Il complotto dell'arte - Jean Baudrillard - copertina

Il complotto dell'arte

Jean Baudrillard

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: L. Frausin Guarino
Editore: SE
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 31 gennaio 2013
Pagine: 84 p., Brossura
  • EAN: 9788867230013

66° nella classifica Bestseller di IBS Libri Arte, architettura e fotografia - Argomenti d'interesse generale - Teoria delle arti

Salvato in 149 liste dei desideri

€ 12,00

Venduto e spedito da Libreria Dedalus

Solo una copia disponibile

+ 3,00 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Il complotto dell'arte" scritto da Baudrillard nel 1996, suscitando reazioni violente e un aspro dibattito, è uno spietato atto di accusa contro l'arte contemporanea, e un testo capitale, attualissimo nel dibattito, aspro oggi come allora, tra i suoi fautori e i suoi detrattori. "L'essenza dell'arte contemporanea", scrive Baudrillard, "sta in questo: rivendicare la nullità, l'insignificanza, il nonsenso, mirare alla nullità essendo già nulla. L'arte contemporanea si avvale dell'impossibilità di un giudizio estetico fondato, e specula sul senso di colpa di quanti non capiscono niente di ciò che essa produce, e non hanno capito che non c'era niente da capire." Con uno scritto di Sylvère Lotringer.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,5
di 5
Totale 2
5
1
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    nexus

    08/04/2020 20:28:36

    La prima parte del libro riprende l' articolo scandaloso apparso su Libération, il resto è una intervista in cui l' autore dice tutto e il contrario di tutto. Prima si lagna della vacuità dell' arte moderna ma poi non ha nostalgia dei vecchi valori estetici; spara a zero sugli artisti contemporanei ma pontifica Warhol del quale peraltro spiega "lui non diceva mai niente perché non c' era niente da cavargli fuori" ... viva l' onestà. Ma il valore del pamphlet resta aver smascherato la commedia dell' arte.

  • User Icon

    alida airaghi

    06/05/2016 04:55:57

    Questa raccolta di saggi che Jean Baudrillard scrisse negli anni '90 ha catalizzato per più di un decennio l'interesse polemico e roventi discussioni tra critici, artisti e appassionati d'arte per il tono irrisorio e requisitorio con cui il sociologo francese metteva alla berlina la produzione pittorica del ventesimo secolo."Tutto il movimento della pittura ha rinunciato al futuro e si è volto al passato. Citazione, simulazione, riappropriazione...l'arte attuale si limita a riappropriarsi in modo più o meno ludico, o più o meno kitsch, di tutte le forme e le opere del passato, vicino o lontano, o addirittura già contemporaneo." Ecco la grande assente dal panorama artistico contemporaneo: l'illusione, e con essa l'incanto, l'immaginazione, il desiderio, l'enigma. Ogni tipo di espressione artistica sembra tesa al "metalinguaggio della banalità", a parlare e a straparlare di se stessa, snobbando il mondo e la realtà, svelando brutalmente ogni segreto, nell'idolatria dell'apparenza e dell'artificialità. "Oggi, tutte le cose vogliono manifestarsi. Gli oggetti tecnici, industriali, mediatici, gli artefatti di ogni specie vogliono significare, essere visti, essere letti, essere registrati, essere fotografati...Oggetti feticci, senza significato, senza valore, specchio del nostro radicale disincanto del mondo". Baudrillard osserva che a partire da Duchamp, per arrivare a Warhol e a Koons ci siamo tutti (artisti, critici, pubblico) resi complici di questa derealizzazione dell'arte, diventata oggetto di consumo prestigioso, come qualsiasi altro affare commerciale. A questo punto, l'arte diventa inutile, riciclata, non smuove più niente, se non gli interessi del mercato, finendo per produrre gadget estetici funzionali solo al kitsch universale: e "non sarà stata che una parentesi, una sorta di lusso effimero della specie".

  • Jean Baudrillard Cover

    È stato un sociologo e filosofo francese. Autore di oltre cinquanta libri, è uno dei più influenti pensatori contemporanei. Le sue riflessioni sulle logiche culturali e simboliche delle società occidentali, osservate in molteplici ambiti, dalla politica all’architettura, dai mass media all’economia, dall’arte alla scienza e oltre, hanno segnato la vita e il dibattito del nostro tempo. Mimesis nel 2019 ha pubblicato All'ombra delle maggioranze silenziose. Ovvero la fine del sociale. Approfondisci
Note legali