Cogito ergo sum. Breve storia della filosofia attraverso i detti dei filosofi

Pietro Emanuele

Editore: TEA
Collana: Saggistica TEA
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
In commercio dal: 17 giugno 2010
Pagine: 338 p.
  • EAN: 9788850221646
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,18

€ 5,18

€ 9,60

5 punti Premium

Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più

€ 8,16

€ 9,60

Risparmi € 1,44 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lucy

    18/09/2018 15:23:50

    Un breviario di filosofia, ma senza la parte noiosa. Si legge molto scorrevolmente, e tocca tutti i filosofi più importanti, e le loro teorie, senza mai stancare. Merito di una scrittura che appassiona, facile ma non superficiale, cosa di molto pregio. Consigliato per chi non vuole dimenticare quanto la filosofia sia in fondo parte integrante della nostra vita.

  • User Icon

    ROBERTA MICHELI

    10/03/2009 14:26:36

    BELLISSIMO...SEMPLICE E CHIARO PER CHI VUOLE AVVICINARSI ALLA FILOSOFIA MA ANCHE PER CHI VUOLE RIPASSARE QUELLO CHE HA GIA STUDIATO SUI MANUALI CHE SPESSO RISULTANO ESSERE NOIOSI. lO CONSIGLIO AGLI APPASSIONATI E AI NEOFITI DI TALE MATERIA. UN LIBRO DA TENERE NELLA PROPRIA BIBLIOTECA E DA REGALARE AD UN CARO AMICO.

  • User Icon

    Adriano

    18/01/2005 08:32:29

    Un discreto esempio di divulgazione filosofica.

  • User Icon

    Emanuele

    19/12/2004 13:06:05

    Ideale per chi vuole imparare qualcosa di filosofia o ripassare quanto studiato a scuola. Nulla di pretenzioso ma come dice l'autore un saggio da leggere un pò alla volta, scegliendo il detto che più aggrada di volta in volta e magari prentendo spunto per approfondire in proprio qualche tematica di particolare interesse su qualche pesante e noioso tomo universitario. Compratelo...e buona camicia a tutti!

  • User Icon

    Alessandro da Lisca

    18/02/2003 09:32:32

    Non pretende di essere un libro di filosofia ma solo un romanzo che parla di filosofia. Per chi ha studiato la storia dei filosofi a scuola è un simpatico "ripasso" di quanto appreso.

  • User Icon

    fabio

    06/08/2002 14:01:19

    Semplicemente affascinante e coinvolgente.

  • User Icon

    Giovanni

    07/04/2002 17:02:39

    Semplicemente entusiasmante. Credo,che sia il migliore modo di divulgare la filosofia evitando quei dotti testi. Chi poi vorra leggersi Hegel o Heidegger auguri.

  • User Icon

    Alba

    22/03/2002 12:55:25

    Per chi cerca una conferma all'idea che alcune fra le pagine più belle siano state scritte dai filosofi, per chi timoroso si avvicina per la prima volta alla filosofia, per chi ha solo bisogno di ricordare quel che un tempo ha studiato o letto.... e per quelli che 'sfogliando' un libro 'pontificano'. Da consigliare a tutti! Il prof. Emanuele trasmette, con la sua narrazione trascinante e precisa, la voglia di saperne di più, di appassionarsi ad una materia ingiustamente relegata nei vecchi protocolli ministeriali quasi che trasmettere la conoscenza, fornire ai giovani gli strumenti per comprendere la realtà che ci circonda, avere le chiavi d’accesso al sapere, sia ‘peccato’ o costituisca un ‘rischio’ per chi desidera uan società omologata, fatta di esseri incapaci di esprimere idee nuove, uomini e donne prodotti in serie.

  • User Icon

    Nando

    01/02/2002 09:56:13

    Non mi considero certo un "critico" o "recensore" di libri ma, essendo un laureato in Filosofia, non sono forse del tutto estraneo ad un argomento del genere. Ora, devo dire che ho trovato pochissimi libri divulgativi che trattano un argomento di filosofia con tanta competenza e "arguzia" come quello di P.Emanuele. Trovo che il libro non solo ha il pregio di essere interessante e stimolante ( a differenza di tanti altri del genere pur "importanti" ma pesantemente "noiosi") ma anche di sintetizzare senza banalizzare o tradire il pensiero dei filosofi (il che non è certo così facile e scontato come purtroppo spesso si crede). Emanuele, da bravo professore universitario che conosce bene la sua materia e probabilmente la sa anche presentare bene agli studenti), ha saputo, a mio modo di vedere, centrare in pieno l'obiettivo che si era proposto. Un obiettivo che non era certo quello di scrivere un manuale di Filosofia alla Abbagnano, ma semplicemente di mostrare come la Filosofia non sia uno dei tanti "bagagli " più o meno inutili che ci portiamo appresso nella vita ma sia davvero qualcosa dimolto più determinante ed incisivo per il nostro pensiero e la nostra azione nel mondo. Se uno, poi, il libro lo rilegge una seconda volta anche solo nei vari punti che particolarmente lo interessano, facilmente vi scopre ancora ulteriori aspetti e rimandi, cui non aveva ancora pensato. In definitiva, credo sia un libro che non solo aiuta a riflettere ma aiuta anche a "capire" meglio il pensiero dell'altro (il filosofo, in questo caso) attraverso l'unica prospettiva in grado di realizzare questo: collocarsi il più possibile dai vari "punti di vista" di tutti coloro che ci comunicano delle idee che, se pur diverse e a volte contrastanti fra loro, hanno comunque il grande pregio di descriverci e farci conoscere sempre più la complessità ed il "fascino" del reale.

  • User Icon

    Carlo D'Alessandro

    22/11/2001 07:51:36

    Io ho prima "sfogliato" il libro, nella fretta di arrivare alla filosofia recente, e ora sto rileggendolo con più calma, ed è un piacere. Per me è un ripercorrere gradevolmente una parte di sapere così affascinante, ma che dai lontani tempi del liceo avevo dimenticato, e che ero sempre stato restio a riaffrontare per lo sforzo che richiedono di solito letture sulla storia della filosofia. Capisco che per "addetti ai lavori" una formula sia troppo poco per il pensiero di un filosofo, ma devo dire che quelle rare che volte che ho digerito monografie sostanziose di qualche filosofo, non è che mi sia rimasto molto di più del messaggio che in questo libro riesce ad essere così ben condensato.

  • User Icon

    giuseppe d'agostino

    05/11/2001 18:35:24

    ho letto il libro e trovo che sia alla portata di chiunque ha sempre sentito frasi celebri come "cogito ergo sum",magari conoscendo anche chi le ha dette ,senza però conoscere il significato che costui gli dava e il contesto nel quale si inseriva questo pensiero. Non voglio certo dire che questo è un testo filosofico ma di certo posso dire che è riuscito ad avvicinarmi ad un mondo al quale volgevo lo sguardo da lontano.(vi raccomando leggetelo!!!)

  • User Icon

    Fiorella

    27/10/2001 11:20:08

    Ho comprato e letto (e non semplicemente sfogliato!) questo libro dopo che me ne aveva parlato con entusiasmo un mio collega di scuola, mio vecchio compagno di corso negli anni universitari.L'ho trovato gustoso, di agilissima e fruibile lettura, però serio e accurato nell'informazione e nell'esposizione fondamentale dei problemi. E' un libro che ha riacceso in me una vecchia passione per la filosofia, che si era sopita a causa della eccessiva seriosità di questo genere letterario. L'ho consigliato, a mia volta, anche a quegli amici che considerano la filosofia una sciocchezza e che, nella migliore delle ipotesi,tirano fuori la nota battuta secondo cui la filosofia è quella cosa con la quale o senza la quale il mondo resta tale e quale. Certo, il mondo forse resta tale e quale, ma se esistesse più cultura filosofica tra la gente, sono convinta che vi sarebbe più tolleranza e solidarietà. Grazie per l'attenzione Fiorella

  • User Icon

    Sam

    21/10/2001 03:42:56

    (Premetto che lo ho solo sfogliato brevemente a casa di un'amica e che non lo ho letto.) Capisco che la divulgazione in tutti i campi è cosa buona e giusta... ma davvero qualche frammento altisonante di pensiero preso fuori contesto ha valore conoscitivo? Ok, uno poi potrà dire "niente si crea, niente si distrugge, tutto si trasforma" davanti al cestino del riciclaggio carta, e divertire i colleghi d’ufficio; oppure potrà dire "strana legge, quella che ha per confine un fiume" quando prende una multa per divieto di sosta (ed è già un passo avanti rispetto al mettersi a bestemmiare in mezzo alla strada); oppure dire qualche banalità sull’anima gemella magari tratta da Platone per far bella figura su una tipa... ma da qui a dire che questo è un "libro di filosofia"... sarebbe come scrivere una raccolta di battute di spirito e frasi aneddotiche di Einstein (tipo "Dio non gioca a dadi") e dire che è un manuale di fisica...

  • User Icon

    Luca

    03/10/2001 22:37:51

    Un bellissimo libro, alla portata di tutti! Semplice, molto intuitivo, storico ma allo stesso tempo divertente! p.s.: compratelo!

Vedi tutte le 14 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione