Traduttore: C. Vitali
Collana: I grandi romanzi
Edizione: 1
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
In commercio dal: 8 febbraio 2006
Pagine: 418 p., Brossura
  • EAN: 9788817009690

84° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Religione e spiritualità - Cristianesimo - Teologia cristiana

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Descrizione

"Questa è l'autobiografia sanguinante di uno scrittore geniale, di un pensatore profetico, di un uomo che si espone senza sconti al giudizio della storia, ma soprattutto di un'anima che testimonia la necessità della relazione con Dio. Chi può non riconoscere in Sant'Agostino un suo fratello intimissimo? Chi non condivide con lui il desiderio essenziale di conoscere il mistero della creazione e il bisogno assoluto di essere amati?" (Christian Raimo)

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 5,40

€ 10,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Edo

    19/09/2018 19:20:06

    Un capolavoro che non smette mai di insegnare anche a chi vuole leggere senza il background religioso

  • User Icon

    Anco

    18/09/2018 16:49:42

    Come ci trasforma una passione? Come fa a diventare da carnale a spirituale, come fa a cambiare così tanto l’obiettivo, a spostare la ragione degli sforzi. Da che si voleva diventare un campione per la società, un uomo di successo e fama, decidere poi di infondere tutto l’impegno per dichiarare la propria devozione al dio che ha cambiato la tua vita. E, all’interno di questo capovolgimento, riuscire a tracciare quello che c’è sempre stato, quello che resta: un senso di inadeguatezza, di inquietudine, di errore, da una parte, e dall’altra una aspirazione all’eccellenza, all’intelligenza massima, perché diventare appassionati di un dio non significa smettere di volerne comprendere i misteri, anche i più grandi: cos’è la memoria? cos’è il tempo? Cosa si può dire di un dio che è al di là delle capacità di concezione umana? Una storia antica. Una storia modernissima.

  • User Icon

    Se già Levoratti o Filoramo indicano nel Battista l'antiprecursore e persino la prima e più dirompente eresia anticristiana, con l'Ipponate si precipita in antri ancora più devastanti. Ne "Le confessioni" Agostino inventa l'entronautismo della teologia positiva/catafatica: Dio sarebbe Colui che "cercavo fuori di me e non ti trovavo, perché tu sei il Dio del mio cuore" (VI,1.1), "tu eri dentro di me e io fuori. Lì ti cercavo. [...] Eri con me, e non ero con te" (X, 27.38). O, nel celebre aforisma del "De vera religione, XXXIX, 72": "Non uscire fuori di te, ritorna in te stesso: la verità abita nell'uomo interiore." Quest'inabitazione o pericoresi fra umano e divino, che tanto ebbe successo nella mistica soprattutto claustrale, è schiantata già all'interno delle stesse "Confessioni" e con appena 3 parole: Dio è "aliud, aliud valde" (VII,10.16). In questo modo Agostino diventa il padre fondatore della teologia cristiana negativa/apofatica: Kierkegaard nel 1800 parlerà d'"infinita differenza qualitativa", Otto nel 1917 di "ganz Andere", Barth di "totalmente Altro", Heidegger nella "Kehre" di "differenza ontologica", Blumenberg e Pannenberg di secolarizzazione vs. secolarismo, la "teologia della morte di Dio" d'un Gesù ridotto a illuministico e deista modello di virtù morali, fino all'ateismo esplicito, spogliato di qualsiasi edulcorazione. La teologia negativa considera Dio alterità Assoluta rispetto allo status quo, così da negare ogni eventuale intersezione per passato, presente e futuro. Ci condanna e per l'eternità all'inferno dell'assenza dell'Amore. Agostino, rimpallando tra "via affirmationis/positionis" e "via negationis", non considera la "via eminentiae" dell'"analogia entis" e del gradiente di "bello, buono e vero" ch'eppure aveva ereditato dal (neo)platonismo tanto da scrivere la "Meravigliosa gradazione dei beni" nella "Replica a un avversario della Legge e dei Profeti" 1,4.6. Questo testo avvia un "effetto farfalla" verso l'odierno stallo d'ogni ottimismo.

  • User Icon

    "Le Confessioni,senza essere un trattato di antropologia,illustrano il mistero,la natura,le aspirazioni dell'uomo"(M.Pellegrino). In effetti il fascino di questo capolavoro agostiniano proviene dal contenuto di umanità,che la personalità e il genio del suo autore hanno saputo effondere.Forse ognuno vi si ritrova con le proprie debolezze,e soprattutto con le proprie passioni,che Agostino riteneva forze vitali insostituibili,purchè incanalate verso il loro vero fine.Un secondo motivo di attrattiva di quest'opera è la profondità di contenuto filosofico,perchè vengono affrontati alcuni dei più grandi problemi dell'umanità: il problema del Male(quello fisico,metafisico e morale) e il problema del Tempo,in rapporto alla creazione e all'esistenza umana.Ultimo motivo di fascino è lo stile,avvincente e di indiscussa levatura letteraria.Non a caso,le Confessioni sono state definite il capolavoro poetico e letterario di tutto il Mondo Antico.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione