Concerti per violoncello

Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Chandos
Data di pubblicazione: 1 gennaio 2017
  • EAN: 0095115081624
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

€ 21,90

Venduto e spedito da IBS

22 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Descrizione
Josef Antonín Guretzky (1709-1769).
Concerto in la minore per clavicembalo, archi e basso continuo (1738); Concerto in sol maggiore per violoncello, archi e basso continuo (1735); Concerto in re maggiore per violino, archi e basso continuo (ca 1740); Concerto in fa maggiore per violoncello, archi e basso continuo (1735); Concerto in re maggiore per violoncello, archi e basso continuo (1735) Bohuslav Matěj Černohorský (1684-1742).
Fuga in la minore per clavicembalo (dopo il 1730).
The Harmonious Society of Tickle-Fiddle Gentlemen trae il suo nome dall’ensemble strumentale che a partire dal 1678 tenne i primi concerti pubblici a Londra e che continuò a esibirsi fino a oltre la metà del XVIII secolo. I componenti di questa formazione sono tra gli esponenti più in vista del panorama filologico inglese ed europeo e propongono da alcuni anni programmi basati su stimolanti ricerche repertoriali effettuate di recente. Questo brillante ensemble è stato definito dal critico del BBC Radio 3: «interpreti di opere coinvolgenti e molto affascinanti». Con questo disco di sorprendente bellezza la formazione inglese permette agli appassionati di rarità barocche di scoprire i concerti per violoncello e per violino e orchestra di Josef Guretzky, opere ingiustamente dimenticate, pervase da un virtuosismo e da una vitalità dalla chiara matrice italiana ma molto innovative rispetto ai tempi in cui furono composte sotto l’aspetto del contrasto dei ritmi e delle strutture. In particolare, questo disco presenta in prima registrazione mondiale quattro dei nove concerti per violoncello e orchestra di Guretzky e l’unico concerto per violino e orchestra giunto fino ai giorni nostri. Il programma è completato da una fuga per clavicembalo scritta più o meno nello stesso periodo da Matěj Černohorský, un altro maestro del Barocco boemo.