Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Oscar Mondadori -20%
Salvato in 30 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Come un giovane uomo
12,75 € 17,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+130 punti Effe
-25% 17,00 € 12,75 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,75 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
17,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
17,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Biblioteca di Babele
4,80 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Libraccio
9,18 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,75 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
17,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
17,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Biblioteca di Babele
4,80 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Libraccio
9,18 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
Come un giovane uomo - Carlo Carabba - copertina
Chiudi

Descrizione


Candidato al Premio Strega 2018 - Finalista al POP, Premio Opera Prima 2018. - Finalista Premio Letterario nazionale Chianti 32ma edizione.


Con una lingua che analizza, immagina e riflette, che mescola Eta Beta alla Bibbia e The O.C. e Lost a Proust e Peter Schlemihl, Carlo Carabba medita sul caso e il destino, il lutto e la crescita, e racconta quando finisce la giovinezza, perché si diventa adulti, e come restiamo vivi, nonostante il dolore nostro, e soprattutto, nonostante il dolore degli altri.

«Un poeta si riconosce dalla voce, e Carlo Carabba una voce ce l’ha» - Raffaele La Capria, Corriere della Sera

«Avevo saputo dell’incidente il giorno in cui la neve, tornando a cadere, aveva chiuso i conti con la mia infanzia. Come potevo pensare al funerale della migliore amica della giovinezza avvenuto mentre firmando il mio primo contratto di lavoro entravo nell’età adulta, senza attribuire alla coincidenza un valore simbolico? Ma come potevo meditare su qualcosa di astratto come il simbolo e l’allegoria di fronte alla morte della mia migliore amica?»

Sono due le coincidenze da cui muove questa storia. Quella tra la caduta della neve su Roma, dopo più di vent’anni di attesa, e la scoperta che una giovane donna, Mascia, è in coma. E quella tra il funerale di Mascia, una decina di giorni più tardi, e la firma di un contratto di lavoro. Se la prima neve della vita del protagonista di questa storia, scesa sulla sua città quando era bambino, aveva portato con sé l’incanto, la seconda ha portato un incidente. Mascia, l’amica degli anni del liceo, è scivolata col motorino là dove la neve è caduta e si è sciolta. Questa seconda neve tanto desiderata, come se col bianco potessero tornare i giochi e le meraviglie dell’infanzia, invece di restituire il passato si porta via un pezzo di futuro. Perché Mascia muore per sbaglio, come pure si può morire, e non c’è altra spiegazione. Il protagonista parla con amici comuni, riceve e manda sms, inventa scuse, cerca ragioni ai propri pensieri e comportamenti, alle fughe e ai ritorni, e le trova, si colpevolizza, si assolve. Se Mascia, come tutti, muore sola, il protagonista di questo libro, come qualcuno, fa di tutto per restare, ancora un poco, solo con lei. Costruito come un labirinto che riproduce lo smarrimento di fronte al dolore, o come un videogioco che muove nello spazio ancora sconosciuto e pericoloso dell’età adulta, il romanzo segue i pensieri del protagonista, e di chi legge, intorno alla perdita di quelli che si amano e si ferma sul limite dell’amore umano che è quello, insopportabile, di non poterne impedire la morte.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2018
1 marzo 2018
176 p., Brossura
9788831728997

Valutazioni e recensioni

3,86/5
Recensioni: 4/5
(57)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(14)
4
(28)
3
(10)
2
(3)
1
(2)
Salvo
Recensioni: 5/5

Quello di Carabba è decisamente un romanzo di formazione, ricco di sperimenti linguistici alla maniera di altri autori bizzarri e meravigliosi, come il francese Daniel Pennac e l'italiano Gadda, del resto entrambi condividono lo stesso nome. È una coincidenza o è l'opera di una strega? Ed è proprio la coincidenza uno degli elementi presenti nell'opera. Per sapere di che coincidenza si tratti non vi resta che scoprirlo immergendovi nella lettura.

Leggi di più Leggi di meno
ChiaraLegge
Recensioni: 2/5

La storia non c'è. O meglio, si esaurisce nelle righe della quarta di copertina. Tutto il resto - ossia 164 lunghissime pagine - sono una raccolta di pensieri, riflessioni, brevi flash di ricordi in cui l'autore autobiograficamente ripercorre il liminare tra la giovinezza e l'età adulta, muovendo dallo spartiacque della morte di una cara amica. Il tutto raccontato con similitudini lunghe 7/8 centimetri (sì, l'unità di misura è la lunghezza, non le parole) con sfoggio di forbito eloquio e termini desueti. Capisco che nel panorama attuale in cui molti libri non escono dalla triade lessicale mamma-cacca-nanna, il libro di Carabba spicchi per complessità di pensiero e rafinatezza di parole. Ma la storia non c'è. E solo la dedica finale al proprio psicoanalista, consente una qualche indulgenza sul giudizio finale.

Leggi di più Leggi di meno
Katya Vettorello
Recensioni: 4/5

Esiste un modo consono, un modo logico, uno più o meno educato, di reagire quando si apprende della morte di una persona cara? E cosa ci succede, dentro, se inaspettatamente e quasi contro il nostro volere, non riusciamo a comportarci nel modo che gli usi, le consuetudini e la coscienza richiedono in queste circostanze? Per quanto tempo il senso di colpa può giudicarci? "Come un giovane uomo" è un romanzo autobiografico nel quale Carlo Carabba, con l’uso di una scrittura estremamente ricca, rivive e analizza con lucida autocritica le sue reazioni alla notizia di un’amica entrata in coma. Una notizia che apprende lo stesso giorno in cui, dopo lunghi anni di attesa, finalmente a Roma cade di nuovo la neve. Giorno che per tale avvenimento soltanto avrebbe voluto ricordare ma che invece lo porta a fare scelte sulle quali non smetterà più di riflettere, di ritornare, di mettere in dubbio e rivalutare. Perché elaborare interamente una perdita non vuol dire soltanto intraprendere un imponente viaggio dentro se stessi, ma accettare un passato che troppo spesso risulta incapace di stare in equilibrio tra rimpianto e rimorso.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,86/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(14)
4
(28)
3
(10)
2
(3)
1
(2)

Voce della critica

La neve e la colpa, l’età adulta secondo Carabba

Stile e sentimenti levigati, approccio colto e letterario, per un viaggio nei ricordi che ha come nume tutelare Proust, ma che non ha paura di “sporcarsi le mani” con riferimenti a serie e trasmissioni tv, cartoni animati, film non certo d’essai. C’è un libro che funziona così: l’esordio nella narrativa di Carlo Carabba, allevato alla scuola di “Nuovi Argomenti”, poeta e principale editor di Mondadori, è di quelli che meritano attenzione.
Il suo memoir, Come un giovane uomo (174 pagine, 17 euro), è pubblicato da Marsilio, nel nuovo corso targato Chiara Valerio. E si accende dopo un abbondante nevicata romana, a vent’anni da una precedente, legata all’infanzia e vagheggiata a lungo. La capitale imbiancata, però, porta con sé una tragedia: l’incidente di un’amica, Mascia, il ricovero in ospedale, il coma e la sua morte. E la singolare e dolorosa coincidenza per il protagonista, che scrive in persona, di dovere andare a Milano, proprio nel giorno del funerale di Mascia, per la firma di un importante contratto di lavoro.

Di riflessione in riflessione e di digressione in digressione, in un lungo flusso unico, l’introspezione della voce narrante ci conduce a lunghi paragrafi, in periodi anche complessi, ma non certo illeggibili. S’affastellano ricordi, d’infanzia e d’adolescenza, legati a episodi e ad amici dell’infausto presente, a chi sta al capezzale dell’amica. E la necessità di misurarsi – filosoficamente, consapevolmente, e in modo non consolatorio – con la vita, con le coincidenze, con l’età adulta e con l’esistenza della morte, dribblata forse da troppi anni, irrompe prepotentemente. Con altrettanta forza emerge l’essere poeta di Carabba, la sua prosa ricercata ne risente, felicemente, e si nutre di figure retoriche proprie dei componimenti in versi.

C’è, naturalmente, sofferenza, c’è una quota di dolente malinconia nelle pagine del libro di Carabba, temperata però anche da tanta lucidità. C’è dolore, ma anche eleganza, senza sbavature mielose. E c’è rivelatore di molto, nei ringraziamenti di Come un giovane uomo, un riferimento allo psicanalista frequentato per anni. Il lustro che Carabba ha trascorso a scrivere questo libro (che è tra i semifinalisti del premio Strega) e a trovare la voce giusta è stato ben speso. Chapeau.

Recensione di Arturo Bollino

Leggi di più Leggi di meno

I vincitori del concorso "Caccia allo Strega 18"


Silvio D'Amico - Recensione stregata scelta da Carlo Carabba

Fra rimandi alla cultura pop contemporanea e influenze letterarie classiche, fra coincidenze casuali e non sempre desiderate, Carlo Carabba muove da porti in apparenza sicuri per tuffarsi verso temi esistenziali che toccano le corde dell’animo umano con grande sincerità. Si tratta, in estrema sintesi, del racconto struggente di un giovane uomo, di ciò che gli sta attorno, di ciò che porta dentro quando un’amica muore e di come, non senza impegno e fatica, ogni giovane uomo può riuscire ad accettare ciò che ama meno di sé. Molto lucido e toccante allo stesso tempo, questo romanzo d’esordio conferma l’indole ostinata del Carabba poeta quale investigatore dello spirito. L’uso della digressione è frequente, non soltanto come cifra stilistica della prosa, ma anche come contenuto, peraltro dichiarandolo nella citazione iniziale di Carlo Levi, in quanto rappresentazione del tentativo umano di fuggire dalla morte, o quantomeno dalla paura della morte – propria e altrui – e la costante ricerca, altrettanto vana, di una consolazione che tende sempre a svanire. Ma il percorso arzigogolato del pensiero dell’autore in cui, fra virgole, incisi e parentesi ci si smarrisce con immenso piacere, questi segni invisibili tracciati attorno la morte della cara amica Mascia non sono i malefici sigilli di una strega che ottunde le menti degli stolti con pie illusioni di un aldilà migliore e nemmeno inganni posti come molliche nel bosco per attirare gli incauti verso sfrenate mitologie laiche. I suoi incantesimi semmai illuminano il dolore che si prova di fronte alla morte e tutte le reazioni che ne derivano, fra cui la vergogna di non essere abbastanza forte da sopportare quel dolore. Consigliatissimo.


Carolina

"Come un giovane uomo" è un libro di quelli che in Italia ultimamente non si vedono spesso. Una scrittura ricca, attenta, dettagliata, quasi eccessiva nella sua meticolosa ricerca della parola perfetta in ogni frase. Un libro che strega per tutta la sua durata? No. È un libro che strega, come possono stregarci alcuni attimi della vita, inseriti in una cornice apparentemente non degna di nota ma in cui rimaniamo senza fiato, folgorati da un pensiero all'apparenza insignificante, che in quel momento invece è tutto. Questo libro è così. Fa fermare a riflettere su quanto il corso delle nostre vite, gli incontri che facciamo, le relazioni che instauriamo, siano più spesso di quanto pensiamo affidate al caso. E così, quando lo chiudiamo, incerti se sia o meno un nuovo grande pezzo di letteratura contemporanea, ci ritroviamo inevitabilmente a ringraziare per quanto la vita ci abbia offerto. Allo stesso tempo, il nostro sguardo si oscura per un attimo, pensando a quanto, sempre per caso, ci siamo persi, o cosa sarebbe successo se.

Federica

Quando si è bambini tutto ciò che si vede per la prima volta ha un risvolto magico, si imprime nella mente e assume tinte favolose. Carlo è un bambino e vede cadere sulla sua città, Roma, per la prima volta la neve. Ne rimane ammaliato: tutto è ricoperto da questa coltre tenera, soffice: è come se la spensieratezza e l'innocenza fanciullesca si fosse concretizzata. E così Carlo aspetta, aspetta impaziente di rivedere quello spettacolo. Ma cosa succede se quella neve, dal tocco fatato, improvvisamente si trasforma in una strega terribile, che distrugge tutto ciò che incontra? Molti anni dopo Roma è di nuovo imbiancata: questa volta, Carlo è impreparato all'evento. La sua migliore amica, Mascia, è coinvolta in un incidente automobilistico che la porterà al coma e alla morte. La neve diventa linea netta, di demarcazione tra la giovinezza e l'età adulta. Come è possibile che un avvenimento tanto felice, si possa essere trasformato in una forza malevola, portatrice di morte? In questo romanzo, Carabba ci tratteggia quella generazione di giovani uomini e donne che improvvisamente devono iniziare a fare i conti con la vita adulta. Un racconto molto vivido e reale, tanto da essere quasi un memoir (sia il protagonista che l'autore hanno lo stesso nome, Carlo).

Paola Adami

Perché un uomo che desidera si avveri di nuovo una atmosfera incantata che ha vissuto da bambino deve poi fare i conti con il suo cuore afflitto per la perdita di una amica? Dove si nasconde quella STREGA che ci fa sempre fare i conti con le negatività della nostra esistenza? Commovente il ruolo del protagonista nel quale ci si immedesima pienamente facendo proprio il dolore che ti strazia il cuore quando ci si trova al cospetto della, purtroppo irrimediabile, morte.


Giovanni

Come Un Giovane Uomo di Carlo Carabba è la storia di un ragazzo e della sua amica d'infanzia morta in un incidente stradale. La trama affronta il tema della morte e l'inevitabile dolore e sensazione di smarrimento con cui ci si deve confrontare in seguito alla scomparsa di una persona cara. Come la carta della Morte nel mazzo di tarocchi di una STREGA, questo libro suggerisce di inquadrare la fine come un nuovo inizio, un cambiamento e una rigenerazione. Consigliato.


La motivazione di Edoardo Nesi per la candidatura al Premio Strega

«Mi è parsa un'opera notevole, poiché con tenerezza e stupore Carabba riesce a raccontare compiutamente e lucidamente del suo personaggio, che soffre sia della nostalgia lancinante della giovinezza, sia dello sconcerto del dover e poter restare in vita nonostante la morte di chi più gli era vicino. Confido che questo romanzo d'esordio possa suscitare lo stesso interesse che ha suscitato in me.»

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Carlo Carabba

1980, Roma

Carlo Carabba (Roma 1980) viene da studi filosofici e ha pubblicato articoli su Francis Bacon, Thomas Hobbes e la monografia La prima traduzione francese del “Novum Organum” (Olschki 2011). È stato coordinatore della rivista Nuovi Argomenti, e attualmente lavora per Mondadori. Ha scritto le raccolte di poesia Gli anni della pioggia (peQuod 2008, premio Mondello per l’Opera Prima) e Canti dell’abbandono (Mondadori 2011, premio Carducci e premio Palmi). Un suo racconto è incluso nell’antologia “best off” Ogni maledetta domenica (a cura di Alessandro Leogrande, minimum fax 2010). Come un giovane uomo (Marsilio 2018) è il suo primo romanzo, candidato al Premio Strega 2018 e finalista al POP, Premio Opera Prima 2018.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi