Come sasso nella corrente

Mauro Corona

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
Pagine: 210 p., Brossura
  • EAN: 9788804666820
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 6,21

€ 9,78

€ 11,50

Risparmi € 1,72 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Enomis78

    18/02/2015 14:31:00

    Tra tutti i libri di Corona al momento questo è quello che mi è piaciuto di meno anche se devo dire le pagine finali mi sono piaciute molto.

  • User Icon

    zombie49

    08/09/2014 23:11:14

    Un'anziana donna vive in una stanza in penombra, circondata da statue di legno che accarezza delicatamente. Le ha scolpite un uomo selvatico, un amante segreto con cui mai si è potuta mostrare al mondo. Un legame profondo, accomunati da un'infanzia dolorosa e da un'esistenza dura e faticosa tra i monti, li ha uniti attraverso anni di incontri dolci e fugaci. Ora, al tramonto della vita, il sentimento si è trasfigurato in sogno, non hanno più bisogno di parole, comunicano attraverso il bosco e i suoi animali. Fino all'ultimo giorno, non più temuto ma liberatorio, lontano dalla società degli umani. La presenza femminile rimane sempre, come nella descrizione iniziale, nell'ombra, è l'uomo, il protagonista. E' un racconto ampiamente autobiografico, nonostante la premessa "Ogni riferimento... " e leggendo si capisce il perché: tra le pagine è nascosto l'accenno a una fiaba nerissima, di cui l'autore sembra quasi promettere il seguito. Un libro diverso dagli altri dello scrittore ertano, una riflessione sulla vecchiaia e sulla morte, sul desiderio di isolarsi dal mondo, di deporre le armi con cui sempre lo ha combattuto, ma forse un po' ripetitivo. La vita scorre e passa sopra di noi, sassi nella corrente. Ogni uomo è solo e tutto ciò che fa, scrivere, scolpire, scalare, amare e odiare, lo fa x se stesso ed è destinato a scomparire nella polvere dell'oblio. Alla fine, Corona non racconta quasi nulla, solo le proprie riflessioni e la propria filosofia, ma il libro mi è piaciuto, forse perché condivido molti suoi punti di vista. La solitudine in comunione con la natura, generosa o spietata, è più appagante della chiassosa comunità degli umani. Lo stile è affascinante, con periodi brevi, semplici e incisivi.

Scrivi una recensione