Categorie

Roger Caillois

Curatore: M. Brunazzi
Traduttore: A. Baldi, A. Laserra
Collana: Incipit
Anno edizione: 2007
Pagine: 204 p. , Brossura
  • EAN: 9788833916057
"La bella Victoria Ocampo ha rapito Roger Caillois – scrive Sartre a Simone de Beauvoir nel febbraio 1939 – voilà, partiti tutti e due per l'Argentina". Invitata da Paulhan ad ascoltare Caillois sulla théorie de la fête, la quarantanovenne direttrice di "Sur" lo ha trascinato in Sud America per un ciclo di "Debates sobre temas sociológicos". Caillois conta di rientrare in Europa alla fine dell'estate. Il soggiorno in Argentina durerà cinque anni. Nel frattempo è scattata la mobilitasion (anche se Caillois è stato riformato nel '37), ma soprattutto al giovane intellettuale non appaiono componibili i dissensi con Bataille. Lo testimonia La Communion des forts. Études de sociologie contemporaine, congedo dal Collège de Sociologie, che il pubblico italiano legge ora nella prima traduzione integrale, curata da Brunazzi, autore della postfazione, I nuovi ateniesi, indispensabile per comprendere, all'interno del materiale eterogeneo (antropologico, politico, sociale), il senso unitario di questi saggi.
La communion des forts esce a Città del Messico nel 1943 nella collana di propaganda di France Libre. Raggruppa nelle tre sezioni – La matière sociale, Dures vertues, Attente de l'élite – "saggi pubblicati in tempi diversi". Viene ripubblicato nel 1944 a Marsiglia per le Éditions du Sagittaire, amputato – "par crainte de la censure" – dei testi più divaricati: Le vent d'hiver (manifesto del Collège, ne aveva condizionato la fortuna: Benjamin aveva parlato di surfascisme, Mauss di hitlerisme); la discussione sul marxismo presente nel saggio Destin du matérialisme historique e la terza parte, Défense de la Republique, Hiérarchie des êtres e Athènes devant Philippe. In realtà proprio questi ultimi saggi argentini sono le "trasparenti metafore" dell'atteggiamento di Caillois nei confronti del manifestarsi storico della sacrée gauche totalitaria. Le vent d'hiver (apparso nel dossier che nel '39 la "Nrf" dedica al Collége) preconizza l'avvento di un'era glaciale e il passaggio all'azione politica settaria (l'esprit luciférien), che Caillois chiama "teurgica". Nei saggi di Attente de l'élite si registra la conversione verso lo "spirito attico" (soprattutto in Athènes devant Philippe, allusione all'appeasement di Monaco). Caillois abbandona l'attivismo del periodo del Collège, lo trasforma in uno strumento di resistenza stoica alle forze della "vertigine", sostituendo all'idea della "comunità d'azione", teorizzata negli anni trenta, la ricerca di un "chiericato, di un ordine disciplinato dalla ragione e dalla civiltà".
La postfazione di Brunazzi indica, in un percorso che appare "tortuoso e umbratile, talvolta persino criptico", l'importanza del tema politico della Communion des forts. Parola chiave (con "ordine" e "segreto") è proprio "vertigine". Una vertigine che nei saggi della terza sezione "opera all'inverso": "Non ghermisce soltanto nell'abisso della perdita di sé", ma "solleva in un turbine ascensionale simmetrico a quello che inghiotte. Coloro che ne sopravvivono sono i forti. La loro consapevolezza condivisa realizza allora quel che sembrava irrealizzabile: la comunità dei forti. Utopica terza via tra democrazia e fascismo, ma anche – perché no? – tra democrazia e comunismo". Valentino Cecchetti