Condorcet. Un costituzionalismo democratico

Gabriele Magrin

Editore: Franco Angeli
Anno edizione: 2001
In commercio dal: 1 marzo 2001
Pagine: 272 p.
  • EAN: 9788846428646
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 35,00

Venduto e spedito da IBS

35 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Condorcet non solo come figura paradigmatica del legame tra i Lumi e la Rivoluzione, ma anche come uno dei padri fondatori del costituzionalismo moderno. È questo il profilo interpretativo scelto dall'autore per un saggio estremamente ricco e ben documentato, che ha il merito di utilizzare, oltre all'edizione princeps delle Oeuvres di Condorcet, anche altre fonti primarie finora ignorate dagli studiosi: l'opera pubblicistica, i contributi di divulgazione costituzionale, il dibattito giornalistico relativo al suo progetto di Costituzione repubblicana e, soprattutto, i manoscritti personali posseduti dalla biblioteca dellÆInstitut de France. La ricerca si muove essenzialmente lungo tre linee guida: il contributo fornito da Condorcet, nella fase prerivoluzionaria, alla definizione di una teoria della Costituzione antagonistica al modello anglosassone; la lettura del pensiero costituzionale del filosofo come "terza via" rispetto a Montesquieu e Rousseau, volta cioè a conciliare il pieno dispiegamento della democrazia con un'efficace strategia di limitazione dei poteri; infine, l'idea che la più matura riflessione costituzionale di Condorcet, e in particolar modo il progetto costituzionale elaborato nel 1793, configurino una seconda matrice, minoritaria e storicamente sconfitta, del giacobinismo. Dall'analisi di questi tre aspetti scaturisce una visione innovativa del pensiero di Condorcet, che prende criticamente le distanze dalle due principali letture ideologiche del Novecento: quella ultraliberale, che da Talmon a Baker e a Furet, individua in Condorcet una vittima del "totalitarismo" giacobino, e quella di ascendenza marxista, che traduce banalmente Condorcet nell'immagine caricaturale di un angusto interprete dei diritti borghesi.

Francesco Cassata