Concerti per viola n.1, n.2, n.3

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Frantisek Benda
Direttore: Bernard Labadie
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: CPO
Data di pubblicazione: 1 maggio 2018
  • EAN: 0761203516728

€ 19,50

Punti Premium: 20

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Friedrich Wilhelm Heinrich Benda (1745-1814): Concerto n. 1 in fa maggiore per viola e orchestra; Concerto n. 2 in mi bemolle maggiore per viola e orchestra; Concerto n. 3 in mi bemolle maggiore per viola e orchestra
Un Benda sconosciuto
Non è affatto facile orizzontarsi nella storia della famiglia Benda – una vera e propria dinastia musicale, che continua ancora ai giorni nostri – per via della presenza di due Georg, due Heinrich, addirittura tre Friedrich e molti altri. Questa famiglia di musicisti boemi si trasferì in Germania nel 1742 su richiesta del re di Prussia Federico II Il Grande (1712-1786) e i suoi maggiori esponenti prestarono servizio presso la corte per ben oltre un secolo. Lo sconosciuto Benda protagonista di questo disco di sorprendente bellezza è Friedrich Wilhelm Heinrich, figlio e nipote dei più famosi Franz e Georg Benda, nato nel 1745 e scomparso nel 1814. Sebbene nel corso della sua carriera abbia composto opere teatrali, cantate e oratori, Benda è conosciuto soprattutto per la sua produzione strumentale, che abbraccia un ampio ventaglio di organici. Il suo straordinario talento nel suonare il violino e la viola contribuirono anche a renderlo un interprete molto apprezzato. I passaggi virtuosistici dei suoi tre concerti per viola e orchestra dimostrano meglio di qualsiasi parola la sua perfetta padronanza della tecnica strumentale della viola dell’epoca. Dobbiamo essere molto grati sia a Jean-Eric Soucy, solista di questo disco e scopritore dei tre concerti in programma, sia alla casa editrice Edition Offenburg, la cui accurata edizione critica si è tramutata in un meraviglioso regalo per i violisti di tutto il mondo. In effetti, questi lavori di Friedrich Benda costituiscono senza dubbio una splendida addizione al repertorio violistico e si pongono sullo stesso alto livello delle opere analoghe di Stamitz, Hoffmeister e di molti altri compositori più famosi. Detto per inciso, la Edition Offenburg ha pubblicato questi concerti in due edizioni diverse, una originale per viola e orchestra e l’altra con l’accompagnamento di pianoforte.
  • Frantisek Benda Cover

    Compositore e violinista boemo. Fratello di Jii Antonín B. Iniziò gli studi e la carriera come sopranista, per dedicarsi poi solo al violino. Attivo prevalentemente a Praga fino al 1726, emigrò in seguito forse per motivi religiosi (si era convertito al protestantesimo). Fu a Vienna e a Varsavia, entrando infine nel 1735 al servizio di Federico ii di Prussia, nello stesso ambiente in cui operavano J. Quantz e C.H. Graun che lo incoraggiò ad applicarsi alla composizione. A questi musicisti e alla scuola violinistica veneziana si ricollega la sua produzione strumentale, che nella fresca cantabilità rivela anche l'impronta del canto popolare ceco (15 concerti e 91 sonate per violino e continuo, 1 sinfonia, 3 sonate per flauto e continuo, 6 per flauto o violino e continuo, 9 per due violini e... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali