Il conte di Montecristo - Alexandre Dumas,E. Franceschini - ebook

Il conte di Montecristo

Alexandre Dumas

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: E. Franceschini
Editore: Bur
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 3 MB
Pagine della versione a stampa: XXIV-914 p.
  • EAN: 9788858631522

nella classifica Bestseller di IBS Ebook eBook - Narrativa straniera - Classica (prima del 1945)

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 0,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
Fai un regalo

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nel febbraio del 1815, a Marsiglia, il marinaio Edmond Dantès viene falsamente accusato di bonapartismo e arrestato nel giorno delle nozze, alle soglie di una brillante carriera navale. Durante la prigionia nel castello d'If, uno scoglio in mezzo al mare, affina un odio feroce per gli autori della sua rovina e, quando l'amicizia con un altro prigioniero gli procura l'evasione nonché un favoloso tesoro, ne farà lo strumento di una vendetta grandiosa e spietata. Le mille identità che il conte assume per preparare la trappola ai suoi nemici, i suoi viaggi, gli avvelenamenti, gli intrighi, le scomparse, i ritorni: questo grande fiume creato dalla penna infaticabile di Dumas sa far voltare pagina come pochi altri, con la stessa urgenza con cui i lettori di due secoli fa aspettavano l'uscita della puntata successiva.
4,77
di 5
Totale 70
5
57
4
10
3
3
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Selene

    18/09/2018 10:47:52

    Opera immensa, la trama prende subito e non si vorrebbe smettere di leggere. Buona la traduzione BUR

  • User Icon

    Antonella

    26/01/2016 15:09:06

    Opera immensa e finita di leggere 5 minuti fa! l'edizione BUR è scorrevole e ben tradotta, la lingua di Dumas si lascia leggere piacevolmente, fin qui avrebbe meritato 5 stelle ma! ecco il ma, parlo proprio della storia: trovo il conte di montecristo a tratti antipatico, il suo volersi paragonare più volte a Dio, il suo agire da mano di Dio! e l'ultimo capitolo! il sacrificio estremo x dimostrare di amare davvero e di poter apprezzare la felicità! io vi consiglio questo libro assolutamente perchè fino a pagina 1000 è un capolavoro (tralasciando la megalomania del conte) ma il finale no! far soffrire così tanto l'amico amato come un figlio x apprezzare la felicità! NO! p.s. la miniserie con Depardieu discorda dal libro, sminuita la storia della signora Villeforte, personaggio molto complesso! sparito il figlio, sparita la signorina Danglars! nessuna importanza alla principessa greca!bah

  • User Icon

    iside

    22/07/2015 17:44:48

    La prima parte spettacolare, scorre davvero velocemente; purtroppo dopo le prime duecento pagine il libro rallenta e si dilunga in storie collegate (es. Franz e Alberto a Roma e la storia d'amore tra Massimiliano e Valentina, davvero troppo sdolcinata per i miei gusti). Peccato per il finale, che mi aspettavo "con il botto" e non così affrettato. Nonostante questo, il libro mi è piaciuto e lo consiglierei. Storia di vendetta, ma soprattutto di speranza, avvincente e senza tempo.

  • User Icon

    Fatima Bechini

    22/02/2015 00:50:59

    Ecco un romanzo di cui tutti conoscono la trama. Eppure credo che non ci sia lettore che si sottragga al suo fascino (che sia una droga?) Che cosa si deve giurare prima di intraprendere questa lettura? Di non provar rimorso guardando l'orologio che senza che ve ne accorgiate ha fatto un bel balzo in avanti; di non pentirvi osservando là sul tavolo una pila di libri "importanti" iniziati e non ancora finiti; di non scandalizzarvi di fronte a palesi errori cronologici, assurde digressioni, zeppe e ripetizioni; di non infastidirvi per qualche tiritera, piena di sentimenti elevati e di banalità, inneggiante al buon senso comune più conformista;di non storcere il naso per la sciattezza dello stile. A chi è consigliato-sconsigliato? A chi non avrebbe tempo da perdere, ma si è detto: "per rilassarmi un po', mi leggo qualche pagina, di questo mirabile Dumas, così, tanto per fare una pausa..." Finito il tomo di più di 1200 pagine (lette di fiato per tutto il tempo che si sarebbe dovuto dedicare alle incombenze serie), invece di piangere per il poco tempo che rimane, si piange perché il romanzo è finito. Mirabile Dumas! Il conte di Montecristo ci ha rapiti nel suo mondo e finché il libro non si chiude sull'ultima pagina, non si è più liberi.

  • User Icon

    giovanni

    18/09/2014 19:21:32

    Ehi ragazzi, ma non scherziamo! Tolstoj, Dostoevskij, Hugo, sono ben altra cosa!!

  • User Icon

    bilitti

    29/07/2014 19:14:20

    assolutamente consigliato.Bellissimo

  • User Icon

    Alessio

    24/02/2014 18:32:22

    Un romanzo denso, intrigante, in cui ogni lettore gode della lenta ma inesorabile metamorfosi di Edmond, in colui che si farà chiamare Conte di Montecristo. Ci si assapora ogni pagina, aspettando la prossima mossa del conte-Edmond e le conseguenti reazioni dei suoi oppositori. Nessuna sua azione è trascurabile, come ogni passo di un paziente maratoneta verso il traguardo. Libro avvincente come pochi.

  • User Icon

    alio76

    25/01/2014 18:15:56

    ho una edizione vecchia (pagata 15mila lire1!) di questo libro con una citazione di Italo calvino: " un classico è un libro che non ha finito di dire mai cioè che ha da dire" , ho preferito riportarla qui, mi sembra abbastanza utile; a ciò aggiungerei che è un'opera omnia, un romanzo che dà assuefazione, mi svegliavo alle 6:30 la mattina per leggerlo; magari Dumas non scrive come Hugo e non è profondo come i russi ma il conte di Montecristo è uno dei personaggi più cazzuti della storia della letteratura di sempre e la storia è avvincente come poche Un capolavoro, uno dei 50 must-read della storia!!!

  • User Icon

    Montecristo

    01/12/2013 22:48:24

    Ho scoperto, DOPO avere letto TUTTA l'edizione BUR, che tale versione presenta molte censure!!!!!!! Reazione: NOOOOOoooooooooooooooooooo...... Il libro è ugualmente bellissimo!!! Ragion per mi procurerò e leggerò l'edizione senza censure (Garzanti o Donzelli)! Rimane comunque un buon libro, ma io preferisco traduzioni fedeli e senza censure!!!

  • User Icon

    Maria B.

    03/11/2013 15:06:24

    Must have dei libri!

  • User Icon

    Euge

    29/07/2013 11:03:56

    Mille pagine per arrivare a una soluzione "tarallucci e vino" è veramente fastidioso. Giusto la vendetta contro Caderousse è carina: questa è una dei pochi momenti veramente travolgenti e pieni di pathos, di un romanzo logorroico che si perde in inutili e tediosi dialoghi e divagazioni. Non si può, quindi, definirlo un capolavoro, perché l'analisi storica, psicologica, filosofica, anche giurisprudenziale, che nei veri classici (russi, per es.) è ben contestualizzata, in questo caso invece fa solo perdere il filo e appesantisce il ritmo.

  • User Icon

    Francesco

    06/05/2013 15:45:39

    Prendi un libro, lo inizi a leggere per curiosità, e poi non riesci più a staccarti. Una sorprendente sorpresa, non pensavo. Eccezionale

  • User Icon

    filippo nox

    19/12/2012 21:47:40

    Letto in 6 giorni! Libro stupendo capace di farti palpitare e trattenere il respiro. Un capolavoro assoluto!!!! 5? 5.000.000 (di franchi; i lettori capiranno)!!!

  • User Icon

    G. Tur

    24/09/2012 22:02:59

    Libro forse non scorrevolissimo nella lettura, ma una volta abituati ci regala una delle più grandi storie di ogni tempo. Esaltante, rabbioso, riflessivo, sofferto, ingegnoso... Cattura il lettore in un modo difficile da descrivere e lascia il segno

  • User Icon

    Faby

    14/06/2012 12:58:30

    Un vero capolavoro della letteratura. L'unica pecca sta nella sua natura: è un romanzo d'appendice, ci sono spesso ripetizioni, alcune parti vengono dette e ridette rendendo così, in alcune parti, poco scorrevole la lettura. Sono però intoppi che si possono facilmente perdonare grazie alla storia stupenda che offrono, alla profondità dei temi, mai pero "pesanti". Merita pienamente la sua fama. Non è consigliabile a chi non ha tempo, chi legge in treno o comunque può leggerne solo poche pagine alla volta. Richiede, e merita, tempo e tranquillità.

  • User Icon

    Rocky Luke

    10/06/2012 17:35:43

    Un libro che tutti, almeno una volta nella vita dovrebbero leggere. Una storia impareggiabile, scritta da uno dei più grandi scrittori che siano mai esistiti. Dumas veniva pagato in base alle pagine che scriveva, ecco perchè il libro ha una certa consistenza, ma nonostante tutto, è consigliata la lettura. Un libro per tutte le età, e per sempre.

  • User Icon

    AmoLibri

    06/05/2012 15:57:11

    Un vero capolavoro. Non smetterò mai di leggerlo: sono già a quota 3!!! L'ho scoperto e l'ho amato! Altro che il cinema...

  • User Icon

    momo

    16/04/2012 15:49:58

    Capolavoro ASSOLUTO !!!!!!!

  • User Icon

    francesca

    20/02/2012 23:06:57

    la storia di una vendetta, portata avanti con ostinazione e orgoglio. BELLISSIMO.

  • User Icon

    Paolino

    22/11/2011 22:09:18

    È stata una diuturna lettura ben ricompensata dal contenuto fervente del romanzo scritto da Alexandre Dumas. Gli intrecci sono tutti così coinvolgenti che il lettore precipita nei meandri della fantasia dello scrittore e ne rimane entusiasta, ringraziandolo per la lettura voluttuosa. I temi quali la vendetta, l'amore, la fuga, la voglia di vivere, la morte, le disgrazie, il fallimento, l'innamoramento sono interessantissimi tanto che il viso del lettore si incolla alle pagine del libro, annusandone l'odore della carta, una goduria. Toccante è l'incontro tra Dantés e Mercedes dopo diciannove anni. Sublime è la rivelazione di Montecristo quando Caderousse è a un passo dalla morte. Incantevoli sono le parole di Dantés: credevo di essere un Dio, ma ero mortale. I personaggi come il Conte di Montecristo (Dantés) e l'abate Faria incuriosiscono il lettore sin dall'inizio, il quale segue con occhi infantili e attentamente i loro discorsi, le loro avventure e la fuga del protagonista. Benché il livello di coinvolgimento non migliori a mano a mano che le vicende proseguono (è un livello altalenante). Non ho mai letto un libro tanto emozionante come il conte di Montecristo; il romanzo è il capolavoro assoluto, la perfezione che si è dissolta nelle parole. Bisogna aver voluto morire, per sapere quanto è bello vivere, una perla. Leggetelo, non ve ne pentirete.

Vedi tutte le 70 recensioni cliente
  • Alexandre Dumas Cover

    Scrittore e drammaturgo francese. Riconosciuto maestro del romanzo storico e del teatro romantico, fu uno dei più prolifici e popolari scrittori francesi del diciannovesimo secolo. Figlio di Thomas-Alexandre Davy de La Pailleterie, soldato semplice figlio di un marchese, e di una schiava nera di Santo Domingo, Marie Cessette Dumas, dalla quale eredita il cognome. Alcuni anni dopo la morte del padre, nel 1823 il giovane Alexandre fu inviato a Parigi per intraprendere gli studi di legge. Nella capitale riuscì a ottenere, grazie alla sua buona calligrafia, diversi incarichi presso il Duca d'Orléans, il futuro re Luigi Filippo. Ebbe un figlio da una vicina di pianerottolo. Il figlio, anch'egli chiamato Alexandre Dumas, seguì le orme paterne e fu anch'egli scrittore... Approfondisci
| Vedi di più >
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali