La congiura di Catilina. Testo latino a fronte - C. Crispo Sallustio - copertina

La congiura di Catilina. Testo latino a fronte

C. Crispo Sallustio

Scrivi una recensione
Edizione: 14
Anno edizione: 1976
Formato: Tascabile
In commercio dal: 1 maggio 1976
Pagine: 224 p.
  • EAN: 9788817120722

15° nella classifica Bestseller di IBS LibriClassici, poesia, teatro e critica - Classici greci e latini

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 7,65

€ 9,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 9,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Riccardo

    06/05/2013 22:56:46

    Sallustio è il primo grande storico romano. Con la sua scrittura rapida ed essenziale indaga in maniera magistrale il progressivo disgregarsi del "mos maiorum", delle antiche istituzioni, la crisi delle quali porterà alla fine della "res publica" ed all'affermazione del principato. Questa progressiva decadenza morale è emblematica in questa sua monografia, la più famosa. La semplicità e la chiarezza con le quali scrive fan sì che il lettore viva in prima persona la crisi della repubblica e la tentata congiura del corrotto Catilina, il ritratto del quale dà all'opera un tocco quasi tragico.

  • User Icon

    guglielmo aprile

    16/01/2012 22:17:41

    Un'epoca di passioni feroci, tormentate, divoranti. Anime che si portano dentro l'inferno, scosse dai demoni di desideri che le sommergono, che non sanno dominare, e alla fine ne sono travolte fino alla rovina personale. Titani che si fronteggiano, individualità scolpite nel fuoco, volontà adamantine disposte ad accettare la distruzione pur di non rinunciare di fronte alla propria sete di potere - molla che fa schiavi gli uomini, li brucia vivi, li maledice. Esiste una grandiosità nel Male, che fa cogliere l'assoluto non più nella vertigine dei cieli ma nell'abisso della perdizione: il seme lo getta la storiografia tragica latina, ma gli eroi neri di Shakespeare, di Byron e di Dostoevskji nascono da quel crogiuolo, che vede la morale soccombere dinanzi ai destini più significativi della specie. guglielmo aprile

| Vedi di più >
Note legali