Categorie

Il clavicembalo ben temperato vol.1 (Das Wohltemperierte Clavier teil 1)

Compositore: Johann Sebastian Bach
Interpreti: Keith Jarrett
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 2
Etichetta: Ecm
Data di pubblicazione: 3 agosto 2001
  • EAN: 0042283524620

€ 32,90

Venduto e spedito da IBS

33 punti Premium

Disponibile in 4 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello
Descrizione

Pochi pianisti possono stare al fianco di Keith Jarrett, carismatico protagonista del panorama del jazz e della musica classica sin dagli anni Settanta, quando ha cominciato a stregare i pubblici di tutto il mondo con le sue sensazionali improvvisazioni.

Disco 1
  • 1 Pr ludien und Fugen - I C-dur
  • 2 I C-dur
  • 3 II C-moll
  • 4 II C-moll
  • 5 III Cis-dur
  • 6 III Cis-dur
  • 7 IV Cis-moll
  • 8 IV Cis-moll
  • 9 V D-dur
  • 10 V D-dur
  • 11 VI D-moll
  • 12 VI D-moll
  • 13 VII Es-dur
  • 14 VII Es-dur
  • 15 VIII Dis-moll
  • 16 VIII Dis-moll
  • 17 IX E-dur
  • 18 IX E-dur
  • 19 X E-moll
  • 20 X E-moll
  • 21 XI F-dur
  • 22 XI F-dur
  • 23 XII F-moll
  • 24 XII F-moll
Disco 2
  • 1 Prdludien und Fugen - XIII Fis-dur
  • 2 XIII Fis-dur
  • 3 XIV fis-moll
  • 4 XIV fis-moll (2)
  • 5 XV G-dur
  • 6 XV G-dur (2)
  • 7 XVI g-moll
  • 8 XVI g-moll (2)
  • 9 XVII As-dur
  • 10 XVII As-dur (2)
  • 11 XVIII gis-moll
  • 12 XVIII gis-moll (2)
  • 13 XIX A-dur
  • 14 XIX A-dur (2)
  • 15 XX a-moll
  • 16 XX a-moll (2)
  • 17 XXI B-dur
  • 18 XXI B-dur (2)
  • 19 XXII b-moll
  • 20 XXII b-moll (2)
  • 21 XXIII H-dur
  • 22 XXIII H-dur (2)
  • 23 XXIV h-moll
  • 24 XXIV h-moll (2)
Mostra tutti i brani

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Enrico

    14/10/2006 22.17.59

    ...un grande musicista di fronte ad un immenso capolavoro...ahimè, troppo distante sono i mondi che li separano e l'interpretazione ne risente...c'è poca profondità..il suono è quasi piatto...l'analisi della costruzione bachiana viene meno...non per questo però si deve pensare ad un cd senza valore...resta infatti sempre interessante l'incontro di questi due musici ed il risultato che ne viene. Niente a che vedere pero' con le "vecchie" interpretazioni di Gould o la recentissima di Ashkenazy. Voto: Buono

Scrivi una recensione