 Upon This Tidal Wave Of Young Blood

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Filippo W2M - www.w2m.it

    10/03/2006 15:32:56

    Immaginate una tribute band di un grande gruppo musicale. Immaginate ora che questa band voglia pubblicare un disco tutto suo, magari autoproducendolo, e con canzoni del tutto inedite ma con un sound immutato. Ed immaginate infine che il gruppo a cui la band faceva tributo fossero i Talking Heads. Domanda: come potrebbe suonare il debut album in questione? Ascoltate questo Clap your hands say yeah ed avrete la risposta! Più che di ispirazione, infatti, mi sembra che si possa quasi parlare di plagio: questo album, pur non avendo lo spessore e l'estro creativo delle teste parlanti, contiene infatti bizzeffe di riferimenti al gruppo capitanato da quel geniaccio di David Byrne, rimaneggiati con qualche pizzico di spolverate indie rock. I C.Y.H.S.Y., che per inciso non sono MAI stati una tribute band, ci regalano un disco divertente e stralunato, ma in nessun momento miracoloso come affermato da tanta critica statunitense! Ci dissociamo dunque dai cori di Osanna! provenienti dagli States, ricordando agli yankees la cara vecchia europa questa musica la sfornò nei lontani anni settanta... venendo all'album diciamo che tre in particolare sono i capitoli che colpiscono maggiormente: l'opening Clap your hands!, marcetta stralunata e circense ad altissimo tasso alcoolico; la lenta, dolente, quasi rassegnata Details of the war, che shakera insieme Talking Heads e R.E.M. (!!!); e per finire la bella Heavy metal, quasi arrembante nelle sue tonalità skaeggianti. Carino, simpatico, forse un po' monotono nelle sue undici tracks, paga lo scotto della voce un po' troppo monotona del vocalist. Applauso tiepido...

Scrivi una recensione