Concerti per Violino N.1, N.2

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Dmitri Shostakovich
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Ondine
Data di pubblicazione: 30 settembre 2014
  • EAN: 0761195123928

€ 20,50

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Concerto n.1 op.77; Concerto n.2 op.129
Christian Tetzlaff è considerato uno dei migliori violinisti oggi in circolazione e i suoi dischi pubblicati nel corso degli anni dalla Ondine sono stati accolti in maniera molto lusinghiera dalla stampa specializzata di tutto il mondo. Tra le uscite più recenti meritano di essere citate le registrazioni delle sonate per violino e pianoforte di Mozart – premiata come Chamber Choice dal BBC Music Magazine – e di Schumann, scelta come Disco del Mese da Gramophone. Il Concerto n.1 per violino e orchestra di Dmitri Shostakovich fu scritto durante una violenta ondata di antisemitismo scoppiata in Unione Sovietica e fu eseguito per la prima volta solo dopo la morte di Stalin. Il Concerto n.2 è invece una delle opere più famose dell’ultima fase della parabola creativa del grande compositore russo e cela diverse citazioni di opere precedenti. Dopo avere iniziato la sua carriera musicale come violinista, John Storgards è oggi considerato uno dei direttori finlandesi migliori della sua generazione, una fama che deve soprattutto ai programmi innovativi che porta avanti con l’Orchestra Filarmonica di Helsinki.

  • Dmitri Shostakovich Cover

    Compositore russo.Gli anni di formazione e la fase modernista. Allievo del conservatorio della città natale, si accostò ai più attivi movimenti dell'avanguardia rivoluzionaria, con Prokof'ev, Majakovskij, Meyerhold ecc. Nel 1926 la Sinfonia n. 1 lo rivelò sul piano internazionale, mettendo in luce una spregiudicata e originale assimilazione dei più vari ritrovati della musica contemporanea europea, sorretti da una straordinaria disinvoltura tecnica. Oltre a influssi di Rimskij-Korsakov e Prokof'ev, la sua produzione giovanile (sinfonica, da camera e teatrale), risente del neo-oggettivismo tedesco e francese, in particolare di Hindemith: vi domina un piglio aggressivo dai tratti grotteschi e ironici, timbricamente esuberante ed estroso nel ritmo; il suo linguaggio armonico ora sfocia nell'atonalità... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali