Clori, ninfa e amante. Arie e cantate - CD Audio di Alessandro Scarlatti,Renata Fusco

Clori, ninfa e amante. Arie e cantate

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Alessandro Scarlatti
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Stradivarius
Data di pubblicazione: 10 gennaio 2014
  • EAN: 8011570339102
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 18,50

Punti Premium: 19

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 14,98 €)

Disco 1
1
La principessa fedele: I. Sinfonia, Presto-Allegro-Presto
2
Gli equivoci nel sembiante: I. Una amante che pianger non vuole
3
Gli equivoci nel sembiante: II. Onde, ferro, fiamme e morte
4
Gli equivoci nel sembiante: III. Lasciami sola a piangere
5
Cantata 'Il rosignuolo': I. Il rosignuolo se scioglie il volo
6
Cantata 'Il rosignuolo': II. Vola dal mirto al faggio
7
Cantata 'Il rosignuolo': III. Col tuo mesto mormorio
8
Sonata for harpsichord, K. 81 in E Minor: I. Grave I (Transcripted for archlute, baroque guitar and theorbo)
9
Sonata for harpsichord, K. 81 in E Minor: II. Allegro I (Transcipted for Achlute, baroque guitar and theorbo)
10
Sonata for harpsichord, K. 81 in E Minor: III. Grave II (Transcripted for archlute, baroque guitar and theorbo)
11
Sonata for harpsichord, K. 81 in E Minor: IV. Allegro II (Transcripted for archlute, baroque guitar and theorbo)
12
Cantata 'Di lontananza': I. Tu parti, idolo amato
13
Cantata 'Di lontananza': II. Idol mio
14
Cantata 'Di lontananza': III. Lontananza crudele
15
Cantata 'Di lontananza': IV. Sta in lontananza
16
Gli equivoci nel sembiante: IV. Tal io, miresa amante
17
Gli equivoci nel sembiante: V. Al dispetto del sospetto
18
Gli equivoci nel sembiante: VI. Cieli, voi che ognor vedete
19
La principessa fedele: I. Sinfonia (reprise)
20
La principessa fedele: II. Scherzo fui della procella
  • Alessandro Scarlatti Cover

    Compositore.La vita. Una tradizione non convalidata da documenti vuole che sia stato allievo di Carissimi a Roma, dove si era trasferito giovanissimo con alcuni membri della famiglia. Iniziò l'attività di compositore, a quanto risulta, nel 1679 (vale a dire l'anno dopo il matrimonio, dal quale, oltre al grande Domenico, nacquero altri nove figli), facendo rappresentare a Roma la sua prima opera, Gli equivoci nel sembiante. Seguì un'attività prodigiosa e senza soste; dopo esser stato al servizio di Cristina di Svezia, nel 1684 si stabilì a Napoli come maestro di cappella reale. A Napoli fu attivo sino al 1702, producendo ben 35 melodrammi e un'infinità di brani d'occasione. Fu poi, col già più che promettente figlio Domenico, a Firenze, dove contava di entrare al servizio del granduca Ferdinando... Approfondisci
Note legali