Salvato in 62 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Concetti fluidi e analogie creative. Modelli per calcolatore dei meccanismi fondamentali del pensiero
36,10 € 38,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
Concetti fluidi e analogie creative. Modelli per calcolatore dei meccanismi fondamentali del pensiero 360 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
36,10 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
36,10 € + 2,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
36,10 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
38,00 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
38,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
38,00 € + 5,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
ilsalvalibro
24,00 € + 5,00 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
36,10 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
36,10 € + 2,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
36,10 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
38,00 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
38,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
38,00 € + 5,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ilsalvalibro
24,00 € + 5,00 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Chiudi
Concetti fluidi e analogie creative. Modelli per calcolatore dei meccanismi fondamentali del pensiero - Douglas R. Hofstadter - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Concetti fluidi e analogie creative. Modelli per calcolatore dei meccanismi fondamentali del pensiero Douglas R. Hofstadter
€ 38,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

L'analogia è un processo intellettivo fondamentale e tuttavia quanto mai misterioso. La scienza ne ha sempre diffidato. Eppure l'analogia continua ad agire a tutti i livelli. L'autore ne ha voluto rovesciare la prospettiva, affrontando il tema dall'interno di una pionieristica indagine sui modelli computazionali della creatività umana. Ma per programmare un calcolatore in vista di un qualsiasi risultato, bisogna definire i processi con tanta rigida precisione che non è più lecito parlare di creatività. Qui si evita la trappola facendo entrare in campo le "analogie fluide": il percorso creativo diventa un navigare a vista, scrutando in ogni direzione. L'attività di pensiero ha una natura parallela.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

1996
30 ottobre 1996
586 p.
9788845912528

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
n.d.
Recensioni: 3/5

Mi aspettavo di più dall'autore

Leggi di più Leggi di meno
petrus
Recensioni: 5/5

Decisamente il più interessante libro scritto dell'autore.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica


recensione di Frixione, M., L'Indice 1997, n. 3

Douglas Hofstadter è già noto ai lettori italiani soprattutto per il volume "Gödel, Escher, Bach", pubblicato in inglese nel 1979, e tradotto da Adelphi nel 1984. A un anno di distanza dall'uscita dell'edizione originale, è stata ora pubblicata la traduzione di "Fluid Concepts and Creative Analogies". Si tratta di due libri molto diversi. Nel primo, a partire da una vasta panoramica che spazia dai teoremi di Gödel alla musica di Bach alla grafica di Escher, vengono analizzate le tematiche della riflessività e dell'autoriferimento in relazione allo studio computazionale della mente. Il volume più recente offre invece un resoconto delle ricerche di scienza cognitiva intraprese dall'autore a partire dalla fine degli anni settanta e tuttora in corso. Esistono tuttavia elementi in comune fra i due libri. In primo luogo, lo stile: il piacere della scrittura, il gusto per gli aspetti ludici del linguaggio sono presenti anche in questo volume, sebbene in forma meno virtuosistica e barocca che in Gödel, Escher, Bach. Inoltre, le ricerche presentate in "Concetti fluidi e analogie creative" traggono spesso origine da spunti che erano già presenti in nuce nelle riflessioni di "Gödel, Escher, Bach".
I vari capitoli di "Concetti fluidi e analogie creative" derivano per lo più da articoli scientifici precedentemente pubblicati da Hofstadter e dai suoi collaboratori. Hofstadter non è dunque, a rigore, l'unico autore del libro, anche se indubbiamente è ben più di un semplice curatore. I capitoli rappresentano varie tappe di un percorso di ricerca unitario, e grande è stata l'attenzione di Hofstadter nell'organizzarli in un tutto coerente. Il libro si presenta dunque come un volume organico e non come una mera raccolta di saggi. L'argomento generale è riassunto dai due temi chiave presenti nel titolo: le analogie creative e i concetti fluidi. Il libro tratta dello studio e della simulazione su calcolatore della capacità di costruire analogie, a partire dall'assunto che la creazione di analogie sia un elemento assolutamente centrale nel funzionamento della mente, un fenomeno che pervade innumerevoli aspetti della cognizione umana. A sua volta, la capacità di fare analogie viene ricondotta a un aspetto che risulta forse ancora più basilare per la comprensione dei fenomeni mentali, vale a dire la cosiddetta "fluidità concettuale". I concetti secondo Hofstadter non sono entità rigide, dai confini netti e definitivi, ma costrutti sfumati, malleabili, che possono slittare e plasmarsi in maniera diversa per adattarsi al contesto in cui si collocano. Ed è proprio questa loro flessibilità che entra in gioco in maniera determinante quando i concetti vengono impiegati per produrre analogie. Per rendere conto della fluidità concettuale Hofstadter adotta un punto di vista "subcognitivo": le proprietà macroscopiche dei concetti vengono spiegate come un effetto emergente di tipo statistico dell'attività di molteplici processi computazionali di livello inferiore (di tipo subcognitivo, appunto) che agiscono in parallelo.
Questa impostazione è alla base dello sviluppo di una serie di programmi che svolgono vari compiti, come ad esempio la generalizzazione di sequenze di numeri (il programma Seek-Whence), la costruzione di anagrammi (il programma Jumbo), la soluzione di problemi di analogia definiti su gruppi di lettere dell'alfabeto (il programma Copycat). Copycat, in particolare, è il programma più articolato, e quello più dettagliatamente descritto nel libro. Esso risolve problemi del tipo: "se abc diventa abd; cosa deve diventare allora efg?". In questo caso la risposta più "naturale" ("efh") è facile da individuare. Ma in casi più complessi vi possono essere più risposte plausibili, alcune facili e "stupide", altre più difficili e più "profonde". Copycat affronta il problema a livello subcognitivo: la risposta fornita dal programma emerge dall'interazione di molti agenti computazionali locali e specializzati detti "codicelli", che lavorano in parallelo e che collaborano e competono per analizzare il problema, per interpretarlo, e per proporne una soluzione. L'interazione di queste molteplici pressioni porta alla fine alla costruzione di una risposta. Poiché il programma non è strettamente deterministico, può accadere che esso di volta in volta fornisca risposte diverse allo stesso problema, producendo al tempo stesso una stima della "bontà" della risposta prodotta. Si può constatare così che le risposte intuitivamente "facili" sono le più frequenti, mentre quelle "difficili e profonde" vengono ottenute con minore frequenza, ma il programma assegna loro un livello di gradimento maggiore.
La scelta di semplici "domini giocattolo" come quello di Copycat è dettata da un preciso assunto metodologico. Hofstadter ritiene infatti che una soluzione genuina al problema delle analogie si possa ottenere solo qualora il programma sia in grado di dominare la semantica dei concetti coinvolti, e questo, allo stato attuale delle conoscenze, è possibile solo su domini estremamente semplici come questi, dove il programma può avere una padronanza completa del mondo su cui opera. Tuttavia, nonostante la povertà dei domini affrontati, Hofstadter ipotizza che i meccanismi individuati siano di ampia portata, e, in linea di principio, generalizzabili a domini più ricchi. A questo proposito, Hofstadter è esplicitamente polemico nei confronti di altri modelli computazionali dell'analogia, che affrontano domini estremamente ricchi e complessi, ma che si basano tuttavia, a suo vedere, su meccanismi "ad hoc" e su risposte in parte preconfezionate.
Dunque, i programmi descritti nel libro non si presentano come tentativi di risolvere problemi locali e specifici, ma come il frutto di una riflessione generale e di una concezione globale dei fenomeni cognitivi. Nel volume è costante l'equilibrio fra la descrizione di specifici modelli computazionali, la presentazione di una concezione generale della mente e la discussione di aspetti filosofici e metodologici generali delle scienze cognitive. Così, ad esempio, vengono sottoposte a critica le posizioni tradizionali dell'intelligenza artificiale, e viene sostenuta la necessità del punto di vista subcognitivo, vengono esaminati i rapporti fra tale punto di vista e il connessionismo, viene discusso il ruolo del test di Turing nella metodologia delle scienze cognitive.
Il punto di maggiore interesse del progetto di ricerca di Hofstadter risiede probabilmente nella scelta di situarsi al livello subcognitivo non per studiare fenomeni mentali "periferici" (come la percezione di basso livello, o il controllo motorio) per i quali questa, in un certo senso, è quasi una scelta obbligata, ma per affrontare capacità mentali "di alto livello", come la creatività, la strutturazione dei concetti, la creazione di analogie. E ciò non nella prospettiva di elaborare meccanismi specifici, più o meno ad hoc, per affrontare singoli problemi, ma mirando a individuare principi generali dell'organizzazione mentale. Resta ovviamente da vedere se i microdomini indagati da Hofstadter e dal suo gruppo di ricerca potranno costituire un buon punto di partenza per un'impresa tanto ambiziosa. Ma a questo quesito, per il momento, nessuno può ancora dare una risposta.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore